Dicembre 5, 2020

BMW Group increases sales of electrified vehicles in first half-year, despite COVID-19

Monaco. Come previsto, i dati sulle vendite del BMW Group per i primi sei mesi di quest’anno sono stati influenzati dagli effetti della chiusura temporanea dei punti vendita in tutto il mondo. La società ha consegnato un totale di 962.575 (-23,0%) veicoli BMW, MINI e Rolls-Royce premium ai clienti di tutto il mondo nel primo semestre.

“Stiamo seguendo da vicino lo sviluppo della domanda globale e continuiamo a pianificare vari scenari in modo da poter rispondere rapidamente mentre le regioni di tutto il mondo si riprendono dalla pandemia di coronavirus a diverse velocità”, ha affermato Pieter Nota , membro del consiglio di amministrazione di BMW AG responsabile per clienti, marchi e vendite. “Stiamo assistendo a uno sviluppo positivo in Cina, dove le nostre vendite del secondo trimestre sono state ancora una volta in aumento rispetto all’anno precedente”, ha sottolineato Nota. “La domanda dei nostri veicoli elettrificati ha anche sovraperformato l’andamento del mercato nella prima metà dell’anno. La nostra vasta gamma di modelli ibridi plug-in e la nuova MINI completamente elettrica sono molto richiesti dai nostri clienti “, ha aggiunto.

Consegne di veicoli nel primo semestre per marchio

Un totale di 842.153 (-21,7%) veicoli BMW sono stati consegnati nei primi sei mesi dell’anno in corso. Il marchio MINI ha venduto 118.862 unità (-31,1%) nello stesso periodo.

Nella prima metà dell’anno sono stati consegnati ai clienti 61.652 (+ 3,4%) veicoli BMW e MINI elettrificati .

La Rolls-Royce Motor Cars ha registrato vendite per 1.560 (-37,6%) veicoli nella prima metà dell’anno in corso.

Tra gennaio e giugno sono state vendute anche 76.707 (-17,7%) motociclette .

Decisioni strategiche sul futuro schieramento di modelli che daranno frutti

Il BMW Group ha iniziato presto con l’elettrificazione sistematica del suo portafoglio di veicoli. Il BMW Group offre già modelli ibridi plug-in in tutti i segmenti di veicoli rilevanti e occupa un ruolo di primo piano in Germania e nel mondo. In questo contesto, la società accoglie con favore il pacchetto economico tedesco e si aspetta di beneficiare di questo stimolo, soprattutto attraverso l’incentivazione dei veicoli elettrificati. La produzione della BMW iX3 completamente elettrica inizierà tra pochi mesi. L’anno prossimo, l’elettrificazione della gamma di modelli continua con la BMW i4 completamente elettrica e la BMW iNEXT. Entro il 2023, il BMW Group intende avere un totale di 25 modelli elettrificati sulle strade, di cui oltre la metà completamente elettrici.

Il BMW Group ha anche continuato a rinnovare la sua gamma di modelli e ha presentato la nuova generazione della sua sportiva BMW Serie 4 Coupé a due porte nel segmento delle medie dimensioni alla fine di maggio. La nuova BMW Serie 5 è presente anche sul mercato da giugno, con numerose innovazioni nel design e nella tecnologia che sono alla base della sua posizione di leader nel segmento medio superiore di fascia alta. THE 5 offre la più ampia selezione di ibridi plug-in nel portafoglio BMW, con cinque varianti di modello.

Anche la giovane gamma di prodotti elettrificati del marchio MINI ha avuto un impatto positivo sui dati di vendita. Nella prima metà di quest’anno sono state vendute 8.587 unità combinate (+ 4,1%) dell’ibrido plug-in MINI Cooper SE Countryman ALL4 * e la MINI Cooper SE * completamente elettrica.

Vendite BMW e MINI in regioni chiave di tutto il mondo

Germania

Il mercato interno del BMW Group ha visto una tendenza positiva nei nuovi ordini – in particolare per i veicoli elettrificati – presso la BMW, e in particolare la MINI. Un totale di 116.255 veicoli BMW e MINI (-29,1%) sono stati venduti nei primi sei mesi; Il 10,8% di questi era elettrificato.

Europa

Nella regione europea, tra gennaio e giugno di quest’anno sono stati consegnati ai clienti 372.428 (-32,3%) veicoli BMW e MINI. Con 40.734 BEV e PHEV venduti, la percentuale di veicoli elettrificati si attesta al 10,9%. Con eccezioni molto limitate, tutti i punti vendita al dettaglio nella regione erano stati riaperti entro la fine del primo semestre.

Nord America

La situazione negli Stati Uniti rimane mista e varia da stato a stato. A metà giugno, tutti i punti vendita erano stati riaperti per la prima volta dall’inizio di marzo. Nel primo semestre dell’anno sono stati consegnati ai clienti 133.844 veicoli (-30,6%); di questi, 121.657 (-29,6%) erano veicoli a marchio BMW.

Cina

In Cina, le vendite dei primi sei mesi dell’anno sono ammontate a 329.069 veicoli (-6,0%). Le vendite nel secondo trimestre sono già aumentate del 17,1% su base annua. Questo continua la tendenza positiva che punta alla ripresa in questo mercato da marzo.

Le vendite del BMW Group nel secondo trimestre e nel primo trimestre del giugno 2020 in breve

Q2 2020Rispetto all’anno precedente%1 ° semestre 2020Rispetto all’anno precedente%
BMW Group Automotive 1485.701-25,3%962.575-23,0%
BMW 1430.397-23,2%842.153-21,7%
MINI 154.597-38,2%118.862-31,1%
BMW Group elettrificato * 131.095-4,9%61.652+ 3,4%
Rolls-Royce 1707-46,8%1.560-37,6%
BMW Motorrad41.933-23,2%76.707-17,7%

* BEV e PHEV

Vendite BMW e MINI nelle regioni / mercati

Q2 2020Rispetto all’anno precedente%1 ° semestre 2020Rispetto all’anno precedente%
Europa 1151.869-45,6%372.428-32,3%
Germania * 148.264-46,0%116.255-29,1%
Asia 1253.533+ 7,5%416.153-8,1%
Cina 1212.617+ 17,1%329.069-6,0%
Americhe 170.311-41,1%152.102-30,5%
USA 156.245-39,5%120.937-29,4%

1 In relazione a una revisione delle sue vendite e delle relative pratiche di rendicontazione, il BMW Group ha esaminato i dati di consegna dei veicoli al dettaglio nel periodo precedente e ha stabilito che alcune consegne di veicoli non sono state segnalate nei periodi corretti. Ulteriori informazioni sono disponibili nel comunicato stampa del 12 marzo che annuncia i risultati finanziari del BMW Group per il 2019 e nel Rapporto annuale 2019 del BMW Group. Come aggiornamento delle informazioni ivi fornite, il BMW Group ha rivisto i dati sulle consegne di veicoli in modo retrospettivo risalendo al 2015 nei suoi sedici mercati più significativi.