Settembre 26, 2020

La Dakar 2020 affronterà il deserto dell’Arabia Saudita

I campioni in carica Al-Attiyah, Price, Nikolaev e Lopez prendono di mira più titoli.

Il 2020 Dakar Rally passa all’Arabia Saudita a gennaio dopo tre decenni in Africa e 11 edizioni in Sud America con la Red Bull Desert Wings in squadra per mantenere i loro titoli. Ecco tutto ciò che devi sapere:

– Nasser Al-Attiyah , Toby Price , Eduard Nikolaev e Chaleco Lopez hanno vinto tutti all’edizione di gennaio in Perù su terra battuta, ghiaia e sabbia con tutti e quattro i difensori.



– Il 30 ° Paese ospitante nella storia della gara più pericolosa delle corse fuoristrada fornirà un severo test attraverso una vasta distesa di deserto per auto, biciclette, camion, quad e UTV che partiranno dal 5 gennaio a Jedda attraverso 9.000 km di sabbia per Al-Qiddiya il 17 gennaio.

– La velocità e le capacità di navigazione saranno messe alla prova dal Mar Rosso al Golfo Arabico con dune alte 250 metri tra i coraggiosi concorrenti e il traguardo.



– Il Qatar Al-Attiyah e il copilota Matthieu Baumel (FRA) cercheranno di mantenere la loro Toyota Hilux davanti a un campo automobilistico di qualità accatastato con ex vincitori della Dakar come Giniel de Villiers, Stephane Peterhansel e Carlos Sainz e il talentuoso Pole Kuba Przygonski.

– Il tredici volte campione Peterhansel correrà con la sua buggy MINI John Cooper Works con la moglie Andrea dopo aver vinto la Coppa del mondo FIA 2019 per i raduni di fondo.

– L’Australian Price dovrà affrontare un compito difficile se vuole farne una tripletta come ex vincitori Sam Sunderland (GBR) eMatthias Walkner (AUT) si mette in fila con la sua Red Bull KTM Factory Team per registrare una vittoria senza precedenti 19 ° consecutiva.

– L’argentino Luciano Benavides ha vinto quest’anno il Campionato mondiale FIM Junior di sci di fondo e lo spagnolo Laia Sanz il Campionato mondiale FIM di sci di fondo femminile quest’anno per aumentare le speranze in bici con CS Santosh (IND), Mohammed Balooshi (UAE) e i fratelli Daniel e Walter Nosiglia (BOL) spera anche di combattere attraverso le dune di sabbia precarie.

– Il Team Kamaz Master ha vinto nove delle 11 edizioni di camion in Sud America mentre Nikolaev punta a un quinto titolo contro Anton Shibalov , Andrey Karginov eDmitry Sotnikov .

– Il cileno Lopez difende il suo titolo fianco a fianco con il connazionale Ignacio Casale di nuovo nella categoria quad bike contro avversari come Fahad Al Musallam (KUW).



Nasser Al-Attiyah : “OK, la posizione è cambiata ma la Dakar sarà ancora la Dakar. Sarà ancora dura, lo sappiamo. Sto sempre imparando. Anche quando vinci, come abbiamo fatto nell’ultima Dakar , puoi ancora imparare molto. Ci sono così tanti buoni piloti là fuori, l’unico modo per rimanere davanti è quello di essere al meglio ogni giorno della manifestazione. “

Stéphane Peterhansel: “Per noi sarà una gara davvero interessante in Arabia Saudita. Conosco solo un po ‘del paese, da una gara motociclistica che ho fatto molto tempo fa. Ricordo paesaggi meravigliosi. Sono sicuro che è perfetto per la Dakar Un sacco di deserto e spazi aperti, molte possibilità. “

Andrea Peterhansel : “Più ci avviciniamo alla Dakar, più mi emoziono. Ho visto come è il deserto in Arabia Saudita e stiamo ottenendo ulteriori informazioni su cui lavorare. Da quello che ho visto , questa prossima Dakar sarà una grande sfida per tutti “.

Carlos Sainz: “Sappiamo che ci saranno lunghi giorni in questa Dakar. Endurance ne sarà una grande parte. Sono sempre lunghi giorni alla Dakar, ma quest’anno penso che sarà un po ‘più di prima. Il mio il metodo è sempre stato quello di prepararsi al peggio. In questo modo, qualunque cosa accada, sei preparato. “

Giniel de Villiers: “Sono stato il primo vincitore quando la Dakar è andata in Sud America, quindi speriamo di poter essere il primo vincitore in Arabia Saudita! Quando è una nuova sfida per tutti, livella il campo di gioco. Vedo che il terreno è carino adatto a noi. Faremo del nostro meglio e vedremo cosa succede. “

Toby Price: “L’obiettivo per il 2020 è lo stesso di sempre. Vogliamo sempre finire su quel gradino più alto in qualsiasi gara partecipiamo, ma soprattutto alla Dakar. C’è anche l’obiettivo di uscire dall’altra parte del rally in un unico pezzo, sano e sicuro “.

Sam Sunderland : “Non è un fatto negativo conoscere la regione molto bene, avendo vissuto lì per 11 o 12 anni. Lontano dalla gara ho anche familiarità con la vita in Arabia Saudita, quindi penso che potrebbe aiutarmi Solo cose semplici come sapere quali tipi di alimenti aspettarsi possono essere di grande aiuto “.



Matthias Walkner: “Mi aspetto che il terreno sia più o meno lo stesso di quello che abbiamo avuto in Sud America. Ho trascorso gran parte dell’anno a riprendermi da un infortunio. Per fortuna dopo alcuni mesi sono entrato in un ritmo e ha lavorato sodo per tornare in sella alla mia moto. È bello sapere che tutto quel duro lavoro ha dato i suoi frutti “.

Luciano Benavides : “Essendo dall’Argentina, ovviamente ci sono cose che mi mancheranno ora, la Dakar si è allontanata dal Sud America. Tuttavia, correre lontano da casa toglie un po ‘di pressione. Questo può essere positivo per me.”

Laia Sanz: “Sono molto eccitato, penso che la Dakar avesse bisogno di un cambiamento. Naturalmente ci siamo divertiti molto in Sud America, ma è sempre bello scoprire qualcosa di nuovo. Questi posti saranno sconosciuti a tutti noi. Per questo penso la 2020 Dakar sarà una delle migliori gare che abbiamo mai avuto. “

Eduard Nikolaev : “La Dakar si sta trasferendo in un nuovo continente e stiamo tutti aspettando ciò che ci aspetta. Molto imprevedibile. Il terreno potrebbe essere simile alle Dakar africane – non abbastanza la quantità di alte dune come in Perù, ma molte terreno roccioso come in Marocco. Siamo preparati per un percorso difficile. “

Dmitry Sotnikov: “Per questa Dakar stiamo passando a un cambio automatico. Vediamo seri vantaggi e i cambi automatici stanno guadagnando popolarità tra i concorrenti in gara. Non smettiamo mai di cercare di migliorare i nostri camion”.

Chaleco Lopez : “Ho avuto tre podi alla Dakar, due in moto e l’anno scorso con la side-by-side. Nel 2020 le cose saranno diverse, la geografia cambierà. Tuttavia, penso che l’essenza della Dakar rimarrà lo stesso “.

Ignacio Casale : “È un peccato per il Sud America perdere un evento tremendo, ma il trasferimento in Arabia Saudita mi ha procurato un’iniezione di ulteriore motivazione. Ci sono nuove rotte da scoprire, nuove sfide e nuovi luoghi da conoscere. Ecco perché tutti si sono innamorati di questo sport in primo luogo “.