Ottobre 1, 2020

Il BMW Group utilizza Blockchain per favorire la trasparenza della catena logistica

Tracciabilità di parti e materie prime essenziali in complesse catene di approvvigionamento internazionali +++ Il progetto BMW “PartChain” mira a una soluzione a livello industriale per la condivisione sicura dei dati +++

Monaco. Il BMW Group utilizza tecnologie digitali innovative per ottimizzare i suoi processi. Un buon esempio di questo è Blockchain, una tecnologia che consente la condivisione dei dati a prova di manomissione, con potenziali applicazioni in tutta la catena del valore automobilistica. Il BMW Group sta utilizzando questa tecnologia negli acquisti per garantire la tracciabilità dei componenti e delle materie prime nelle catene di approvvigionamento internazionali in più fasi. “Nel 2019, abbiamo condotto un progetto pilota di successo per l’acquisto di luci anteriori. Quest’anno vogliamo estendere il progetto a un gran numero di altri fornitori “, ha affermato Andreas Wendt, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG responsabile della rete di acquisti e fornitori.

Le catene di approvvigionamento internazionali dell’industria automobilistica sono estremamente complesse. In genere coinvolgono numerosi giocatori in diverse fasi di consegna e spesso subiscono rapidi cambiamenti. Per questo motivo, ad esempio, può essere necessario uno sforzo considerevole per tracciare chiaramente l’origine o il percorso di fornitura di un componente. Fino ad ora, è stato consuetudine per molti partner gestire i propri dati separatamente. I rispettivi sistemi IT delle aziende non sono sempre stati in grado di comunicare in modo coerente tra loro. Per gli esperti d’acquisto del Gruppo BMW e i suoi fornitori, garantire la trasparenza ha comportato quindi un notevole sforzo manuale.

“PartChain consente la raccolta e la transazione di dati a prova di manomissione e costantemente verificabili nella nostra catena di fornitura”, ha affermato Wendt. Nel 2019 il progetto pilota si è concentrato esclusivamente sul monitoraggio delle parti. A lungo termine, il BMW Group prevede anche che il progetto consenta la completa tracciabilità delle materie prime essenziali, dalla mia alla fonderia. Wendt: “Questa mossa è progettata per portare la digitalizzazione degli acquisti nel BMW Group al livello successivo. La nostra visione è quella di creare una piattaforma aperta che consentirà lo scambio e la condivisione sicura e anonimizzata dei dati all’interno delle catene di approvvigionamento in tutto il settore. “

PartChain utilizza le tecnologie cloud (ad esempio Amazon Web Services, Microsoft Azure) oltre alle soluzioni Blockchain. Ciò consente di tenere traccia dell’origine dei componenti tra tutti i partner partecipanti senza alcun rischio di manipolazione. Il progetto pilota del 2019 ha già coinvolto due dei 31 stabilimenti del Gruppo BMW (Spartanburg / USA e Dingolfing), nonché tre sedi del fornitore Automotive Lighting. Quest’anno, la piattaforma sarà distribuita a una decina di fornitori.

Il BMW Group ha co-fondato Mobility Open Blockchain Initiative (MOBI) nel 2018

Una soluzione a livello di settore consentirebbe a tutti i partner partecipanti di collegare i loro processi aziendali più da vicino e coordinarsi tra le aziende. Tuttavia, sono necessari standard e modelli di controllo comuni per sfruttare tutto il potenziale di una piattaforma aperta. Il BMW Group ha quindi co-fondato la Mobility Open Blockchain Initiative (MOBI) nel 2018, un’iniziativa intersettoriale che comprende 120 aziende leader nel settore automobilistico, della mobilità e della tecnologia. All’interno di MOBI, la società dirige un gruppo di lavoro su questioni relative alla catena di approvvigionamento. L’obiettivo condiviso dei membri MOBI è aiutare la tecnologia Blockchain a penetrare nel settore della mobilità. “Vogliamo condividere il nostro approccio PartChain con l’iniziativa e invitare le aziende interessate ad aderire all’iniziativa”, ha spiegato Wendt.

Ulteriori informazioni sull’iniziativa MOBI sono disponibili sul sito www.dlt.mobi.