26 Settembre 2021

30 anni di ŠKODA AUTO nel Gruppo Volkswagen: una storia di successo economico europeo

L’ingresso di ŠKODA AUTO nel Gruppo Volkswagen – una pietra miliare nelle relazioni economiche ceco-tedesche dopo il 1989
› 30 anni di sviluppo dinamico di ŠKODA AUTO: le consegne di veicoli sono aumentate di oltre sei volte, la forza lavoro è cresciuta da 17.000 a oltre 42.000 in tutto il mondo e miliardi di investimenti in sviluppo, produzione e formazione
›Programma ŠKODA NEXT LEVEL per il futuro: ulteriore crescita nel segmento dei volumi, conquista di nuovi mercati e ulteriori progressi in termini di sostenibilità e diversità

Mladá Boleslav – Per ŠKODA AUTO, il 28 marzo segna il 30 ° anniversario di un evento importante: in questo giorno del 1991, l’unione della società ‘ŠKODA, automobilová akciová společnost’ e del Gruppo Volkswagen è stata siglata contrattualmente. Da allora, la casa automobilistica di Mladá Boleslav si è trasformata da leader di mercato regionale in un attore globale in crescita dinamica, attivo in oltre 100 mercati in tutto il mondo. ŠKODA AUTO offre attualmente dieci serie di modelli e ha consegnato più di un milione di veicoli ai clienti lo scorso anno per il settimo anno consecutivo.

Thomas Schäfer, Presidente del Consiglio di amministrazione di ŠKODA AUTO, sottolinea: “L’integrazione di ŠKODA AUTO nel Gruppo Volkswagen è un ottimo esempio di una trasformazione di successo nella Repubblica Ceca e nell’Unione Europea nel suo insieme. Con determinazione, lungimiranza e coraggio, le persone coinvolte in quel momento hanno tracciato la strada giusta per l’impressionante sviluppo di ŠKODA AUTO. Oggi l’azienda rappresenta il 5% del prodotto interno lordo della Repubblica Ceca e il 9% delle esportazioni. Il marchio è anche una vera risorsa nel Gruppo Volkswagen e ha assunto una serie di responsabilità, ad esempio, per le regioni in crescita di India, Russia e Nord Africa, nonché per lo sviluppo della prossima generazione di ŠKODA SUPERB e Volkswagen Passat. Con il nostro programma ŠKODA NEXT LEVEL per il futuro, stiamo compiendo i prossimi passi per guidare con successo l’azienda nel nuovo decennio. Ci stiamo concentrando su tre priorità: espandere il nostro portafoglio di modelli verso segmenti entry-level, aprire nuovi mercati per un’ulteriore crescita nel segmento dei volumi e impegnarci con la diversità e la sostenibilità in ogni aspetto del nostro lavoro “.

L’innovativo modello compatto FAVORIT attira l’interesse della Volkswagen
I primi contatti tra ŠKODA e il Gruppo Volkswagen risalgono agli anni ’70. La collaborazione informale tra le due società è proseguita con il lancio della nuova ŠKODA FAVORIT. ŠKODA aveva progettato il veicolo con una carrozzeria a due volumi e trazione anteriore interamente in-house, rendendo FAVORIT un’eccezione notevole nel blocco orientale. A quel tempo, i veicoli erano prodotti quasi esclusivamente su licenza delle case automobilistiche dell’Europa occidentale. A Wolfsburg, la Volkswagen ha testato un prototipo pronto per la produzione in serie e ha considerato di equipaggiare il modello con motori Volkswagen, guarnizioni dei freni alternative e altri componenti modificati.

Questi piani, tuttavia, sono stati demoliti per motivi finanziari. Tuttavia, dopo il crollo del regime comunista nel novembre 1989, le impressioni positive dello ŠKODA FAVORIT e i contatti stabiliti di recente tra Wolfsburg e Mladá Boleslav portarono a colloqui ad ampio raggio sulla possibilità di collaborazione, e le trattative acquisirono presto slancio. La situazione iniziale era chiara: senza un forte partner strategico, ŠKODA non avrebbe avuto alcuna possibilità sul mercato mondiale. La capacità di produzione annuale all’epoca era di appena 200.000 veicoli e il portafoglio comprendeva modelli con motore posteriore obsoleti insieme a un’unica famiglia di modelli contemporanei: la FAVORIT e la station wagon FORMAN. Il futuro del marchio risiedeva nella privatizzazione dell’azienda fino a quel momento di proprietà statale. Oltre alla serie di modelli FAVORIT,

Inizialmente, 24 società sono state considerate potenziali partner prima che i colloqui con otto case automobilistiche selezionate dall’Europa e dall’estero si svolgessero nell’estate del 1990 sotto la guida del Primo Ministro Petr Pithart. Quattro di questi produttori hanno presentato un’offerta specifica. Tuttavia, nell’agosto 1990, due di questi concorrenti si ritirarono, lasciando in corsa l’alleanza Renault / Volvo e il Gruppo Volkswagen. Ulteriori colloqui esplorativi si sono svolti il ​​9 e 10 dicembre 1990 e infine, il 21 dicembre 1990, il governo ha firmato un contratto con il Gruppo Volkswagen, che aveva proposto un concetto più attraente in vista del futuro sviluppo di ŠKODA AUTO. Sono seguite lunghe e ampie trattative tra vari team di esperti e rappresentanti del management del Gruppo Volkswagen e dei partner cechi. I colloqui sono stati guidati dal vice primo ministro František Vlasák e, in particolare, dal ministro dell’Industria Jan Vrba. Anche Hanuš Holzer, che in seguito divenne console a Basilea, fu coinvolto come mediatore informale.

Il 28 marzo 1991, il ministro dell’Industria, Jan Vrba, a nome della Repubblica ceca, e Carl H. Hahn, in qualità di presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Volkswagen, hanno firmato l’accordo principale sulla costituzione di una joint venture per la produzione dei veicoli ŠKODA. Dopo che il Gruppo Volkswagen aveva adempiuto agli impegni concordati contrattualmente, il 16 aprile 1991 ha ricevuto il 31% delle azioni di ŠKODA AUTO per un contributo di 620 milioni di marchi. Successivamente, il nuovo azionista ha gradualmente aumentato la sua partecipazione fino a detenere il 100% delle azioni della società come unico azionista il 30 maggio 2000.

Un programma di investimenti completo getta le basi per uno sviluppo straordinario
La base per lo sviluppo dinamico di ŠKODA AUTO nei successivi tre decenni era un programma di investimenti completo. Diverse centinaia di miliardi di corone ceche sono state spese in ricerca e sviluppo, espansione delle capacità produttive e costante sviluppo della rete di vendita e assistenza clienti di ŠKODA AUTO nella Repubblica Ceca. Il numero di dipendenti nel reparto sviluppo è passato da circa 600 nel 1991 a oltre 2.000 dipendenti altamente qualificati oggi. Per fornire ai propri dipendenti la migliore formazione possibile e preparare il personale junior per le loro carriere presso l’azienda, ŠKODA AUTO dispone ora di una propria scuola professionale e offre diversi doppi corsi di studio presso l’Università di scienze applicate ŠKODA AUTO.

In termini di prodotti, ŠKODA AUTO ha inizialmente ampliato la gamma di modelli FAVORIT / FORMAN sotto l’egida del Gruppo Volkswagen per includere il veicolo commerciale leggero PICK-UP. Questa gamma di modelli era molto richiesta grazie al suo eccellente rapporto qualità-prezzo, tecnologia avanzata e alta qualità. Nel 1994, ŠKODA ha presentato la FELICIA, il successore del FAVORIT. Con questo modello, caratteristiche innovative come ABS, airbag, aria condizionata, servosterzo e motori del Gruppo 1.6 MPI e 1.9 D hanno fatto il loro ingresso nel portafoglio ŠKODA.

Il primo modello sviluppato da ŠKODA AUTO interamente sotto l’egida del Gruppo Volkswagen debuttò nel settembre 1996 con la prima generazione della moderna OCTAVIA basata sulla piattaforma A4: il modello compatto segnò l’inizio di un nuovo capitolo per ŠKODA: fu prodotta l’OCTAVIA in uno degli stabilimenti automobilistici più avanzati in Europa e rapidamente è cresciuto fino a diventare il bestseller del marchio. Nell’autunno 1999, la nuova piccola vettura ŠKODA FABIA ha sostituito la serie di modelli FELICIA. Da allora, sia OCTAVIA che FABIA sono diventate le serie di modelli più ricercate di ŠKODA: OCTAVIA, giunta alla quarta generazione, conquista clienti in tutto il mondo e FABIA di quarta generazione è già ai blocchi di partenza.

ŠKODA ha aggiunto la SUPERB al suo portafoglio di modelli nel 2001, riportando una delle designazioni di modello più sonore e tradizionali nella storia dell’azienda per la sua nuova ammiraglia. Anche l’attuale terza generazione esce dalla linea di produzione come SUPERB iV con trazione ibrida plug-in. Nel settembre 2016, ŠKODA ha lanciato la sua campagna SUV con l’anteprima del suo modello di SUV di grandi dimensioni ŠKODA KODIAQ, aprendo un nuovo segmento di veicoli in crescita dinamica per la casa automobilistica ceca. Oggi, oltre al KODIAQ, la gamma SUV comprende anche le serie di modelli KAROQ e KAMIQ, nonché la ENYAQ iV completamente elettrica. Inoltre, lo ŠKODA KUSHAQ, sviluppato esclusivamente per il mercato indiano, ha recentemente celebrato la sua anteprima mondiale.

Con sede nella Repubblica Ceca, ma a casa in tutto il mondo
Nei 30 anni sotto l’egida del Gruppo Volkswagen, SKODA AUTO ha ampliato la sua forza lavoro da 17.000 dipendenti nel 1991 a circa 42.000 dipendenti in tutto il mondo oggi. L’azienda attualmente produce dieci gamme di modelli attraenti e all’avanguardia e le consegna ai clienti in oltre 100 mercati. Lo sviluppo dinamico di ŠKODA AUTO si riflette anche nelle sue consegne globali: mentre il produttore ha consegnato 172.000 veicoli nel 1991, da allora il numero è aumentato di sei volte. Nel 2020, la casa automobilistica ha consegnato più di un milione di veicoli in tutto il mondo per il settimo anno consecutivo. Oltre ai tre siti produttivi originari della Repubblica Ceca, l’azienda ora produce anche in Cina, Russia, Slovacchia e India, principalmente attraverso affiliazioni del Gruppo, nonché in Ucraina in collaborazione con un partner locale.

Oltre alle auto, ŠKODA AUTO progetta e produce componenti e assemblaggi, come motori e cambi all’interno del Gruppo Volkswagen. Inoltre, la società ha la responsabilità generale delle attività dell’intero Gruppo Volkswagen in India come parte del progetto INDIA 2.0 e ha assunto questo ruolo per le regioni della Russia, inclusi gli stati della CSI e il Nord Africa a partire dal 1 ° gennaio 2021.

Con il programma NEXT LEVEL ŠKODA per il futuro, la casa automobilistica sta ora compiendo i prossimi passi per guidare con successo l’azienda attraverso il nuovo decennio, concentrandosi su tre priorità: espandere il portafoglio di modelli verso i segmenti entry-level, aprendo nuovi mercati per ulteriore crescita nel segmento del volume e impegnarsi con la diversità e la sostenibilità in ogni aspetto del proprio lavoro.

Una cronologia di successo: una panoramica della collaborazione tra ŠKODA AUTO e il Gruppo Volkswagen

Contesto (1978-1988)

1978 La Volkswagen chiede alle autorità cecoslovacche il permesso di provare i veicoli del marchio tedesco sulle strade cecoslovacche.

3 – 5/1979 Colloqui esplorativi sul possibile acquisto di pastiglie freno e motori Volkswagen serie EA 801 per veicoli ŠKODA.

8/1985 Ripresa dei colloqui dopo il lancio del progetto ŠKODA Tipo 781 (futuro FAVORIT). Riunione dei Ministri degli Esteri della ČSSR e della Repubblica Federale di Germania presso la sede della Volkswagen a Wolfsburg.

9/1986 Presentazione di un’offerta specifica per costruire motori EA 111 su licenza.

8/1987 Viene lanciata la produzione dello ŠKODA FAVORIT a Mladá Boleslav.

9-11 / 1987 Volkswagen conduce una serie di test con un prototipo del futuro ŠKODA FAVORIT con motori VW delle serie EA 827 e EA 111.

03-10 / 1988 La prevista collaborazione per la produzione di motori con licenza EA 111 (1,05; 1,3 litri) e EA 827 (1,4; 1,6; 1,8 litri) viene accantonata, principalmente per motivi finanziari. Tuttavia, la direzione del gruppo Volkswagen è ora a conoscenza dei dettagli del nuovo veicolo ceco.

Negoziati sulla privatizzazione e l’integrazione nel Gruppo Volkswagen (1989-2000)

11/1989 La rivoluzione “di velluto” non violenta in Cecoslovacchia pone fine alla dittatura comunista. Il paese si prepara per libere elezioni e apre la strada a un governo democraticamente eletto.

1/1990 Petr Hrdlička, capo della ricerca e sviluppo presso lo stabilimento automobilistico AZNP di Mladá Boleslav, contatta Volkhard Köhler, direttore della cooperazione estera del gruppo Volkswagen. Suggerisce che Volkswagen venga coinvolta nella proposta di privatizzazione di ŠKODA.

2/1990 Il 4 febbraio 1990 si svolge presso l’aeroporto di Praga-Ruzyně il primo incontro informale tra il presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Volkswagen, Carl H. Hahn e Volkhard Köhler, con il ministro del Commercio estero cecoslovacco Slavomír Stračár.

3/1990 Ripresa dei colloqui tra i rappresentanti cecoslovacchi e la direzione del Gruppo Volkswagen. Il 22 marzo Carl H. Hahn e Volkhard Köhler vengono per la prima volta a Mladá Boleslav con una delegazione di Wolfsburg.

6/1990 La ricerca di un partner strategico inizia ufficialmente: il governo ceco scrive a otto dei 24 potenziali candidati originali e quattro noti produttori di automobili presentano quindi un’offerta.

8/1990 La scelta di un partner strategico è ristretta all’alleanza Renault / Volvo e al Gruppo Volkswagen come la più grande casa automobilistica in Europa. L’azienda tedesca rispetta il desiderio della parte ceca di promuovere il tradizionale marchio ŠKODA, di mantenere il proprio sviluppo nella Repubblica Ceca e di continuare la produzione della serie di modelli FAVORIT / FORMAN. Volkswagen presenta un piano di investimenti completo.

12/1990 In una riunione straordinaria del governo ceco il 9 e 10 dicembre, il gruppo Volkswagen si aggiudica l’appalto. Oltre al consiglio economico del governo, anche il sindacato degli stabilimenti ŠKODA e una società di consulenza e revisione esterna supportano questa decisione. Il 21 dicembre 1990 i partner firmano l’accordo di cooperazione.

12/1990 Il crollo dell’economia centralizzata e il calo significativo in importanti mercati di esportazione hanno colpito duramente ŠKODA. Il mercato interno, molto importante per l’azienda, crolla quasi completamente. Nel 1990, l’azienda ha consegnato solo circa 27.000 unità invece dei previsti 126.000 veicoli. In totale, nel 1990 vengono prodotti 187.181 veicoli a Mladá Boleslav, Vrchlabí e Kvasiny.

28 marzo 1991 Giovedì 28 marzo 1991, il ministro dell’Industria ceco, Jan Vrba, e Carl H. Hahn, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Volkswagen, firmano il contratto che istituisce una joint venture per la produzione di veicoli ŠKODA.

16 aprile 1991 Una volta soddisfatti gli accordi contrattuali, ŠKODA diventerà il quarto marchio del Gruppo Volkswagen insieme a VW, Audi e SEAT.

10/1991 L’8 ottobre, il presidente tedesco Richard von Weizsäcker visita la città di Mladá Boleslav. Ha fatto una campagna per la privatizzazione della casa automobilistica dalla primavera del 1990.

11/1992 Il Consiglio di Sorveglianza del Gruppo Volkswagen approva il piano di investimenti per ŠKODA AUTO. Prevede investimenti per 3,749 miliardi di DM entro il 2000.

6/1994 Il 16 giugno 1994 ŠKODA produce il milionesimo veicolo a trazione anteriore.

10/1994 Debutta la nuova ŠKODA FELICIA, il primo modello ŠKODA con componenti del Gruppo Volkswagen.

9/1996 A Mladá Boleslav viene aperto uno degli stabilimenti automobilistici più moderni d’Europa. Il primo prodotto è una berlina a due volumi della classe medio-bassa, la prima generazione della moderna OCTAVIA. È il primo modello ŠKODA basato su una piattaforma del Gruppo Volkswagen.

05/2000 Volkswagen diventa l’unico proprietario di ŠKODA AUTO.

12/2014 ŠKODA AUTO consegna per la prima volta più di un milione di veicoli in tutto il mondo