Giugno 13, 2021

IL GRUPPO RENAULT FIRMA UN ACCORDO MONDIALE PER UN’ORGANIZZAZIONE IBRIDA DEL LAVORO

  • Il Gruppo Renault, il suo Comitato di Gruppo Mondo ed Industri All Global Union hanno firmato un innovativo accordo per disciplinare la trasformazione delle modalità di lavoro su scala mondiale
  • Basato sulla fiducia, questo accordo prevede un’organizzazione ibrida per trarre il meglio dal lavoro in presenza e in smart working, migliorando così l’equilibrio tra vita privata e vita professionale dei dipendenti
  • In Francia, il Gruppo Renault ha aperto un negoziato con i sindacati rappresentativi per definire e realizzare una nuova organizzazione nell’ambito di tale accordo

Luca de Meo, CEO del Gruppo Renault, Eric Vidal, Segretario del Comitato di Gruppo Mondo, e Valter Sanches, Segretario Generale di IndustriAll, hanno firmato, in data 26 aprile, un addendum all’accordo quadro mondiale “Costruire insieme il mondo del lavoro nell’ambito del Gruppo Renault”, relativo all’organizzazione tra smart working e lavoro in presenza. 

Questa nuova organizzazione ibrida del lavoro del Gruppo Renault, che si prefigge lo scopo di trarre il meglio dalle attività in presenza e in smart working, funziona su base volontaria e verte sui seguenti principi:

• Più flessibilità nell’organizzazione personale del lavoro: organizzazione della settimana tra smart working e lavoro in presenza con almeno due giorni di smart working a settimana e mantenimento di almeno il 20% dell’orario di lavoro mensile in presenza.

• Responsabilizzazione ed autonomia: in base agli obiettivi individuali, libera organizzazione del lavoro tra individuale, collaborativo ed incontri in presenza con il team.

• Rispetto dell’equilibrio tra vita privata e vita professionale: rispetto degli orari di lavoro dell’azienda, ma anche dei periodi di pausa e di ferie (diritto alla disconnessione).

Questo addendum estende l’accordo quadro mondiale firmato nel 2019 e consente di accompagnare la trasformazione del Gruppo Renault, soprattutto rivedendo la sua modalità di lavoro. Risponde anche alle attese espresse dai collaboratori, che si sono accentuate con la crisi sanitaria, sulla possibilità di fare un mix tra lavoro in presenza e smart working per migliorare l’equilibrio tra vita privata e vita professionale.

«Porre le regole del gioco della nuova organizzazione ibrida del lavoro è fondamentale. Questo è il senso dell’accordo che firmiamo oggi. Andando alla ricerca del giusto equilibrio tra la presenza fisica e il lavoro in smart working, ma anche sfruttando tutti i vantaggi che la tecnologia ci può offrire, guadagneremo in efficacia e miglioreremo la qualità di vita dei nostri dipendenti in tutto il mondo. Questo accordo davvero unico è di grande modernità. Anche questo è Renaulution»ha dichiarato Luca De Meo, CEO del Gruppo Renault.

«Come estensione dell’accordo quadro mondiale del 9 luglio 2019, l’addendum firmato in data odierna risponde alle attese di tutti i dipendenti del Gruppo Renault nei confronti dello smart working: pone le basi per strutturare una nuova modalità di lavoro quotidiano che abbina performance aziendale ed equilibrio tra vita privata e vita professionale per i singoli dipendenti del Gruppo Renault nel mondo» ha dichiarato Eric VIDAL, Segretario del Comitato di Gruppo Mondo del Gruppo Renault.

«La pandemia ha costretto buona parte dei dipendenti a lavorare in smart working ed è di fondamentale importanza accertarsi che i diritti dei lavoratori siano ben tutelati. Questo accordo con il Gruppo Renault è un primo passo importante in quanto stabilisce standard mondiali elevati e fornisce il quadro per i negoziati nazionali/ locali sull’argomento. Ci rivolgeremo ad altre aziende su questo tema, nella speranza che seguano questo buon esempio»ha dichiarato Valter Sanchez, Segretario Generale di IndustriAll Global Union.

La firma di questo addendum apre, ora, la strada alle implementazioni locali per applicare l’accordo in tutti i Paesi in modo da giungere a proporre localmente il miglior equilibrio tra efficienza e benessere al lavoro. 

La Francia, già dal 13 aprile, ha iniziato i negoziati con le parti sociali per definire le condizioni di questa nuova organizzazione ibrida del lavoro per i lavoratori francesi. Anche gli altri Paesi del Gruppo definiranno, nei prossimi mesi, le condizioni locali di applicazione dell’addendum ai rispettivi territori.  

Cenni sul Gruppo Renault 

Il Gruppo Renault è all’avanguardia di una mobilità che si reinventa. Forte dell’Alleanza con Nissan e Mitsubishi Motors e della sua esperienza unica a livello di elettrificazione, il Gruppo Renault fa leva sulla complementarietà delle sue 5 Marche (Renault – Dacia – LADA- Alpine e Mobilize), proponendo soluzioni di mobilità sostenibili ed innovative ai suoi clienti. Presente in oltre 130 Paesi, il Gruppo ha venduto 2,9 milioni di veicoli nel 2020. Riunisce oltre 170.000 collaboratori che incarnano nella vita quotidiana la sua “ragion d’essere”, affinché la mobilità ci avvicini gli uni agli altri. Pronto a raccogliere le sfide su strada, ma anche nelle competizioni, il Gruppo si è impegnato in una trasformazione ambiziosa e generatrice di valore. Questa è incentrata sullo sviluppo di tecnologie e servizi inediti, su una nuova gamma di veicoli ancora più competitiva, equilibrata ed elettrificata. In linea con le sfide ambientali, il Gruppo Renault si prefigge lo scopo ambizioso di raggiungere l’obiettivo zero emissioni in Europa entro il 2050.  https://www.renaultgroup.com/