28 Giugno 2022

Ford annuncia un programma europeo di prove su strada con alcuni prototipi dell’E-Transit, il furgone elettrico dell’Ovale Blu

  • Ford E-Transit, sia furgoni sia chassis cabinati, completamente elettrici inizieranno presto un programma di prove su strada con selezionati operatori che si occupano di consegne nell’ultimo miglio e ai supermercati e con i fornitori di servizi pubblici
  • I test di questi primi prototipi nella quotidianità delle loro operazioni aiuteranno a migliorare ulteriormente l’esperienza di guida dei clienti che sceglieranno l’E-Transit
  • Il propulsore elettrico di E-Transit, i costi operativi ridotti e la connettività di nuova generazione sono stati progettati per aiutare gli operatori a ridurre le emissioni mantenendo alta la loro produttività

DUNTON, Regno Unito – Ford ha annunciato che le prime prove su strada per i clienti europei del nuovo E-Transit, la versione completamente elettrica del furgone più venduto al mondo, inizieranno molto presto.

I prototipi di E-Transit si uniranno alle flotte di clienti attivi nei settori della grande distribuzione, delle consegne a domicilio, dei servizi postali e dei servizi pubblici in Germania, Norvegia e Regno Unito, per operare nella quotidianità delle loro attività.

Le prove nel mondo reale sono un passo importante nel nostro percorso di sviluppo dell’E-Transit completamente elettrico e ci forniranno informazioni ancora più approfondite su come aiutare i clienti di diversi settori a migliorare la loro produttività utilizzando energia a emissioni zero”, ha affermato Andrew Mottram, E-Transit Chief Program Engineer, Commercial Vehicles, Ford of Europe.

Customer Trials fanno parte di un ampio programma di sviluppo dedicato all’E-Transit prima del suo lancio previsto nella primavera del 2022. I test, che inizieranno a partire dalla fine dell’estate di quest’anno, sono stati pensati per confermare che l’E-Transit completamente elettrico può soddisfare le esigenze di un’ampia gamma di scenari operativi.

Gli ingegneri Ford utilizzeranno i dati delle prove per perfezionare ulteriormente la connettività dei veicoli e le funzioni di gestione dell’autonomia, per offrire ai clienti un’esperienza ancora più personalizzata ed efficiente.

I prototipi – assemblati presso il Global Commercial Vehicle Centre of Excellence  di Ford a Dunton, nel Regno Unito – scelti per i test, comprendono sia la versione furgone dell’E-Transit e sia chassis cabinati con allestimenti speciali tra cui furgoni refrigerati, cassoni e scaffalature interne. Ai clienti europei di E-Transit verrà offerta un’ampia scelta di opzioni di carrozzeria, lunghezza, altezza del tetto e capacità di carico sin dal lancio, offrendo 25 possibili versioni per soddisfare una vasta gamma di esigenze lavorative.

Il vano di carico dell’E-Transit è uguale a quello dei modelli diesel per facilitarne l’allestimento e per consentire agli attuali clienti Transit di riutilizzare le attrezzature già in loro possesso, anche sul furgone completamente elettrico. Il sistema ProPower Onboard eroga fino a 2,3 kW tramite prese standard per alimentare allestimenti e attrezzature presenti nella cabina e nel vano di carico. (1) La portata utile prevista è fino a 1.616 kg per i furgoni e fino a 1.967 kg per i modelli cabinati.

Il propulsore completamente elettrico dell’E-Transit eroga fino a 200 kW di potenza, in linea con gli standard WLTP, per un’autonomia fino a 350 km (2) supportata da tecnologie di potenziamento dell’autonomia, tra cui la modalità Eco e il sistema di gestione programmata del climatizzatore. Gli operatori trarranno, inoltre, vantaggio dal nuovo sistema SYNC 4 che include uno schermo da 12 pollici di facile utilizzo e una navigazione connessa al cloud (3), migliorata tramite aggiornamenti software wireless automatici.

Ford prevede che i costi di gestione saranno inferiori di circa il 40% rispetto ai modelli dotati di motore a combustione interna (4), grazie alle minori spese di manutenzione.

1) La capacità di carico varia e dipende dagli accessori e dalla configurazione del veicolo. Vedere l’etichetta sul montante della porta per la capacità di carico di un veicolo specifico.

2) Autonomia stimata e tempo di ricarica basati su simulazioni di ingegneria informatica del produttore e calcolati in base al ciclo di unità WLTP. I dati sull’efficienza energetica omologati ufficialmente saranno pubblicati in prossimità della data di vendita. La velocità di ricarica diminuisce quando la batteria raggiunge la piena capacità. I risultati individuali possono variare in base ai tempi e allo stato di carica della batteria. L’autonomia effettiva del veicolo varia in base a condizioni quali elementi esterni, comportamenti di guida, manutenzione del veicolo ed età della batteria agli ioni di litio.

I consumi e le emissioni di COsono misurati in base ai requisiti tecnici e alle specifiche dei Regolamenti Europei (EC) 715/2007 e (EC) 692/2008 nelle ultime versioni emendate. I risultati possono differire da quelli riscontrati in altri mercati dove vengono applicati regolamenti che prevedono cicli di guida differenti. Il consumo di carburante e le emissioni di CO2 sono specificate per variante di veicolo, e non per singola auto. Le procedure standard applicate nella conduzione dei test permettono un confronto fra diversi tipi di veicolo e diversi produttori. Oltre all’efficienza energetica di un veicolo, anche il comportamento alla guida e una serie di fattori non tecnici influiscono sul consumo di carburante e sulle emissioni di CO2.

3) Non guidare mentre sei distratto o mentre usi dispositivi portatili. Usa i sistemi a comando vocale quando possibile. Alcune funzioni potrebbero essere bloccate mentre il veicolo è in marcia. Non tutte le funzionalità sono compatibili con tutti i telefoni.

4) Basato su un periodo di 3 anni o 180.000 km. Confronto tra elementi di manutenzione programmata e non programmata per una batteria elettrica rispetto a un furgone diesel simile