Settembre 21, 2020

World Rally Championship leader Evans faces gravel at Rally Mexico

Il vincitore della Svezia affronta la sfida di liberare le strade di ghiaia per i suoi rivali.

Questa settimana Elfyn Evans è a capo del FIA World Rally Championship per la prima volta nel calendario di apertura su strada sterrata della stagione in Messico.



La stella da tavolo Toyota, che ha conquistato i punti con la vittoria in Svezia il mese scorso, sa che il suo successo avrà un costo al Rally Guanajuato in Messico (12-15 marzo), il primo appuntamento dell’anno fuori dall’Europa.


Deve pagare nelle montagne intorno a Leon quando dirige l’ordine di partenza per il primo giorno intero di venerdì su strade ricoperte di ghiaia asciutta e scivolosa. Quelle piste diventano più pulite e più veloci con il passaggio di ogni auto mentre la sporcizia viene spazzata via.

Con temperature che superano i 30 ° C e cieli blu attesi per tutto l’evento, il desiderio di Evans di pioggia per legare insieme la ghiaia sciolta sembra abbandonato.

“È stato un po ‘lungo per la pioggia. E avrebbe dovuto piovere per un bel po’ per fare molta differenza perché la superficie si asciuga abbastanza rapidamente qui”, ha ammesso il gallese, che è legato su punti con Thierry Neuville ma conduce alla rovescia.

“Abbasseremo la testa e andremo avanti con essa. Non ha senso pensarci o davvero parlarne troppo. Dobbiamo quasi dimenticarcene e concentrarci solo sul lavoro in corso.”

Né Neuville né il cinque volte vincitore del rally Sébastien Ogier beneficiano molto del secondo e del terzo ordine. Ma un uomo che lo fa è il compagno di squadra Hyundai i20 di Neuville, il campione del mondo Ott Tänak, che inizia al sesto posto.

“È un buon posto, migliore dei cinque ragazzi davanti a me, ma ci sono ancora alcuni guidatori veloci che stanno arrivando”, ha detto l’Estonia.



Uno di questi è il compagno di squadra Dani Sordo, che fa il suo primo inizio dell’anno ed è l’ultimo dei pionieri sulle strade. È desideroso di sfruttare al massimo la presa in più per mettersi in una posizione forte per le ultime due gambe quando i concorrenti iniziano in ordine inverso di classificazione.

“La nostra posizione sulla strada il primo giorno dovrebbe essere vantaggiosa, ma da sola non basta. L’altitudine rende un evento difficile, quindi dobbiamo essere preparati fisicamente e prenderci cura anche della macchina”, ha detto lo spagnolo, che sostituisce Craig Breen nella line-up di Hyundai.

Il percorso sale a oltre 2.700 metri, un livello in cui i motori fanno fatica a “respirare” nell’aria più sottile e perdono il 20% della loro potenza. Gli errori vengono puniti più severamente poiché l’accelerazione alla massima velocità richiede più tempo.

Di ritorno dopo l’assenza di una manifestazione è Gus Greensmith di M-Sport Ford . Il britannico si unisce ai clienti abituali Esapekka Lappi e Teemu Suninen a Fiestas.


La manifestazione inizia giovedì sera con due iconici test su strada attraverso gli ex tunnel minerari di Guanajuato. Altri tre giorni di azione seguono sulle montagne della Sierra de Lobos e della Sierra de Guanajuato prima del traguardo di domenica pomeriggio a Leon dopo 24 tappe che coprono 324,85 km.

Trova tutte le storie, le immagini e i video nella  WRC Media Room