4 Dicembre 2021

Pauline Curnier Jardin: presenta una mostra personale all’Hamburger Bahnhof di Berlino con BMW come partner esclusivo.

Monaco / Berlino . Carne, pelle, cera, coriandoli, sangue, intestino, odori, sensi, fumo, rituale, alcol, eccesso, tatto, canto, grasso e cenere: questi sono alcuni dei materiali morbidi, ruvidi, gentili e grossolani dell’artista Pauline Curnier Jardin impiega nelle sue opere. La vincitrice della Preis der Nationalgalerie 2019 presenta l’ampia video installazione “Fat to Ashes”, che ha prodotto per la sua prima mostra personale istituzionale in Germania, nella storica sala dell’Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart – Berlino. La mostra va dalla riapertura dei musei di Berlino in poi fino al 19 settembre 2021 . BMW sostiene la Preis der Nationalgalerie come partner esclusivo da 15 anni.

“ Fat to Ashes ” combina tre istantanee cinematografiche: una festa religiosa in onore di Sant’Agata; la macellazione di un maiale; e il Carnevale di Colonia. In tal modo, il titolo della mostra indica la settimana di eccessi che va dal cosiddetto “giovedì grasso” o “giovedì grasso” e noto come “Weiberfastnacht” o “Fettdonnerstag” in tedesco, fino al mercoledì delle ceneri che segna il giorno in cui la realtà torna e La Quaresima inizia secondo il calendario cristiano. Jardin mostra queste tre sfere di attività come luoghi di trasgressione e trasformazione che portano nel presente le funzioni della società originate dai rituali di culto: quelle di riunirsi, esibizione performativa ed esuberante abbandono dei costumi prevalenti.

H_Bhf_Preis_der_Nationalgalerie_©_Mathias_Voelzke

Un dolce italiano, ad esempio, che ricrea la forma di un seno e si mangia nel giorno della festa che ricorda il martirio di Sant’Agata. La macellazione del maiale avviene lontano dall’allevamento industriale in una fattoria rurale tradizionale. Le immagini del Carnevale di Colonia, invece, sono piene di vita. Guardando indietro agli eventi del carnevale, i festeggiamenti si leggono come un’ultima grande dissolutezza collettiva appena prima che Covid portasse a un blocco in tutto il paese, come le persone che guardano il film oggi sanno. Un ampio anfiteatro racchiude la video installazione come centro dello spettacolo, e quindi trasformazioni, processioni e performance praticate in eccesso ritualizzato sono il contenuto e gli attributi formali di “Fat to Ashes” di Pauline Curnier Jardin.

In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo in tedesco e inglese da Buchhandlung Walther König, con contributi di Pauline Curnier Jardin, Sara Giannini, Ana Teixera Pinto, Kristina Schrei e Giovanna Zapperi.

La Preis der Nationalgalerie è abilitata dalla Freunde der Nationalgalerie dal 2000 a premiare il vincitore con una mostra personale e una pubblicazione di accompagnamento. Il Preis der Nationalgalerie si concentra sui giovani importanti incarichi di oggi. Sono ammessi artisti di tutte le nazionalità se attualmente lavorano in Germania e hanno meno di 40 anni. I precedenti vincitori, tra gli altri, sono stati Monica Bonvicini (2005), Cyprien Gaillard (2011), Anne Imhof (2015) e Agnieszka Polska (2017).

A causa della situazione pandemica le date della mostra sono soggette a modifiche. Per informazioni aggiornate, visitare www.smb.museum

Per ulteriori informazioni e immagini per la stampa, consultare l’area stampa sui seguenti siti Web www.preisdernationalgalerie.de o https://www.smb.museum/en/press/

www.smb.museum/hbf
www.preisdernationalgalerie.de
#preisdernationalgalerie