Giugno 15, 2021

JEAN LE CAM, PASSIONE 4L

Con oltre 8 milioni di unità vendute in oltre 100 paesi, la Renault 4 è un’icona nel panorama automobilistico. Celebrando il suo 60° anniversario quest’anno, rimane una fonte di piacere per i suoi ultimi utenti e collezionisti, come Jean Le Cam. Il famoso marinaio adora il 4L. Quando ne ha regalato uno a sua figlia per il suo diciottesimo compleanno, non avrebbe mai immaginato che, dodici anni dopo, ne avrebbe posseduti ben otto. Ci racconta la storia di questa passione. 

Devi aver sentito parlare di Jean Le Cam . Una vera leggenda della vela con non meno di 5 regate del Vendée Globe al suo attivo, il suo eroismo si è manifestato nell’ultima regata quando ha salvato lo skipper Kevin Escoffier mentre andava alla deriva sulla sua zattera di salvataggio nel mezzo dell’Oceano Indiano. Per molti anni, questo appassionato velista si è distinto abbinando marinai in barche più moderne della sua Yes-We-Cam, la sua “4L of the seas” , come la chiama ridendo. Condivide il suo tempo tra l’esplorazione dei mari e… la guida delle sue 4L! Due passioni, ci racconta, che hanno in comune più di quanto si possa pensare. 

“La 4L è un’auto adorabile che ha lasciato il segno per molti anni e per generazioni. Tutti hanno ricordi della 4L.” 

Tutti ricordano la prima “macchina da vivere”

La Renault 4 , la prima “macchina da vivere”, presto ribattezzata “4L” , è il risultato di un’idea geniale: creare un’auto versatile che possa essere utilizzata per ogni occasione. Anche Jean Le Cam la vede come un’auto fuoristrada per la sua leggerezza, come ha spiegato a L’Equipe lo  scorso marzo: “Chiamo la mia barca 4L per darle un’immagine. La specifica della Renault 4 è stata redatta in modo che potesse essere utilizzata nel deserto. Era un veicolo che poteva portarti ovunque, un vero 4×4”. 

E questo è ciò che la 4L ha dimostrato nel 4L Trophy , un raduno che si tiene ogni anno dal 1997. La robusta 4L può affrontare qualsiasi cosa il percorso gli proponga, sia su terreni sabbiosi che rocciosi. Sarebbe difficile nominare un altro modello ancora capace di tutto questo 60 anni dopo la sua introduzione! 

Presentata nel luglio 1961, la 4L è un modello a 5 porte con una hatchback che si apre su uno spazio versatile: abbattendo la panca posteriore, la berlina si trasforma in un pick-up. Quindi un’auto di famiglia, ma anche un’icona della cultura pop francese, e non dimentichiamo l’impressione che ha lasciato nelle nostre menti come veicolo della gendarmeria, dell’ufficio postale e di altre professioni chiave. Il minivan Renault 4 porterà con orgoglio i colori di una miriade di commercianti, autorità locali e grandi catene di negozi. In altre parole, come dice Jean Le Cam un “vero monumento storico” ! 

Un minivan dell’ufficio postale Renault 4, un vero monumento storico! 

La 4L, un’auto che può essere modificata all’infinito

Nonostante la produzione sia terminata nel 1992, si incontrano ancora alcune 4L su strada e sui mercatini dell’usato e da collezione. La semplicità e l’affidabilità della sua meccanica attirano molti fan. Ed è questo che piace di più a Jean Le Cam, il marinaio costruttore. Che sia sull’acqua o sulla terraferma, “King Jean” ama armeggiare. Lo ha dimostrato ancora una volta durante l’ultimo Vendée Globe quando ha riparato la sua nave mentre era in navigazione. La 4L è totalmente in linea con lo spirito di questo lupo di mare: “È un’auto con cui posso armeggiare, che posso migliorare un po’… un po’ come il mio Hubert, una barca che sto sviluppando costantemente”. 

Jean Le Cam e la sua barca Yes-We-Cam, la sua “4L of the seas”. 

Fu dopo un Vendée Globe che la sua divenne una vera e propria collezione . Il velista ha perso la sua barca nella regata 2008-2009. Senza una nave, si annoiò e tornò alla sua passione per la 4L. Al primo, che ha regalato alla figlia quando ha compiuto 18 anni, è stato presto affiancato da un altro, e ha migliorato il primo con alcuni nuovi componenti. Poi è arrivato il dilemma, come ha raccontato a L’Equipe: “Stavo smontando uno per costruire l’altro. Ma non puoi farlo, è impossibile”. Così ha comprato un terzo, poi un quarto… Un fine settimana, è andato anche a comprarne tre in una volta! Ed è così che è finito con una collezione di otto 4L. 

Jean Le Cam non esita a sporcarsi le mani quando si tratta del suo 4L 

Tuttavia, non è ancora pronto per fare il passo successivo prendendo parte a una gara al volante di una 4L. Jean Le Cam preferisce risparmiare velocità per quando va in acqua, coccolando le sue 4L invece di sbatterle sulla sabbia della gara del 4L Trophy. 

Jean Le Cam ammira una delle sue otto 4L di una collezione di cui è orgoglioso! 

Fa sapere che sta sognando una versione completamente elettrica 2.0 di questo emblema dei suoi tempi. Qualcosa che permettesse all’auto cult di tornare alla ribalta per lasciare il segno sulle nuove generazioni. 

Quindi il messaggio è chiaro… Questa macchina – di tutti i nostri ieri – è perfetta per oggi. Sicuramente anche per tutti i nostri domani!