5 Dicembre 2021

Con la MINI Cooper 3 porte attraverso la frenetica vita di Amburgo.

Monaco. Il trambusto inizia quasi ogni giorno nel porto di Amburgo. È la porta d’accesso al mondo, come dicono gli abitanti di Amburgo. In effetti, le rotte marittime collegano la città anseatica con più di 900 porti in ben 170 paesi in tutto il mondo. Circa 8.000 scali all’anno, quasi 300 ormeggi su un totale di 43 chilometri di banchine per navi marittime, quattro moderni terminal per container, tre terminal crociere e 50 strutture di movimentazione per spedizioni roll-on roll-off e merci generiche di ogni tipo, così come circa 7.300 società di logistica entro i confini della città. 136,6 milioni di tonnellate di merci sono passate sulle banchine del più grande porto marittimo della Germania nel 2019. Ciò include circa 9,3 milioni di container standard. Ciò rende Amburgo il terzo porto per container più grande d’Europa.

Grazie ai suoi numerosi collegamenti internazionali, l’emblema della città di Amburgo è anche conosciuto in tutto il mondo. Mostra un castello bianco con contorni neri su sfondo rosso – una combinazione di colori che si adatta anche alla MINI Cooper 3 porte (consumo di carburante combinato: 6,1 – 5,5 l / 100 km secondo WLTP, 5,4 – 5,3 l / 100 km secondo NEDC; emissioni di CO 2 combinate: 138-124 g / km secondo WLTP, 124-120 g / km secondo NEDC) perfettamente. Il colore della carrozzeria Chili Red, il tetto bianco e le calotte degli specchietti e le strisce bianche del cofano: questo è stato lo standard sin dai leggendari successi della Mini classica al Rally di Monte Carlo negli anni ’60.

Durante il viaggio attraverso il porto container, anche la versione più moderna della MINI sembra di nuovo molto piccola. Perché c’è un’atmosfera che inevitabilmente infonde umiltà. Non sono solo le navi da carico ad avere dimensioni XXL. I loro contenitori vengono spostati da gru che ricordano giocattoli giganti. In futuro, tutto sarà ancora più grande. Anche una delle strutture più imponenti di Amburgo, il ponte “Köhlbrand” con la sua altezza libera di 51 metri, non è più abbastanza grande per le mega-navi di domani. Il ponte attraversa il “Köhlbrand”, che collega parte del porto container con il canale navigabile principale dell’Elba. Nel prossimo decennio, secondo il piano attuale, il monumento culturale dovrà essere dismesso e sarà probabilmente sostituito da un tunnel.

Quindi, si perde anche una delle viste più spettacolari della città e del suo porto. Il viaggio attraverso il ponte strallato con i suoi 88 cavi d’acciaio fino a dieci centimetri di spessore vale solo per questo. È lungo un totale di 3.618 metri, il che lo rende il secondo ponte stradale più lungo della Germania. Con la potenza del suo motore a benzina a tre cilindri da 100 kW / 136 CV, la MINI Cooper 3 porte raggiunge il punto più alto del ponte “Köhlbrand” in un batter d’occhio, da dove è possibile vedere una manciata di attrazioni di Amburgo in un occhiata. Dalla “Speicherstadt” alla sala concerti Elbphilharmonie, il “Landungsbrücken” e la chiesa di San Michele al quartiere delle scale Blankenese.

Ai piedi del ponte, la MINI Cooper 3 porte entra per la prima volta nel porto franco, fino alla fine del 2012 un’area doganale di 1.600 ettari con quasi 18 chilometri di recinzioni e sette controlli alle frontiere – e innumerevoli storie bizzarre: da insoliti nascondigli luoghi per merci di contrabbando per contraffare oggetti di lusso e zanne di elefante nei prodotti di trasloco di un diplomatico.

Oggi, dopo pochi chilometri, si raggiunge la nuova “Hafencity” senza controlli doganali. Lì, la MINI Cooper 3 porte si muove attraverso i moderni canyon urbani con stile. Il design esterno chiaro e ridotto della nuova edizione della MINI non solo mette in risalto la classica combinazione di colori, ma anche le caratteristiche di design inconfondibili chiaramente.

Il rosso brillante della MINI Cooper 3 porte ora adorna anche la fascia paraurti centrale, che non è più verniciata in nero ma sempre in tinta con la carrozzeria. I fari rotondi sembrano ancora più espressivi con il loro alloggiamento interno nero. E una cornice in nero lucido sottolinea le maggiori dimensioni della griglia del radiatore esagonale. Anche la vista posteriore è ora particolarmente chiara. Le luci posteriori a LED nel sorprendente design Union Jack fanno parte dell’equipaggiamento standard.

In vista dell’Elbphilharmonie si trova l’edificio editoriale Gruner + Jahr. Il complesso edilizio con una superficie totale di 69.000 mq è costituito da più file parallele poggianti su supporti. Questi sono destinati a ricordare i viadotti della ferrovia sopraelevata di Amburgo che corre di fronte e le gru nel porto di Amburgo. Lo scheletro in cemento armato degli edifici per uffici è rivestito in lamiera di zinco. Le ringhiere e gli oblò integrati rappresentano ulteriori elementi marittimi. Superando il “Cap San Diego”, una nave museo ormeggiata all ‘“Überseebrücke”, e il “Landungsbrücken”, la MINI Cooper rossa si dirige ora direttamente nel quartiere a luci rosse di Amburgo.

La Reeperbahn a quattro corsie è la via centrale nel quartiere dei divertimenti di St. Pauli. Deve il suo nome ai battitori “reep” e ai cordai che un tempo esercitavano qui il loro mestiere. Il gran numero di discoteche, pub, bar e locali notturni gli è valso il nome di “il miglio più peccaminoso del mondo”. Molti degli “stabilimenti” un tempo famigerati hanno chiuso da tempo o hanno notevolmente attenuato il loro programma. Ciò che resta sono le vistose insegne al neon e i “Koberer”, corpulenti buttafuori che dovrebbero attirare i turisti negli stabilimenti. Le prostitute che fiancheggiano “Davidstraße” e la famosa “Herbertstraße”, dove le donne offrono chiaramente i loro servizi in modo ambiguo nelle vetrine dei negozi, fanno ancora sembrare il quartiere un po ‘malfamato. Oggi, la Reeperbahn è più una calamita turistica che un covo di iniquità, ma gli abitanti di Amburgo hanno anche riscoperto l’area intorno alla famosa stazione di polizia di Davidwache. Nei fine settimana le notti qui sono ancora molto lunghe. E anche i nostalgici sono soddisfatti. Perché esistono ancora locali con nomi famosi. Che si tratti del pub senza finestre “Zur Ritze” con il suo dipinto di porte un po ‘osceno e il ring di pugilato nel seminterrato o il Club de Sade, il club S&M più antico d’Europa degli anni ’60.

A pochi passi dalla Reeperbahn, sull’Heiligengeistfeld, si trova il Millerntor Stadium, sede della squadra di calcio FC St. Pauli. Uno stadio costruito nella tradizione dei vecchi club inglesi, e un club che per molti versi è molto diverso da quello che generalmente si immagina che sia una squadra di calcio. Saldamente radicati nel cuore del distretto di St. Pauli, i membri del club sono coinvolti in progetti sociali e hanno già ricevuto diversi premi per il loro impegno sociale.

Alla fine dell’Heiligengeistfeld inizia il quartiere alla moda attualmente “più alla moda” della città. Piccole boutique, ristoranti con specialità da tutto il mondo, caffè, negozi di dischi e un vivace miglio delle feste sviluppano il proprio fascino nello “Schanzenviertel”. Non sempre per la gioia dei residenti. Il livello di rumore è alto e gli speculatori non sono lontani. Molti residenti di vecchia data non possono più permettersi di vivere nei vecchi edifici. Ma lo “Schanze” ospita anche qualcosa di simile al terrore borghese permanente. E questo non significa i tanti graffiti colorati, ma la “Rote Flora”, un ex edificio teatrale che è stato occupato nel 1989 ed è abitato da sostenitori della scena alternativa e gestito come centro culturale politico.

Solo tre chilometri più avanti, la MINI Cooper 3 porte attraversa un altro mondo. Eppendorf è un quartiere che può essere considerato una zona residenziale migliore e più costosa. Con l’Alster in vista, il quartiere colpisce per le sue case patrizie abbellite, quei vecchi edifici in cui gli appartamenti sono solitamente di circa 200 metri quadrati e corrispondentemente costosi. Per le strade intorno all’Isebekkanal, un braccio dell’Alster, diventa chiaro perché Amburgo è considerata la capitale segreta della MINI tedesca. Qui è facile individuare una Mini classica mantenuta con cura a ogni angolo di strada. E con i suoi modelli moderni, il marchio ha una quota di mercato maggiore in questa parte della città rispetto all’autovettura più venduta in Germania. Di solito non troverai una MINI One qui:

In vista di questa vivace comunità MINI, è difficile dire addio ad Amburgo. Almeno l’app del servizio di streaming, che è perfettamente integrata nel sistema operativo della MINI Cooper 3 porte, può essere utilizzata per riprodurre la musica giusta. Puoi scegliere tra “Hamburg, meine Perle” (Amburgo, la mia perla) dell’eroe locale Lotto King Karl o “In Hamburg sagt man tschüs” di Heidi Kabel (Ad Amburgo dici addio). E poi si sente una hit del periodo di massimo splendore della Mini classica: “On the road again” dei Canned Heat.