Settembre 26, 2020

Nissan realizzerà maschere facciali per gli operatori sanitari in Giappone

Pianifica le chiamate per realizzare 2.500 scudi al mese; società che studia ulteriori modi per sostenere la lotta contro COVID-19

YOKOHAMA, Giappone – Nissan inizierà a produrre scudi protettivi per gli operatori sanitari in Giappone che sono in prima linea nella lotta contro COVID-19.

Il piano attuale prevede la produzione di 2.500 scudi al mese. La produzione inizierà questo mese presso il Centro tecnico Nissan, il Centro ricerche Nissan e lo stabilimento di Yokohama.

Inoltre, in risposta a una richiesta del governo giapponese, Nissan sta studiando come supportare le aziende che producono ventilatori e macchine artificiali cuore-polmone. Nissan prevede di aiutare questi produttori proponendo miglioramenti alle procedure di produzione, fornendo spazio di lavoro o manodopera per aiutare le aziende a intensificare la produzione e fornendo parti carenti.

Nissan ha già avviato iniziative simili in altre regioni. Negli Stati Uniti, la società sta realizzando scudi protettivi per gli operatori sanitari in Michigan, Mississippi e Tennessee.

Nel Regno Unito, un team di volontari dello stabilimento Nissan Sunderland ha sostenuto la consegna di schermi protettivi per il viso. Più di 77.000 scudi lasceranno l’impianto entro la fine di questa settimana e dalla prossima settimana verranno distribuiti settimanalmente fino a 100.000 scudi. Nissan ha fornito fondi aggiuntivi per uno strumento di stampaggio ad iniezione che aumenta notevolmente il numero di schermi prodotti.

In Spagna, Nissan inizia la produzione di respiratori medici in collaborazione con Hospital de Sant Pau, la società di ingegneria QEV Technologies e il centro tecnologico Eurecat. La produzione dei respiratori inizierà questa settimana nello stabilimento Powertrain di Nissan a Barcellona.

Il gruppo Nissan continuerà gli sforzi per sostenere le misure contro la diffusione di COVID-19, sfruttando le competenze acquisite attraverso l’ingegneria e la produzione dei veicoli, l’utilizzo delle risorse esistenti e la cooperazione con i governi e le parti correlate in ciascun paese.