17 Settembre 2021

Oltre 200 milioni di tonnellate: il BMW Group si pone l’obiettivo ambizioso di ridurre le emissioni di CO2 entro il 2030

Il BMW Group sta sostenendo la sua missione per la mobilità sostenibile con obiettivi ambiziosi per la riduzione dei gas a effetto serra: all’odierna Assemblea Generale Annuale, la società ha annunciato che eviterà l’emissione di oltre 200 milioni di tonnellate di CO2 entro il 2030. Ciò equivale a più di 20 volte le emissioni annuali di CO2 di una città con oltre un milione di abitanti, come Monaco.

  • RE: THINK, RE: DUCE, RE: USE, RE: CYCLE – Il BMW Group fa dell’economia circolare il tema centrale di IAA MOBILITY 2021
  • “Neue Klasse”: approccio allo sviluppo “Secondary first”
  • Celle batteria di nuova generazione: riduzione della metà dell’impronta di carbonio delle batterie ad alta tensione
  • Obiettivi di CO2 per il 2030 convalidati da Science-Based Targets Initiative
  • Tutta la produzione e le sedi diventeranno completamente neutre in termini di emissioni di carbonio dal 2021
  • Almeno il 50% delle vendite globali di modelli completamente elettrici entro il 2030
  • Zipse: “Vogliamo giocare un ruolo pionieristico nell’economia circolare”

Monaco. Il BMW Group sta sostenendo la sua missione per la mobilità sostenibile con obiettivi ambiziosi per la riduzione dei gas a effetto serra: all’odierna Assemblea Generale Annuale, la società ha annunciato che eviterà l’emissione di oltre 200 milioni di tonnellate di CO2 entro il 2030. Ciò equivale a più di 20 volte le emissioni annuali di CO2 di una città con oltre un milione di abitanti, come Monaco. Per raggiungere questo obiettivo, il BMW Group sta riducendo l’impronta di carbonio dei suoi veicoli durante il loro ciclo di vita : dall’estrazione delle materie prime, alla produzione e alla fase di utilizzo, fino al riciclaggio a fine vita. In futuro, l’utilizzo di meno risorse sarà una delle priorità.

“Un’auto rispettosa del clima non viene creata esclusivamente utilizzando l’energia verde. Dobbiamo progettare i nostri veicoli per la sostenibilità sin dal primo giorno di sviluppo: ridurre la quantità di materiale utilizzato per produrli e, soprattutto, pianificare il riutilizzo e il riciclaggio sin dall’inizio. Di fronte all’aumento dei prezzi delle materie prime, questo non è solo un imperativo ambientale, ma anche un imperativo aziendale “, ha affermato Oliver Zipse, Presidente del Consiglio di amministrazione di BMW AG, mercoledì all’Assemblea generale annuale a Monaco. “La tecnologia per questo è estremamente esigente: ecco perché vogliamo aprire la strada all’economia circolare e svolgere un ruolo pionieristico. Stiamo già lavorando a quote per l’utilizzo di materiale secondario nella nostra “Neue Klasse” che sono sia concrete che ambiziose per soddisfare i nostri elevati standard.

RE: THINK, RE: DUCE, RE: USE, RE: CYCLE – Il BMW Group fa dell’economia circolare il tema centrale di IAA MOBILITY 2021

Il BMW Group metterà in evidenza il potenziale futuro della economia circolare per la tutela dell’ambiente e del clima al Salone di Francoforte 2021 MOBILITA ‘ nel mese di settembre. L’approccio dell’azienda “RE: THINK, RE: DUCE, RE: USE, RE: CYCLE” fornisce una visione olistica di come l’utilizzo di materie prime primarie possa essere drasticamente ridotto nelle auto del futuro.

Il BMW Group prevede già di portare la sostenibilità a un livello radicalmente nuovo nei suoi modelli ” Neue Klasse” a partire dalla metà del decennio, riducendo significativamente il consumo di risorse per veicolo. L’obiettivo è aumentare sostanzialmente la percentuale di materiale secondario , come acciaio riciclato, plastica e alluminio. Di fronte a una carenza di risorse naturali e all’aumento dei prezzi delle materie prime, il BMW Group vede questo passo come una leva cruciale per pratiche commerciali sostenibili e per creare un chiaro imperativo di efficienza .

Per raggiungere questo obiettivo, il BMW Group ha avviato un cambio di paradigma nello sviluppo con il suo approccio ” secondario primo “, ovvero utilizzando materiale secondario ovunque la qualità e la disponibilità dei materiali lo consentano.

L’impronta di carbonio della batteria ad alto voltaggio sarà ridotta di oltre la metà

La batteria ad alto voltaggio svolge un ruolo unico in questo: il processo di fabbricazione della batteria e di produzione delle celle della batteria è estremamente ad alta intensità energetica e quindi un fattore importante nell’impronta di carbonio di qualsiasi auto elettrica. Con la prossima generazione di tecnologia delle batterie che verrà introdotta nella ” Neue Klasse “, il BMW Group mira a ridurre l’impronta di carbonio della batteria ad alto voltaggio a meno della metà del valore di base dell’attuale tecnologia Gen5.

Oltre al passaggio all’energia verde già implementato dai produttori di celle, anche il nuovo concetto di batteria e cella, combinato con una migliore chimica delle celle , fornirà un contributo significativo. Un altro fattore è la crescente percentuale di materiale secondario nelle celle della batteria e nella batteria ad alta tensione nel suo complesso. L’alloggiamento della BMW iX * contiene già fino al 30 percento di alluminio secondario e fino al 50 percento di nichel secondario, che è una materia prima chiave, viene utilizzato nella cella della batteria. Allo stesso tempo, il BMW Group ha limitato l’uso di materie prime critiche nell’attuale generazione di celle per batterie e ha ridotto la quantità di cobalto nel materiale catodico a meno del dieci percento . Il motore elettrico non richiede più l’uso di terre rare .

“Design circolare” come base per l’economia circolare

Le esigenze di riciclaggio sono già prese in considerazione nella progettazione del veicolo , perché l’estrazione di materiali in una forma molto pura è una sfida centrale per gli attuali processi di riciclaggio . Ad esempio, l’impianto elettrico deve essere facilmente rimovibile, prima del riciclaggio, per evitare di mescolare l’acciaio con il rame dal cablaggio del veicolo. In caso contrario, l’acciaio secondario non soddisfa più i severi requisiti di sicurezza dell’industria automobilistica . L’ utilizzo di monomateriali , ad esempio nei sedili, deve essere notevolmente aumentato per consentire il reimmissione della massima quantità possibile nel ciclo del materiale.

Un altro aspetto chiave è la capacità di smantellamento efficiente . Affinché i materiali secondari siano in grado di competere sul mercato, il veicolo e i singoli componenti devono essere smontati rapidamente ed economicamente come preliminare al riciclaggio. I prerequisiti per questo devono essere posti in essere durante la progettazione del veicolo , ad esempio, non fissando i collegamenti con adesivo, ma progettandoli in modo che possano essere staccati di nuovo alla fine della vita del veicolo e assicurandosi che materiali diversi non vengano mescolati tra loro .

Obiettivi di riduzione di CO2 convalidati da Science-Based Targets Initiative: l’intera produzione diventerà completamente neutra al carbonio a partire dal 2021

Il BMW Group ha posto la sostenibilità e l’efficienza delle risorse al centro della sua direzione strategica nel 2020 e, con questo riallineamento, sta perseguendo un percorso molto più ambizioso rispetto all’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale a due gradi. Per tutto il ciclo di vita del veicolo e per tutti e tre gli ambiti considerati, il BMW Group ha fissato obiettivi misurabili e verificabili che da allora sono stati convalidati dalla Science-Based Targets Initiative:

ArgomentoRiduzione di CO2 fino al 2030 (dal 2019)Obiettivo climatico equivalente
Produzione e luoghi
Scopo 1 + 2
-80% per veicolopiù ambizioso
dell’obiettivo di 1,5 ° C
Supply chain
Scope 3 a monte
almeno -20% per veicoloObiettivo di 1,75 ° C
Utilizzare la fase
Scope 3 a valle
più del -40% per veicolo / kmentro l’intervallo target compreso tra 1,5 e
1,75 ° C
Intero ciclo di vita
Scope 1-3
almeno -33% per veicoloentro l’intervallo target compreso tra
1,5 e 1,75 ° C

Ciascuno di questi obiettivi rappresenta una riduzione sostanziale delle emissioni , in altre parole una riduzione reale delle emissioni di CO2 per veicolo. Un fattore chiave è che la produzione del BMW Group e tutte le sedi hanno acquistato energia verde al 100% dalla fine del 2020. A partire da quest’anno, il BMW Group sta anche compensando le sue emissioni di CO2 rimanenti (Scope 1 + 2) attraverso misure di compensazione selezionate , che coprono anche le emissioni delle auto aziendali e dei viaggi d’affari, ad esempio. Ciò significa che, dal 2021 in poi, l’intera produzione del BMW Group, comprese tutte le sue sedi in tutto il mondo, sarà completamente neutra in termini di emissioni di carbonio .

Per il BMW Group, una cosa è certa: tali misure sono un fattore importante per compensare l’impatto netto delle emissioni dannose per il clima – tuttavia, non devono ritardare misure sostanziali che possono fornire una riduzione reale delle emissioni. Per questo motivo, il BMW Group unica applica queste misure per i suoi restanti emissioni di carbonio che sono ancora inevitabile – per esempio, l’uso di impianti altamente efficienti di cogenerazione.

“Per quanto riguarda il BMW Group: evitare viene prima di compensare. In questo modo, abbiamo già ridotto il nostro consumo di energia per veicolo prodotto di oltre un terzo rispetto ai livelli del 2006 e siamo stati persino in grado di ridurre le corrispondenti emissioni di CO2 per veicolo prodotto di oltre il 70% “, ha affermato Zipse .

Il BMW Group è il primo produttore automobilistico a fissare obiettivi concreti per ridurre le emissioni di CO2 nella sua catena di fornitura entro il 2030. Oltre all’uso di energia verde per la produzione ad alta intensità energetica di celle di batteria di quinta generazione, sono state avviate ulteriori misure – in futuro , ad esempio, l’energia solare verrà utilizzata per la produzione di alluminio , anch’esso ad alta intensità energetica. Il BMW Group sta inoltre investendo in un metodo innovativo per la produzione di acciaio senza carbonio, sviluppato dalla startup statunitense Boston Metal, attraverso il suo fondo di capitale di rischio, BMW i Ventures.

2030: Almeno il 50% delle vendite globali è completamente elettrico

Un fattore chiave per la decarbonizzazione della mobilità individuale e il fattore più importante nella riduzione delle emissioni di CO2 durante la fase di utilizzo sarà il massiccio aumento dell’elettromobilità, che il BMW Group ha intensificato ancora di più negli ultimi anni. L’azienda offrirà cinque modelli completamente elettrici entro la fine di quest’anno: la BMW i3 *, la MINI SE * e la BMW iX3 *, nonché le due principali ammiraglie dell’innovazione, la BMW iX * e la BMW i4 *. A queste seguiranno nei prossimi anni le versioni completamente elettriche della BMW Serie 5 ad alto volume e della BMW X1. A loro si uniranno anche la BMW Serie 7, il successore della MINI Countryman e altri modelli. Entro il 2023, il BMW Group avrà almeno un modello completamente elettrico sulle strade in circa il 90% dei suoi attuali segmenti di mercato.

Tra oggi e il 2025 , il BMW Group aumenterà le sue vendite di modelli completamente elettrici in media di oltre il 50% all’anno, più di dieci volte il numero di unità vendute nel 2020. Sulla base delle sue attuali previsioni di mercato, la società anche prevede che almeno il 50% delle sue vendite globali proverrà da veicoli completamente elettrici nel 2030 . La cifra effettiva può variare in modo significativo da mercato a mercato e in ultima analisi dipenderà in larga misura dai progressi compiuti nell’espansione dell’infrastruttura di ricarica a livello regionale.

A questo punto, non ci sarà più alcuna posizione di segmento nell’intero portafoglio di prodotti del BMW Group in cui la società non offre almeno un modello completamente elettrico. I singoli segmenti possono, infatti, essere serviti esclusivamente da modelli completamente elettrici. L’azienda sarà anche in grado di gestire una percentuale molto maggiore di veicoli completamente elettrici se la domanda si svilupperà di conseguenza. In totale, nei prossimi dieci anni circa, il BMW Group rilascerà circa dieci milioni di veicoli completamente elettrici sulle strade.

Definizione CE 04 – Veicolo di produzione elettrico che sarà presentato questa estate

BMW Motorrad sta anche ampliando la sua gamma di veicoli elettrici su due ruote per gli spazi urbani: al #NEXTGen 2020, la società ha condiviso una visione concreta di ciò che un veicolo di produzione che potrebbe presto portare l’elettromobilità a un binario nelle città a un livello completamente nuovo, entrambi tecnicamente e otticamente, potrebbe sembrare, con la BMW Motorrad Definition CE 04. Il BMW Group presenterà il modello di produzione corrispondente quest’estate.

* Dati su consumi / emissioni:

BMW iX: Consumo energetico in kWh / 100 km: 22,5-19,5 WLTP. I dati sono preliminari e basati su previsioni.

BMW i3 (120 Ah) : Consumo energetico in kWh / 100 km combinato: 13,1 NEDC, 16,3-15,3 WLTP.

BMW i3s (120 Ah) : Consumo energetico in kWh / 100 km combinato: 14,6-14,0 NEDC, 16,6-16,3 WLTP.

MINI Cooper SE: Consumo energetico in kWh / 100 km combinato: 16,9-14,9 NEDC, 17,6-15,2 WLTP.

BMW iX3: consumo di energia in kWh / 100 km combinato: 17,8-17,5 NEDC, 19,0-18,6 WLTP.

BMW i4: questo è un modello di pre-produzione, non sono ancora disponibili dati di omologazione.