Giugno 15, 2021

Le batterie agli ioni di litio della LEAF trovano casa nei veicoli a guida automatica Nissan

Più duraturi e più veloci da ricaricare, i veicoli a guida automatica Nissan, macchine mobili che aiutano i lavoratori nelle fabbriche, si stanno evolvendo grazie alla seconda vita delle batterie Nissan LEAF.

I veicoli a guida automatizzata, o AGV, forniscono parti ai lavoratori in una fabbrica di automobili. Immagina gli AGV come corrieri postali robotici, che sfrecciano attorno a binari magnetici consegnando parti quando necessario mentre le auto vengono costruite. Ciò significa che un lavoratore non perde tempo a cercare un componente e può rimanere concentrato sull’installazione. Risparmiare tempo aumenta l’efficienza di un impianto.Gli stabilimenti automobilistici sono luoghi affollati e gli AGV sono diventati indispensabili. Nello stabilimento Nissan di Oppama, a sud di Tokyo, ci sono più di 700 AGV. Dai un’occhiata alle fabbriche automobilistiche Nissan in tutto il mondo e troverai più di 4.000 AGV al lavoro. È un’orchestra di segnali e sensori che suonano in perfetta armonia per evitare urti in fabbrica.

Nissan stava esplorando nuovi modi per riutilizzare le sue batterie Nissan LEAF, il veicolo elettrico per il mercato di massa che ha guidato il viaggio dell’azienda verso le emissioni zero dal 2010. E il mondo di LEAF e di AGV si sono fusi.

La LEAF di prima generazione era dotata di una batteria da 24 kilowattora. Questi pacchetti agli ioni di litio sono stati realizzati combinando 48 moduli. Circa otto anni fa, gli ingegneri Nissan hanno trovato un modo per prendere tre di questi moduli, riconfezionarli e inserirli all’interno di un AGV. L’anno scorso, hanno portato questa idea a un nuovo livello utilizzando moduli batteria riutilizzati, invece di nuovi, per alimentare gli AGV.

Nissan, insieme a 4R Energy , è stata un pioniere nel dare alle batterie dei veicoli elettrici una nuova vita alimentando i suoi AGV, perché non erano più abbastanza potenti per far funzionare un’auto, ma perfetti per una macchina che gira intorno alla fabbrica. Ciò rende l’elettrificazione della mobilità una proposta ancora più sostenibile.

Gli AGV con le batterie agli ioni di litio, nuovi o riutilizzati, si caricano più velocemente. Inoltre, i lavoratori non hanno più bisogno di estrarre le batterie per collegarle. Gli AGV si fermano semplicemente momentaneamente alla stazione di ricarica lungo il loro percorso e si ricaricano gradualmente ad ogni passaggio. Questa automazione consente di risparmiare molto tempo.

Le batterie LEAF riutilizzate durano anche più a lungo. Molto più a lungo. Mentre le batterie al piombo-acido venivano in genere sostituite ogni anno o due, le batterie LEAF riutilizzate dovrebbero durare dai sette agli otto anni. Meno batterie significa meno impatto sull’ambiente e un altro passo verso la neutralità del carbonio.

“Anche i nostri clienti ne traggono vantaggio. Quando le batterie EV usate diventano più preziose, i prezzi di permuta aumentano”, afferma Masashi Matsumoto, che promuove lo sviluppo di AGV presso il centro di ricerca e sviluppo della tecnologia di produzione Nissan. “Con più modi per utilizzare le batterie, il valore residuo complessivo di LEAF è aumentato”.

Gli AGV non si evolvono. Per ora, ogni macchina è vincolata al percorso magnetico stabilito per essa in una fabbrica. Come un treno su un binario, può viaggiare solo dove il nastro lo consente. Cambiare questi percorsi – tirare su nastro, tracciare nuove tracce e aggiornare i programmi per computer – richiede tempo e denaro.

Ma forse non ancora per molto. Proprio come la batteria della LEAF ha consentito agli AGV di funzionare più a lungo, gli sviluppi nella guida autonoma potrebbero liberare gli assistenti di fabbrica dal nastro magnetico. In un ambiente molto più controllato e prevedibile, gli AGV avrebbero bisogno di meno tecnologia rispetto alle automobili, ma potrebbero comunque fare affidamento su sensori e algoritmi per muoversi in modo autonomo. Nissan sta anche ricercando una tecnologia connessa per consentire agli AGV di rimanere in costante contatto con il computer che gestisce i loro movimenti.https://media.flixel.com/cinemagraph/o50o91z1ecmxlrj7oovc?hd=false

L’utilizzo delle nostre esclusive tecnologie di guida elettrica e autonoma per migliorare gli AGV porterà grandi innovazioni alle nostre fabbriche”, afferma Matsumoto. “La fornitura di componenti nelle fabbriche sta entrando nell’era dell’elettrificazione e dell’automazione”.

Così come le auto continuano ad evolversi, così faranno le fabbriche che le producono.