23 Settembre 2021

Attraverso il Consorzio Mcity, Honda e Verizon testano come il 5G migliora la sicurezza per i veicoli connessi e autonomi

TORRANCE, California e BASKING RIDGE, NJ

  • Honda e Verizon stanno lavorando a Mcity per esplorare come Verizon 5G Ultra Wideband e 5G Mobile Edge Compute (MEC) possono garantire una comunicazione veloce e affidabile tra infrastruttura stradale, veicoli e pedoni
  • Le aziende stanno testando come Honda SAFE SWARM ™ utilizzando Verizon 5G Ultra Wideband e MEC possa ridurre la necessità di AI a bordo di ogni veicolo
  • I test iniziali includono allarmi stradali di nuova generazione per veicoli di emergenza, attraversamenti pedonali e corridori a luci rosse

Attraverso la loro partnership con Mcity dell’Università del Michigan, un banco di prova per veicoli connessi e autonomi, Honda e Verizon stanno collaborando per ricercare come la nuova tecnologia di sicurezza connessa che utilizza 5G e il mobile edge computing (MEC) possa garantire una comunicazione veloce e affidabile tra infrastruttura stradale, veicoli e pedoni che condividono la strada, quindi ridurre le collisioni e salvare vite umane. La trasmissione dei dati super veloce, affidabile e a bassa latenza ai margini della rete è essenziale per la sicurezza dei veicoli connessi. Le piattaforme 5G e MEC di Verizon portano la potenza del cloud più vicino al veicolo, riducendo la latenza, offrendo un’enorme larghezza di banda e migliorando le comunicazioni e la connettività tra conducenti, altre auto, semafori, pedoni e veicoli di emergenza per migliorare il rilevamento delle minacce ed evitare incidenti in pochi secondi importa di più.

Dal 2017, Honda ha sviluppato una tecnologia per realizzare una società senza collisioni chiamata SAFE SWARM ™. Utilizzando la comunicazione Cellular Vehicle-to-Everything (C-V2X), Honda SAFE SWARM ™ consente ai veicoli di comunicare con altri utenti della strada e condividere informazioni chiave come posizione, velocità e dati dei sensori del veicolo. Un limite di questo approccio è la necessità di dotare ogni veicolo di capacità di intelligenza artificiale (AI) a bordo. L’uso del 5G aiuta a spostare le capacità di intelligenza artificiale dal veicolo al MEC, riducendo la necessità di intelligenza artificiale a bordo di ogni veicolo.

“La collaborazione di ricerca di Honda con Verizon è un passo importante nel nostro impegno pluriennale per sviluppare la tecnologia di sicurezza dei veicoli connessi per realizzare la nostra visione per una società senza collisioni”, ha affermato Ehsan Moradi Pari, Ph.D, gruppo di ricerca a capo della tecnologia avanzata di Honda Divisione di ricerca. “Sebbene la ricerca sia preliminare e non intesa come una caratteristica del prodotto in questo momento, la comunicazione dei veicoli abilitata per 5G e MEC hanno il potenziale per aumentare la sicurezza per tutti coloro che condividono la strada”.

“La capacità di spostare la potenza di calcolo ai margini della nostra rete 5G è un elemento essenziale per i veicoli autonomi e connessi, che aiuta le auto a comunicare tra loro quasi in tempo reale e con sensori e telecamere installati nelle strade e nei semafori”, ha affermato Sanyogita Shamsunder, vicepresidente per lo sviluppo tecnologico e 5G Labs di Verizon. “Se si considera che circa 42.000 persone sono morte in incidenti stradali lo scorso anno e il 94% degli incidenti sono causati da errori umani, le nostre nuove tecnologie, tra cui 5G e MEC, possono aiutare i conducenti a ‘vedere’ le cose prima che l’occhio umano possa registrarsi e reagire aiutando a prevenire le collisioni e salvare vite umane “.

Utilizzando le piattaforme software 5G Ultra Wideband, MEC e V2X di Verizon, Honda e Verizon hanno esplorato tre scenari di sicurezza:

  • Scenario pedonale: un pedone attraversa una strada a un incrocio. Un guidatore in avvicinamento non può vedere il pedone a causa di un edificio che ostruisce la visuale. Le telecamere intelligenti montate nell’incrocio trasmettono le informazioni a MEC utilizzando la rete 5G. Le piattaforme software MEC e V2X di Verizon rilevano il pedone e il veicolo e determinano la posizione precisa degli utenti della strada assistiti dai servizi Hyper Precise Location di Verizon. Viene quindi inviato un messaggio di avviso visivo che avverte il conducente del potenziale pericolo.
  • Scenario di allarme per veicoli di emergenza: un conducente non può vedere un veicolo di emergenza in avvicinamento e non può sentire la sua sirena a causa dell’alto volume dell’audio all’interno del veicolo. Il software MEC e V2X di Verizon riceve un messaggio di sicurezza dal veicolo di emergenza e invia un messaggio di avviso ai veicoli vicini. Il conducente riceve un avviso visivo.
  •  Scenario del Red Light Runner: un veicolo non si ferma al semaforo rosso. Utilizzando i dati delle telecamere intelligenti, il software MEC e V2X rileva il veicolo e invia un messaggio di avviso visivo del corridore a luci rosse ad altri veicoli che si avvicinano all’incrocio.

Ogni scenario di ricerca dimostra il potenziale del 5G e del MEC nel comunicare messaggi urgenti di sicurezza tra veicoli e infrastruttura, riducendo la necessità di elaborazioni complesse a bordo di ogni veicolo connesso. In futuro, questa tecnologia dei veicoli connessi potrebbe aiutare a garantire che i veicoli autonomi saranno in grado di comunicare senza problemi.

Guarda il video dei test Mcity di Honda e Verizon su http://honda.us/5GResearch .