Maggio 8, 2021

Il Gruppo Volkswagen, SEAT S.A. e il Governo spagnolo condividono la visione della Spagna come futuro centro di mobilità elettrica


In occasione della visita del Re Felipe VI e del Premier spagnolo Pedro Sánchez alla
sede di SEAT, l’azienda ha mostrato il potenziale di trasformazione dello
stabilimento per la produzione di vetture elettriche
Il Gruppo Volkswagen e SEAT. S.A. stabiliscono un’alleanza multisettoriale
pubblico-privata per promuovere l’ecosistema elettrico in Spagna
Verona. Il Re di Spagna Felipe VI e il Presidente del Governo spagnolo, Pedro
Sánchez, hanno visitato questa mattina la sede di SEAT S.A. a Martorell per celebrare il 70°
anniversario dell’azienda. Ad accompagnarli, erano presenti il Presidente del Consiglio di
Amministrazione di SEAT e Presidente del Gruppo Volkswagen, Dr. Herbert Diess, il Presidente di
SEAT S.A., Wayne Griffiths, oltre alla Ministra dell’Industria, Reyes Maroto e ai membri del
Consiglio di Amministrazione di SEAT S.A., Stefan Piëch e Mark Porsche.
Durante la visita, il Gruppo Volkswagen, SEAT S.A. e il Governo spagnolo hanno espresso la loro
comune visione della trasformazione sostenibile dell’industria automobilistica. Il Gruppo
Volkswagen e SEAT S.A. sono pronti a collaborare alla trasformazione dell’infrastruttura
industriale e dell’ecosistema della mobilità elettrica e ad accelerare la ripresa economica del
Paese. In questo senso, l’azienda ha già annunciato lo scorso anno un piano di investimenti di 5
miliardi di Euro dedicato alla mobilità elettrica fino al 2025.
Per accelerare lo sviluppo di un ecosistema di mobilità elettrica, propongono un progetto guidato
dal Gruppo Volkswagen e da SEAT S.A., che fungerà da traino per le grandi e medie imprese, con
la collaborazione di importanti organizzazioni di diverse settori, come Iberdrola nel settore
energetico, Telefónica nel campo delle telecomunicazioni, CaixaBank nell’area finanziaria, il
centro tecnologico Asti o grandi fornitori nel mondo automobilistico, come Gestamp o Antolín.
Questa ambiziosa iniziativa congiunta e orientata al futuro ha un grande potenziale per la
creazione di posti di lavoro, soprattutto per i giovani.
La Spagna potrebbe convertirsi in centro per la mobilità elettrica dell’Europa
Con la seconda più grande industria di produzione automobilistica in Europa, la Spagna ha una
grande responsabilità nel raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo fissati per il 2030. Per
questo, è essenziale che il Paese acceleri la creazione dell’ecosistema dei veicoli elettrici, stimoli
la domanda e sviluppi l’infrastruttura pubblica per i punti di ricarica. Pertanto, una visione futura
comune includerebbe la produzione locale di piccoli veicoli elettrici presso lo stabilimento di
Martorell, nonché la produzione locale di celle e moduli di batteria.
“La Spagna può diventare un centro per la mobilità elettrica in Europa. Condividiamo la
visione del Governo spagnolo: la trasformazione dell’industria automotive. La
modernizzazione delle strutture industriali e la creazione di posti di lavoro orientati al
futuro possono rappresentare un piano di azione potente per tutta la regione. Speriamo
che la Commissione Europea abbia la volontà politica di permettere che questo
Pagina 2 di 3
progetto dalla rilevanza storica per la Spagna possa diventare una realtà”, ha condiviso
Herbert Diess, Presidente del Gruppo Volkswagen e Presidente del Consiglio di Amministrazione
di SEAT S.A.
“70 anni fa, abbiamo messo questo Paese su ruote. Il nostro obiettivo, ora, è quello di
mettere la Spagna sulle ruote elettriche. Perché ciò diventi realtà, tutte le parti hanno
convenuto che la Spagna deve sviluppare e garantire un’infrastruttura di ricarica più
ampia su tutto il territorio e stimolare la domanda con incentivi. La Spagna deve salire
sul treno dell’elettrificazione “, ha aggiunto Wayne Griffiths, Presidente di SEAT S.A.
Uno sguardo al futuro di SEAT S.A
Durante la visita, il Re e il Primo Ministro hanno visitato il SEAT Design Center, hub unico nel suo
genere nel sud Europa dove l’azienda progetta i nuovi modelli SEAT e CUPRA. Il Vicepresidente
Ricerca e Sviluppo di SEAT S.A., Werner Tietz, ha mostrato alle autorità i nuovi modelli che i due
marchi lanceranno nei prossimi anni. Il Re e il Premier hanno inoltre avuto modo di conoscere il
piano di investimenti che l’azienda svilupperà fino al 2025.
A seguire, si sono recati nel cuore del centro industriale di Martorell, visitando la linea di
produzione 2 per vedere come l’azienda ha dato inizio alla trasformazione verso l’elettrificazione,
con la produzione dei primi ibridi plug-in nella storia dell’azienda, ovvero SEAT Leon, CUPRA Leon
nella versione hatchback e Sportstourer e, nelle ultime settimane, CUPRA Formentor.
Le autorità si sono poi recate al CUPRA Garage, nuova sede del marchio inaugurata a febbraio

  1. Qui hanno avuto modo di conoscere alcuni dei modelli elettrificati commercializzati
    dall’azienda, tra cui i modelli ibridi elettrici plug-in della famiglia Leon, SEAT Tarraco e CUPRA
    Formentor, nonché SEAT MÓ eScooter 125, il primo scooter 100% elettrico nella storia
    dell’azienda.