26 Settembre 2021

ŠKODA OCTAVIA TOURING SPORT (1960): ritorno di successo ai corsi di rally internazionali

ŠKODA tornò al motorsport internazionale alla fine degli anni ’50
› Le versioni SPARTAK e TOURING SPORT dei modelli OCTAVIA riscossero un grande successo nei rally
›Nel 1961, il duo finlandese Esko Keinänen / Rainer Eklund ottenne una vittoria di classe al leggendario Rally di Monte Carlo la ŠKODA OCTAVIA TS, classificandosi 6 ° assoluto

Mladá Boleslav- Dopo che la situazione politica si è leggermente allentata alla fine degli anni ’50, ŠKODA è tornata al motorsport internazionale e ha gareggiato nel prestigioso Rally di Monte Carlo nel 1956 per la prima volta dal 1949. La ŠKODA OCTAVIA TOURING SPORT (TS) ha anche ottenuto numerose vittorie ai rally internazionali nei primi anni ’60, continuando la tradizione del motorsport della casa automobilistica di Mladá Boleslav.

Il set fotografico completo del comunicato stampa e una selezione completa di articoli e funzioni su vari argomenti relativi a 120 anni di ŠKODA Motorsport sono disponibili nello Storyboard di ŠKODA .

La tradizione dei veicoli ŠKODA dinamici, adatti anche all’uso quotidiano, iniziò a metà degli anni ’30 con il RAPID. Questo modello era leggermente più grande del POPULAR e anche i propulsori delle due serie erano diversi. La tradizione dei modelli sportivi di Mladá Boleslav continuò nel 1960 con il lancio dell’OCTAVIA TOURING SPORT (TS).

ŠKODA ritorna sulla scena automobilistica internazionale
Gli anni ’60 furono un decennio politicamente ricco di eventi: anche la casa automobilistica di Mladá Boleslav voleva approfittare dell’apertura cauta della Cecoslovacchia. Il successo nel motorsport è sempre stato un buon modo per promuovere nuovi modelli e ŠKODA ha inviato i suoi veicoli per competere in prestigiosi eventi internazionali. I lunghi rally di fondo sono serviti come test di resistenza per uomini e macchine, e le auto da rally sempre più potenti e veloci hanno garantito gare emozionanti. A quel tempo, competere in eventi di sport motoristici richiedeva una spesa minima e molti team modificavano i loro veicoli da soli. Un modello base solido e affidabile come la ŠKODA OCTAVIA TS si è dimostrato abbastanza potente da arrivare in testa al campo.

ŠKODA OCTAVIA TS: modifiche attentamente studiate aumentano le prestazioni
L’OCTAVIA TS era disponibile con due cilindrate e quindi anche in due varianti di prestazioni. A differenza della versione base dell’OCTAVIA, la versione iniziale con una cilindrata di 1.089 cm 3 aveva due carburatori downdraught Jikov 32 SOPb. Successivamente, il motore è stato dotato di un nuovo collettore di aspirazione e, grazie ai deflettori sui pistoni, aveva un rapporto di compressione di 8,4: 1. Queste modifiche hanno aumentato la potenza a 50 CV a 5.500 giri / min, mentre la coppia massima di 74,5 Nm è stata raggiunta a 3.500 giri / min.

OCTAVIA TS 1200 del 1962
La produzione dell’OCTAVIA e della FELICIA modernizzate fu lanciata nel 1961 e ŠKODA offrì entrambi i modelli come versioni “SUPER”. Per questa variante, la casa automobilistica ha allargato l’alesaggio del motore a 72 millimetri, aumentando così la cilindrata a 1.221 cm³. La versione SUPER aveva un rapporto di compressione di 7,5: 1 e erogava 47 CV. Grazie ad un rapporto di compressione ancora più elevato di 8,4: 1, l’OCTAVIA TS 1200 presentata nel gennaio 1962 generava 55 CV a 5.100 giri / min. Il motore ha raggiunto una coppia massima di 86,2 Nm a 3.500 giri / min. Tra i clienti privati, il modello era un popolare progetto di tuning; con opportune modifiche tecniche e l’esperienza necessaria, la potenza del motore potrebbe essere aumentata a poco meno di 100 CV. Più di 2.270 unità dell’OCTAVIA TS e dell’OCTAVIA 1200 TS uscirono dalla linea di produzione di Mladá Boleslav tra il 1960 e il 1964.

OCTAVIA TS: 920 chilogrammi, cambio a quattro marce e sospensioni indipendenti a tutto tondo
Sebbene l’OCTAVIA TS 1200 – con un peso a vuoto di 920 chilogrammi – fosse 20 chilogrammi più pesante della FELICIA decappottabile, il produttore ha dichiarato identiche prestazioni di guida con lo stesso consumo di carburante . L’auto ha raggiunto velocità fino a 130 km / he una media di 9,1 litri di benzina ogni 100 chilometri. La seconda alla quarta marcia del cambio a quattro marce era sincronizzata; la leva del cambio è stata posizionata nel tunnel centrale. Le quattro ruote erano sospese singolarmente al telaio tubolare centrale.

I primi successi delle auto da rally leggermente modificate contro la concorrenza internazionale
Le vetture modificate per il rally avevano cerchi da 15 pollici con pneumatici Barum e pneumatici chiodati Michelin per le prove speciali su neve e ghiaccio. Fin dai primi rally, l’OCTAVIA si è dimostrata una forte concorrente nella categoria sotto i 1.300 cm 3 . Questo è stato notato non solo dalle squadre scandinave, ma anche dai partecipanti provenienti da Austria, Polonia e Grecia. La loro decisione di utilizzare il veicolo relativamente economico di Mladá Boleslav ha dato i suoi frutti.

Esko Keinänen e Rainer Eklund dominano la loro classe al “Monte” con l’OCTAVIA TS
L’ OCTAVIA TS ha ottenuto i suoi maggiori successi nelle mani di piloti privati ​​al Rally di Monte Carlo e al Rally Finlandese dei 1000 Laghi. Nel 1961, il duo finlandese Esko Keinänen / Rainer Eklund finì 6 ° assoluto e primo nella loro classe a Monaco. Un anno dopo, non meno di 16 team di piloti di otto paesi partecipavano al Rally di Monte Carlo con l’OCTAVIA. Come l’anno precedente, il finlandese Esko Keinänen ha dominato la sua classe e ha trionfato contro quattro vetture dell’Alfa Romeo.

Le auto del team ufficiale in questo Rally di Monte Carlo sono state solo leggermente modificate: il rapporto di compressione era identico alla versione di produzione ed era stata montata una coppa dell’olio in alluminio. Complessivamente sono stati omologati due rapporti di trasmissione e il rapporto finale è stato fissato a 4,78. Ai rally, pneumatici tagliati del tipo Barum OS 11 5.60 × 15 e Michelin Valiarts chiodati hanno assicurato un’aderenza adeguata su qualsiasi superficie.

La storia di successo di OCTAVIA TS continua al “Rally dei 1000 laghi” in Finlandia e al Tour d’Europe
Al 1000 Lakes Rally, Esko Keinänen ha superato quasi tutto il gruppo, ad eccezione di Pauli Toivonen sulla Citroën DS 19, con Keinänen che dominava la sua classe e si è classificato secondo assoluto. L’OCTAVIA TS ha continuato la sua serie di vittorie nel 1963, vincendo per la terza volta nella sua categoria a Monaco, questa volta con il duo norvegese Gjölberg / Karlan a bordo. Ha anche ottenuto un grande successo in Finlandia; su ghiaccio e neve, Esko Keinänen ha portato la vettura al quarto posto in classifica generale. Inoltre, Josef Vidner e Bohuslav Staněk conquistarono il primo posto nella classe fino a 1.300 cm³ al Tour d’Europe del 1963 e terminarono in un eccezionale quinto posto assoluto. La leggera e maneggevole OCTAVIA TS ha ripetutamente superato la concorrenza internazionale anche negli anni successivi.

Tra i piloti cechi più famosi dell’OCTAVIA TOURING SPORT e della TS 1200 c’erano i fratelli Jaroslav e Václav Bobek, Miroslav Fousek, Vladimír Hubáček, Zdeněk Mráz, Leopold Lancman e Jiří Srnský.