Ottobre 29, 2020

Jochen Neerpasch nel BMW Junior Team: “Impara insieme per migliorare insieme”.

Monaco. Con la prospettiva che la Nürburgring Endurance Series (NLS) inizi la sua stagione alla fine di giugno, i preparativi per la prima uscita in gara del BMW Junior Team stanno riprendendo velocità. Situazione attuale permettendo, Juniores sarà ottenere i loro primi giri di gara sul Nordschleife sotto la cintura il 27 ° giugno. Un osservatore appassionato sarà Jochen Neerpasch. Il primo amministratore delegato di BMW Motorsport GmbH e il BMW Junior Team sta supportando l’attuale tutor come Juniors – Dan Harper (GBR), Max Hesse (GER) e Neil Verhagen (USA) – come mentore. In un’intervista, confronta la loro situazione attuale con i prerequisiti del leggendario primo BMW Junior Team nel 1977.


Signor Neerpasch, ha plasmato la storia della BMW Motorsport per molti anni dal 1972. Ora ha dato nuova vita all’idea del BMW Junior Team. Come è potuto succedere?

Jochen Neerpasch: “BMW Motorsport è venuto da me e mi ha chiesto di aiutarli a sviluppare una nuova priorità per lo sviluppo dei giovani. Ho quindi suggerito di tornare a sostenere un BMW Junior Team. Dopotutto, negli ultimi decenni la BMW è riuscita a far nascere giovani di grande talento e talento, ma sempre individualmente “.

Perché lo spirito di squadra svolge un ruolo così importante per te?

Neerpasch: “Come squadra, vedi di più, provi di più, chiacchieri tra loro e ci aiutiamo a vicenda. Ciò era evidente per tutti con il primo BMW Junior Team nel 1977, e ora gioca un ruolo ancora più importante, poiché i Juniors condivideranno un’auto nelle gare di endurance sul Nürburgring-Nordschleife. Devono imparare insieme, per migliorare insieme. In questo modo, si svilupperanno molto più velocemente rispetto a se ognuno lavorasse da solo. “

Perché hai deciso su Dan Harper, Max Hesse e Neil Verhagen?

Neerpasch: “Abbiamo cercato conducenti che sono migliorati continuamente nelle rispettive classi. Dovevano essere stati al terzo posto in ciascuna categoria in cui hanno corso. Inoltre, per noi era importante riunire un team di piloti internazionali con background e personaggi culturali diversi. Dovrebbero completarsi a vicenda e imparare gli uni dagli altri. “

Per fare un confronto, come è stato selezionato il BMW Junior Team originale nel 1977?

Neerpasch: “Era sostanzialmente lo stesso sistema. Eddie Cheever, Marc Surer e Manfred Winkelhock erano tra i giovani piloti più promettenti in varie categorie a quel tempo – e anche loro erano una squadra internazionale con personaggi diversi. Nel loro caso, potresti vedere quanto hanno lavorato bene come squadra e quanto più velocemente si sono sviluppati di conseguenza. Sulla base di questa esperienza, abbiamo adottato un approccio molto simile nel mettere insieme il BMW Junior Team di oggi. “

All’epoca, Cheever, Surer e Winkelhock erano famosi per il loro stile di guida aggressivo. Tuttavia, non hai provato a fermarli. Perchè no?

Neerpasch: “Perché quella era la filosofia. Dovrebbero guidare liberamente. Allora, abbiamo persino permesso loro di affrontare i nostri piloti esperti nel campionato tedesco di corse automobilistiche, prima di imparare da loro, poi di sfidarli. Il nostro approccio non era quello di vincere il titolo con il BMW Junior Team, ma di sviluppare i giovani talenti. È così che gestiremo le cose anche con l’attuale BMW Junior Team. ”

Sei ancora in contatto con Eddie Cheever e Marc Surer?

Neerpasch: “Sì, assolutamente. Più che appena in contatto: sono sicuro che ci incontreremo più regolarmente al più presto. Sono entrambi incuriositi dall’incontrare i loro successori e guardarli in pista. “

Come ti è venuta l’idea di supportare in particolare i giovani piloti?

Neerpasch: “Quando partecipavo alle gare da solo negli anni ’60, il motorsport non era considerato uno sport. Come tale, un pilota non è stato visto come un atleta, ma un pilota. L’auto ha fatto tutto il lavoro. Di conseguenza, i conducenti all’epoca non erano ben preparati fisicamente per gli sforzi. Mi sono concentrato su questo punto come capo delle corse, dopo la mia carriera attiva. Volevo porre l’accento sulla combinazione di uomo e macchina e supportare i piloti da corsa nella loro preparazione. All’epoca, ero già convinto che l’auto migliore non valesse nulla, se il guidatore non è in grado di sfruttare appieno il suo potenziale. BMW è stato il primo produttore a preparare professionalmente i piloti per le gare. “



Come sono cambiate le corse automobilistiche negli ultimi decenni, dal punto di vista di un pilota?

Neerpasch: “Le richieste poste ad un pilota da corsa oggi sono completamente diverse dai miei tempi. All’epoca, guidare un’auto da corsa era più un’avventura, perché non c’erano quasi aiuti tecnici. L’autista era da solo in macchina ed era in grado di fornire all’ingegnere qualsiasi feedback sul modo in cui la macchina stava gestendo una volta tornato in garage. Al giorno d’oggi, parte della tecnologia è più avanzata del conducente e gli dice persino come reagire in determinate situazioni. Ciò significa che per i piloti di oggi sono richieste altre abilità. I sensori che deve usare, al fine di ottenere il meglio da se stesso e dalla sua auto, sono qualcosa di completamente diverso. Ovviamente hai bisogno di metodi di allenamento speciali per allenarti, come ad esempio il concetto di allenamento mentale e fitness di Formula Medicine ”.

All’epoca del primo BMW Junior Team, eri a capo della BMW Motorsport GmbH. Cosa ricordi di quel momento?

Neerpasch: “Già alla fine del 1960, Ford mi si avvicinò e mi chiese di unirmi alla loro direzione come capo delle corse. Dato che ero all’apice della mia carriera come pilota da corsa a quel tempo, quella fu una delle decisioni più difficili che io abbia mai preso. Tuttavia, ho deciso di accettarli nella loro offerta e non mi sono mai pentito di averlo fatto. Ho costruito da solo un reparto corse specifico lì, e quando abbiamo iniziato a battere i coupé BMW di quel tempo con la nostra Ford Capri, il direttore delle vendite BMW mi ha chiesto di venire a Monaco all’inizio del 1972. Ho firmato il mio contratto un pochi mesi dopo. La BMW voleva riorganizzare il proprio impegno nel motorsport. Sulla base della mia esperienza in Ford, ho richiesto sin dall’inizio un’organizzazione flessibile. Doveva esserci un dipartimento separato per gli sport motoristici, che costruiva le auto da corsa e poi, basato su queste auto, ha sviluppato auto sportive ad alte prestazioni per le strade, con le quali sarebbe possibile fare soldi. Nel maggio del 1972 ci siamo messi in moto e abbiamo sviluppato per la prima volta la BMW 3.0 CSL, che negli anni seguenti è diventata l’automobile da turismo di maggior successo. In generale, la BMW Motorsport GmbH si è sviluppata molto rapidamente. È stato il momento migliore della mia carriera. “

Come guardi ora al progetto che hai iniziato allora?

Neerpasch: “Sono molto orgoglioso di vedere cosa è successo a BMW M GmbH. Costruiscono macchine fantastiche, perfette sia per la pista che per la strada. “



Una delle icone della BMW M GmbH, e probabilmente il tuo più grande progetto, era la BMW M1, vero?

Neerpasch: “La BMW M1 è stata sicuramente il momento clou del mio periodo in BMW. Il progetto non era solo grande, ma anche duro. L’idea non era quella di trasformare un’auto da strada in un’auto da corsa, come era stata fino ad allora, ma di sviluppare un’auto da corsa e quindi ricavarne una versione stradale. Poiché non era possibile costruire la BMW M1 nello stabilimento BMW, noi della BMW Motorsport GmbH ci assumevamo la piena responsabilità dello sviluppo, della produzione e delle vendite. È stato un progetto molto ambizioso. Sfortunatamente, abbiamo avuto molti problemi con la produzione, motivo per cui non siamo stati in grado di omologare la BMW M1 per il motorsport. Insieme a Max Mosley e Bernie Ecclestone, ci è venuta l’idea di lanciare la serie M1 Procar sul programma di supporto per la Formula 1. Le battaglie testa a testa tra le stelle della Formula 1 e affermati piloti sportivi e automobilistici, in macchine identiche, erano iconiche. I primi cinque piloti di Formula 1 sono sempre andati testa a testa. Quelle gare nella BMW M1 sono state fantastiche e autentiche attrazioni.



Guidi ancora una BMW M1 di tanto in tanto in questi giorni?

Neerpasch: “Lo faccio. La BMW M1 è ancora fantastica da guidare. Ne avevo uno anch’io, ma a un certo punto l’ho venduto. In realtà è un peccato, perché probabilmente varrebbe una fortuna oggi. ”