Dicembre 4, 2020

Il BMW Group conferma le prospettive per il 2020: prestazioni notevolmente migliorate nel terzo trimestre

Monaco. Il BMW Group ha aumentato il volume delle vendite e l’utile netto nel terzo trimestre del 2020 e, nella fase di nove mesi, è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi per l’intero anno. Il BMW Group è stato in grado di trarre vantaggio durante il terzo trimestre dalla ripresa della domanda regionale, nonché dall’attraente portafoglio di modelli offerti ai clienti. Allo stesso tempo, l’efficienza dei costi e la gestione della liquidità rimangono fattori decisivi per far fronte all’impatto in corso della pandemia della corona nelle sue diverse forme regionali nella migliore misura possibile.

“La performance del terzo trimestre sottolinea la forza operativa e la capacità del BMW Group di funzionare bene in un ambiente difficile. Abbiamo migliorato gli utili del Gruppo rispetto a un anno prima e siamo quindi fermamente sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi per l’intero anno. Gestiamo da vicino le nostre operazioni quotidiane, tenendo conto delle fluttuazioni regionali della domanda e possiamo rispondere alle mutevoli situazioni di mercato in qualsiasi momento “, ha affermato Oliver Zipse, Presidente del consiglio di amministrazione di BMW AG, mercoledì a Monaco. In questo modo, il Gruppo ha generato un utile prima delle imposte nella regione di 2,5 miliardi di euro nel terzo trimestre. Il flusso di cassa libero nel segmento Automotive ha superato i 3 miliardi di euro. “Stiamo plasmando la trasformazione del nostro settore da una posizione di forza e siamo molto ben posizionati per gli anni a venire. Allo stesso tempo, stiamo già allineando strategicamente e tecnologicamente il Gruppo per il periodo successivo al 2025, inclusi aspetti chiave come le architetture dei veicoli e la pianificazione della produzione dei veicoli per stabilimento “.

Gli investimenti nel futuro restano fondamentali per la leadership nell’innovazione

Nonostante il contesto di mercato altamente impegnativo, il BMW Group continua a investire in tecnologie orientate al futuro e sviluppa di conseguenza la propria esperienza. Come annunciato in precedenza, il Gruppo intende investire oltre 30 miliardi di euro in ricerca e sviluppo entro il 2025 con l’obiettivo di estendere la propria leadership in termini di innovazione.

Nel periodo da gennaio a settembre, le spese di ricerca e sviluppo del BMW Group sono ammontate a 4.140 milioni di euro e sono quindi rimaste a un livello elevato (2019: 4.247 milioni di euro; -2,5%). Ciò include le spese per i futuri modelli elettrificati e kit modulari per e -veicoli. Le spese in conto capitale per immobili, impianti e macchinari, nonché per altre attività immateriali, continuano ad essere intraprese su una base chiaramente prioritaria e altamente focalizzata. Un totale di 2.375 milioni di euro (2019: 3.308 milioni di euro; -28,2%) è stato investito durante il periodo di nove mesi fino a settembre.

“La nostra strategia di gestione finanziaria si concentra su un’elevata redditività e una rigorosa gestione dei costi. Su questa solida base, continuiamo a investire nel futuro del nostro Gruppo e stiamo finanziando la trasformazione con le nostre risorse “, ha affermato Nicolas Peter , membro del consiglio di amministrazione di BMW AG, Finance. “Oggi, ad esempio, stiamo beneficiando del nostro focus strategico sul segmento del lusso superiore, una decisione che abbiamo preso nel 2016. Con gli attraenti modelli della Serie 8 e la BMW X7, siamo riusciti a far crescere il volume delle vendite di modelli altamente redditizi. di oltre il 70% dal 2018. Dal lato dei costi, numerose iniziative stanno aumentando la nostra efficienza con l’obiettivo di mantenere il Gruppo sulla rotta in questo contesto difficile, sia a breve che a lungo termine “.

Le auto elettriche saranno prodotte in tutti gli stabilimenti tedeschi entro il 2022

Il BMW Group continua ad accelerare la crescita della mobilità elettrica. Tutti e quattro gli stabilimenti automobilistici tedeschi produrranno veicoli completamente elettrici nel prossimo futuro. Dopo la BMW i3 *, prodotta a Lipsia dal 2013, la BMW iNEXT sarà prodotta a Dingolfing e la BMW i4 a Monaco di Baviera dal 2021. In una fase successiva, inizierà anche la produzione di un modello completamente elettrico al Stabilimento del Gruppo a Regensburg nel 2022. La strategia consentirà al BMW Group di salvaguardare l’utilizzo della capacità a lungo termine e quindi anche l’elevato livello di occupazione nei suoi stabilimenti in Germania.

Il Gruppo sta inoltre incrementando la produzione di componenti per trasmissioni elettriche. Dal 2022, lo stabilimento del BMW Group di Dingolfing avrà la capacità di produrre motori elettrici per un massimo di 500.000 veicoli elettrificati all’anno. Moduli batteria e batterie ad alta tensione saranno prodotti negli stabilimenti del Gruppo di Lipsia e Ratisbona per fornire il crescente numero di veicoli elettrificati. Allo stesso tempo, la società sta lavorando a miglioramenti dell’efficienza strutturale e ulteriore ottimizzazione dell’utilizzo nella produzione, e quindi prevede di risparmiare un importo medio di tre cifre milioni entro la metà del decennio.

La riduzione di CO2 deve essere raggiunta da milioni di veicoli elettrificati

Il secondo obiettivo strategico del BMW Group è sulla sostenibilità. Durante la pandemia della corona, il consiglio di amministrazione si è posto alcuni ambiziosi obiettivi a lungo termine. Innanzitutto, il BMW Group ha obiettivi chiari per ridurre le proprie emissioni di CO2 fino all’anno 2030 – per la prima volta durante l’intero ciclo di vita dei suoi prodotti – che comprende la catena di fornitura, il processo di produzione e fino alla fine di ogni veicolo- fase di vita. Durante l’intero periodo fino al 2030, le emissioni di CO2 per veicolo devono essere significativamente ridotte di almeno un terzo rispetto ai livelli del 2019.

Ad esempio, le emissioni di CO2 dei veicoli del BMW Group durante il loro ciclo di vita devono essere ridotte del 40% per chilometro percorso. La leva chiave per raggiungere questo obiettivo è una strategia di prodotto di vasta portata che promuove in modo massiccio l’uso della mobilità elettrica. Nei prossimi dieci anni, il BMW Group prevede di avere oltre sette milioni di veicoli elettrificati sulle strade in tutto il mondo, due terzi dei quali saranno modelli completamente elettrici .

Il BMW Group è già un produttore leader di veicoli elettrificati. Entro la fine del 2021, offrirà cinque automobili completamente elettriche prodotte in serie sotto forma di BMW i3 *, MINI Cooper SE *, BMW iX3 * , BMW iNEXT e BMW i4 . La prossima generazione della BMW Serie 7segnerà un ulteriore importante traguardo. Il modello di punta del marchio BMW sarà disponibile con quattro diversi tipi di trasmissione, ovvero versioni diesel e benzina ad alta efficienza, un ibrido plug-in elettrificato e, per la prima volta, un modello BEV completamente elettrico. Entro il 2023, il BMW Group intende avere 25 modelli elettrificati su strada, 13 dei quali versioni completamente elettriche.

Ulteriori modelli completamente elettrici in cantiere

Oltre alla BMW Serie 7, continuerà a essere implementata l’elettrificazione completa in tutta la gamma di modelli del Gruppo. Ulteriori esempi del “Power of Choice” saranno le apprezzatissime BMW X1 e BMW Serie 5 , che saranno disponibili anche con tutte e quattro le varianti di trasmissione in futuro: completamente elettrica, ibrida plug-in, diesel e benzina.

Il BMW Group continua a lavorare per ridurre in modo significativo le emissioni di CO2 della sua attuale flotta di nuovi veicoli e anche quest’anno è destinato a soddisfare l’obiettivo stabilito per la flotta di CO2 per i nuovi veicoli immatricolati in Europa nel 2020. La cifra è di circa il 20% inferiore al requisito previsto per il 2019. L’elettrificazione sistematica della gamma di modelli sta dando un contributo decisivo al raggiungimento di questo obiettivo.

Percettibile ripresa nel terzo trimestre: gli utili sono migliorati

Durante il periodo da luglio a settembre, la performance aziendale del BMW Group si è ripresa sensibilmente dall’impatto precedentemente massiccio della pandemia della corona. Nel terzo trimestre , il Gruppo ha consegnato un totale di 675.592 veicoli dei marchi BMW, MINI e Rolls-Royce (2019: 621.981; + 8,6%) a clienti di tutto il mondo, un nuovo massimo storico trimestrale. I ricavi del gruppo sono stati pari a 26.283 milioni di euro (2019: 26.667 milioni di euro; -1,4%). Una buona performance della joint venture BMW Brilliance Automotive Ltd. in Cina ha contribuito al miglioramento del risultato finanziario. L’utile ante imposte (EBT) è aumentato di conseguenza di circa il 10% a 2.464 milioni di euro (2019: 2.248 milioni di euro; + 9,6%). Dichiarazione delle vendite ante imposte del Gruppo(Margine EBT) si è attestato al 9,4% (2019: 8,4%). L’utile netto del gruppo è stato pari a 1.815 milioni di euro (2019: 1.546 milioni di euro; + 17,4%).

Un totale di 1.638.167 automobili sono state consegnate ai clienti durante i primi nove mesi dell’anno (2019: 1.872.451 unità; -12,5%). I ricavi del gruppo sono diminuiti a 69.508 milioni di euro (2019: 74.844 milioni di euro; -7,1%). L’utile prima delle imposte è stato pari a 2.962 milioni di euro (2019: 5.063 milioni di euro; -41,5%). Di conseguenza, il ritorno sulle vendite del Gruppo (margine EBT) è sceso al 4,3% (2019: 6,8%). L’utile netto del gruppo è stato pari a 2.177 milioni di euro per i nove mesi (2019: 3.614 milioni di euro; -39,8%).

Il segmento automobilistico è in forte ripresa – il margine EBIT migliora

I ricavi del segmento Automotive sono stati pari a 21.962 milioni di euro nel terzo trimestre (2019: 23.016 milioni di euro; -4,6%). L’utile prima del risultato finanziario (EBIT) è stato pari a 1.477 milioni di euro (2019: 1.515 milioni di euro; -2,5%). Il margine EBIT del segmento del terzo trimestre è migliorato al 6,7% anno su anno (2019: 6,6%) .

I ricavi di nove mesi del segmento Automotive sono scesi a 54.829 euro (2019: 64.853 milioni di euro; -15,5%). L’EBIT del periodo ha chiuso con un importo positivo di 152 milioni di euro (2019: 2.674 milioni di euro; -94,3%). Di conseguenza, il margine EBIT era dello 0,3% (2019: 4,1%) e quindi compreso tra 0 e 3% previsto per il 2020.

Il marchio BMW ha venduto un totale di 1.427.392 unità (-11,3%) nei primi nove mesi dell’anno. Durante questo periodo, il marchio MINI ha consegnato 208.124 unità (-20,0%) e Rolls-Royce Motor Cars 2.651 unità (-28,5%) ai clienti. Nonostante il calo complessivo dei volumi, il numero di veicoli elettrificati consegnati ai clienti è salito a un nuovo livello record di 116.381 unità (+ 20,0%) per i nove mesi.

In Europa , 648.494 veicoli a marchio BMW, MINI e Rolls-Royce sono stati consegnati ai clienti durante i primi nove mesi dell’anno (-19,7%). Il volume delle vendite registrato in Germania è sceso a 203.442 unità (-14,6%). La Cina ha visto una continuazione della ripresa che era già iniziata durante il secondo trimestre, consentendo al BMW Group di aumentare le vendite nel suo mercato più grande fino a un livello record di 560.367 unità (+ 6,4%) fino a settembre. Un totale di 200.286 unità (-24,6%) sono state vendute negli USA nei primi nove mesi dell’anno.

Il segmento motociclette registra un aumento del volume delle vendite e degli utili nel terzo trimestre

BMW Motorrad ha aumentato le consegne di motociclette e maxi-scooter nel terzo trimestre a 52.892 unità (+ 20,9%), generando un fatturato di 637 milioni di euro (2019: 558 milioni di euro; + 14,2%) e un EBIT di 45 milioni di euro (2019 : 35 milioni di euro; + 28,6%). Il margine EBIT del segmento è stato del 7,1% (2019: 6,3%).

In totale, 129.599 unità sono state consegnate ai clienti durante i primi tre trimestri dell’anno (-5,4%), generando ricavi per 1.716 milioni di euro (2019: 1.871 milioni di euro; -8,3%). L’EBIT dei nove mesi è stato pari a 110 milioni di euro (2019: 226 milioni di euro; -51,3%), corrispondente a un margine EBIT del 6,4% (2019: 12,1%).

Il segmento dei servizi finanziari aumenta il numero di nuovi contratti

Il portafoglio contratti con clienti retail in gestione all’interno del segmento Financial Services si attesta a 5.578.149 contratti al 30 settembre 2020 (31 dicembre 2019: 5.486.319 contratti; + 1,7%). Nel terzo trimestre sono stati firmati un totale di 538.351 nuovi contratti con i clienti al dettaglio (2019: 504.217 nuovi contratti; + 6,8%). I ricavi del settore sono stati pari a 7.799 milioni di euro (2019: 7.471 milioni di euro; + 4,4%). L’utile prima delle imposte è stato di 458 milioni di euro (2019: 597 milioni di euro; -23,3%).

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno sono stati firmati un totale di 1.342.803 nuovi contratti (2019: 1.475.504 contratti; -9,0%) . Con 22.055 milioni di euro, i ricavi erano al livello dell’anno precedente (2019: 21.981 milioni di euro: + 0,3%). L’utile prima delle imposte è stato pari a 1.039 milioni di euro (2019: 1.797 milioni di euro; -42,2%).

Riaffermate le prospettive per il 2020

Il BMW Group si pone obiettivi ambiziosi, anche in tempi politicamente ed economicamente turbolenti. Per l’intero periodo di dodici mesi, il BMW Group continua a presumere che la domanda in tutti i mercati chiave sarà significativamente ridotta alla luce della pandemia di coronavirus e delle necessarie misure di contenimento.

Di conseguenza, nel 2020, le consegne del segmento Automotive in tutto il mondo saranno probabilmente significativamente inferiori rispetto all’anno precedente . Nelle circostanze prevalenti, il BMW Group si aspetta che il margine EBIT del segmento si trovi in ​​un intervallo compreso tra lo 0 e il 3% nel 2020.

Principalmente a causa delle prospettive economiche negative, il segmento dei servizi finanziari dovrebbe generare un volume inferiore di nuove attività in un contesto di rischio potenzialmente più volatile. Di conseguenza, per il segmento è previsto un moderato calo anno su anno del rendimento del capitale .

Si prevede che le consegne del segmento motociclette diminuiranno moderatamente di anno in anno . Il margine EBIT è quindi attualmente previsto in un range compreso tra il 3 e il 5%.

Tenendo conto dei vari fattori sopra descritti, è probabile che l’ utile del Gruppo prima delle imposte sia significativamente inferiore rispetto al 2019.

La dimensione della forza lavoro sarà leggermente inferiore al livello registrato un anno prima. Le misure relative al personale precedentemente comunicate verranno utilizzate per gestire la dimensione della forza lavoro. Nelle attuali circostanze, tutte le nuove assunzioni sono soggette a una rigorosa revisione critica.

Il livello di rischio dovuto all’impatto negativo della pandemia è valutato alto. Dopo una fase più stabile del contesto economico nel terzo trimestre, la pandemia sta ora chiaramente riprendendo vigore. Alla luce delle misure di contenimento richieste nonché dell’impatto economico, permane un elevato livello di incertezza. Se la pandemia della corona prende un corso ancora più grave e l’economia globale subisce una sensibile flessione, l’esposizione al rischio potrebbe essere considerevole, in particolare dal lato della domanda. Il BMW Group sta monitorando da vicino gli sviluppi e rimane ben preparato per agire rapidamente e con decisione.


Il BMW Group – una panoramica
3 ° trimestre
2020
3 ° trimestre
2019
Cambiare in %
Consegne ai clienti    
Automotive 1unità675.592621.9818.6
di cui: BMW 1unità585.239533,2159.8
 MINI 1unità89.26287.5611.9
 Rolls-Royce 1unità1.0911.205-9,5
Motocicletteunità52.89243.74420.9
 
Forza lavoro                            (rispetto al 31.12.2019)124.190126.016-1.4
Margine EBIT del segmento Automotive%6.76.60,1% punti
Margine EBIT segmento moto%7.16.30.8% punti
Dichiarazione ante imposte sulle vendite%9.48.41.0% punti
 
RicaviMilioni di euro26.28326.667-1.4
di cui: AutomotiveMilioni di euro21.96223.016-4.6
MotocicletteMilioni di euro63755814.2
Servizi finanziariMilioni di euro7.7997.4714.4
Altre entitàMilioni di euro01
EliminazioniMilioni di euro-4.115-4.3796.0
 
Utile prima del risultato finanziario (EBIT)Milioni di euro1.9242.289-15.9
di cui: AutomotiveMilioni di euro1.4771.515-2,5
MotocicletteMilioni di euro453528.6
Servizi finanziariMilioni di euro438606-27,7
Altre entitàMilioni di euro181
EliminazioniMilioni di euro-54132
-3
Utile prima delle imposte (EBT)Milioni di euro2.4642.2489.6
di cui: AutomotiveMilioni di euro1.8601.53321.3
MotocicletteMilioni di euro443525.7
Servizi finanziariMilioni di euro458597-23.3
Altre entitàMilioni di euro118-26
EliminazioniMilioni di euro-16109
 
Imposte sul reddito di gruppoMilioni di euro-649-7027.5
Utile netto di gruppoMilioni di euro1.8151.54617.4
Guadagni per azione azioni comuni / privilegiate) €2.71 / 2.712.31 / 2.3117.3 / 17.3

1 In connessione con una revisione delle sue pratiche di vendita e delle relative pratiche di segnalazione, il BMW Group ha riesaminato i dati sulle consegne dei veicoli del periodo precedente e ha stabilito che alcune consegne di veicoli non erano state riportate nei periodi corretti. Ulteriori informazioni sono disponibili a pagina 54 dell’Annual Report 2019 del BMW Group. Per aggiornare le informazioni fornite, il BMW Group ha rivisto i dati sulle consegne dei veicoli nei suoi sedici mercati più importanti in modo retrospettivo fino al 2015.


Il BMW Group – una panoramica
Gennaio – settembre 2020Gennaio – settembre 2019Cambiare in %
Consegne ai clienti    
Automotive 1unità1.638.1671.872.451-12,5
di cui: BMW 1unità1.427.3921.608.701-11.3
 MINI 1unità208.124260.043-20.0
 Rolls-Royce 1unità2.6513.707-28,5
Motocicletteunità129.599136.932-5.4
 
Forza lavoro                            (rispetto al 31.12.2019)124.190126.016-1.4
Margine EBIT del segmento Automotive%0.34.1-3.8% punti
Margine EBIT segmento moto%6.412.1-5.7% punti
Dichiarazione ante imposte sulle vendite%4.3

In connessione con una revisione delle sue pratiche di vendita e delle relative pratiche di segnalazione, il BMW Group ha riesaminato i dati sulle consegne dei veicoli del periodo precedente e ha stabilito che alcune consegne di veicoli non erano state riportate nei periodi corretti. Ulteriori informazioni sono disponibili a pagina 54 dell’Annual Report 2019 del BMW Group. Per aggiornare le informazioni fornite, il BMW Group ha rivisto i dati sulle consegne dei veicoli nei suoi sedici mercati più importanti in modo retrospettivo fino al 2015.

2 Il dato relativo al primo trimestre del terzo trimestre 2019 include un utile di 44 milioni di euro da attività operative cessate.

* Dati di consumo / emissione:

BMW i3 (120 Ah): consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km, consumo di energia combinato: 13,1 kWh / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 0 g / km

BMW i3s (120 Ah): consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km, consumo di energia combinato: 14,6 -14,0 kWh / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 0 g / km

MINI Cooper SE : consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km, consumo di energia combinato: 16,8 -14,8 kWh / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 0 g / km

BMW iX3 : consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km, consumo di energia combinato: 17,8 -17,5 kWh / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 0 g / km.