6 Dicembre 2021

Sabato difficile per BMW Motorrad Motorsport nel round di Misano WorldSBK.

Misano. Il Campionato Mondiale FIM Superbike (WorldSBK) è a Misano, sulla costa adriatica italiana, questo fine settimana per il terzo round della stagione 2021. Il sabato si è rivelato un giorno difficile per BMW Motorrad Motorsport. Tom Sykes (GBR) e Michael van der Mark (NED) del BMW Motorrad WorldSBK Team hanno concluso la gara di apertura all’ottavo e decimo posto. Jonas Folger (GER / Bonovo MGM Racing) ha concluso 16°, perdendo di poco i punti. Eugene Laverty (IRL), in sella al team italiano RC Squadra Corse, non ha potuto prendere parte alla Superpole ea gara uno a seguito di una caduta nelle prove libere del mattino.

Nella Superpole di sabato mattina, Sykes ha concluso quinto sulla sua BMW M 1000 RR per assicurarsi un posto nella seconda fila della griglia. Van der Mark si è piazzato 13°, mentre Folger è arrivato 15° in Superpole. Nella gara stessa, Sykes è rimasto tra i primi sei fino al penultimo giro. Tuttavia, ha poi perso due posizioni. Fin dall’inizio, van der Mark ha puntato sulla top ten, tagliando il traguardo al decimo posto dopo 21 giri di gara. Folger è 16°, perdendo i punti per appena un decimo di secondo.

I tifosi sono ammessi in tribuna a Misano per la prima volta in questa stagione. Sono stati accolti in modo speciale dalla griglia di partenza da Sykes, van der Mark, Folger e dal direttore di BMW Motorrad Motorsport Marc Bongers – con cartelli che dicevano “Bentornato fan. Bentornato.”

Dopo la caduta, Laverty è stato visitato dal centro medico del circuito e non ha ricevuto il via libera per prendere il suo posto in gara uno. Verrà ora nuovamente esaminato prima del warm-up di domenica mattina, quando si deciderà se potrà partecipare o meno alle sessioni domenicali.

Citazioni dopo gara uno a Misano.

Marc Bongers, Direttore BMW Motorrad Motorsport: “Questo sabato non è stato il nostro giorno. Sicuramente siamo venuti qui con maggiori aspettative, ma venerdì è emerso che non siamo vicini al podio con entrambi i piloti. Nonostante questo, Tom si è comunque esibito alla grande. Peccato che non sia riuscito a mantenere il sesto posto in gara uno. Nel caso di Michael, ieri e oggi era chiaro che non siamo stati in grado di dargli davvero il giusto feeling. Adesso analizzeremo tutto, ma non possiamo aspettarci di fare un salto in avanti davvero grande entro domani. Nonostante ciò, cercheremo di ottenere un risultato tra i primi sei. L’unica buona notizia di oggi è che Eugene sta facendo relativamente bene, nonostante il brutto incidente di stamattina, e che non ha rotto nulla. Questa è l’unica notizia positiva”.

Shaun Muir, Team Principal BMW Motorrad WorldSBK Team: “È stata una giornata molto difficile per noi. Penso che il sesto posto occupato da Tom sarebbe stato un buon risultato per noi, ma alla fine non aveva abbastanza gomme per tenere a bada Bautista e Bassani, quindi è un peccato che sia sceso all’ottavo posto perché il sesto posto sarebbe stato un buon risultato per Tom. Quindi, torneremo domani e combatteremo di nuovo. Michael d’altra parte ha davvero lottato; non sembrava a suo agio sulla moto e non ha trovato l’assetto con cui attaccare. E se non può attaccare attraversando le curve veloci, perde così tanto tempo e finisce per combattere con la compagnia con cui era, quindi ha bisogno di lavorare sodo con il suo equipaggio durante la notte e vedere in cosa miglioriamo. Penso che nel complesso sia un po’ deludente, ma domani torneremo più forti e speriamo di poter migliorare questi risultati”.

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team: “Oggi la gara è iniziata male e sicuramente non ha aiutato la nostra posizione in pista. Siamo molto forti in alcune zone della pista ma con il nostro pacchetto perdiamo ancora nella zona in cui normalmente potrei guadagnare di più sulle persone. Ho visto che Alvaro Bautista stava andando forte in gara uno e ho cambiato il mio modo di guidare mantenendo un tempo sul giro di tutto rispetto e ho tenuto la porta chiusa il più a lungo possibile ma alla fine è riuscito a passare e mi ha spinto un po’ largo. Ho cercato di ridurlo, cosa non realizzabile, e di conseguenza ho perso un’ulteriore posizione a favore di Bassani. Oggi non abbiamo ottenuto quello che speravamo, ma nel complesso sento che stiamo migliorando le nostre prestazioni in gara e ovviamente stasera torneremo al tavolo da disegno con un assetto leggermente diverso per domani”.

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team: “Non sono molto contento del risultato. Nelle FP3 di questa mattina abbiamo fatto un buon passo avanti ma purtroppo non mi sono trovato bene in qualifica. Quindi era P13 sulla griglia. Sono partito bene, ma ho faticato soprattutto con l’anteriore. Ad essere sincero, stavo solo andando in giro con un ritmo troppo lento. Ora dobbiamo risolvere alcuni problemi; quindi abbiamo molto lavoro da fare per domani”.

Jonas Folger, Bonovo MGM Racing: “Purtroppo non abbiamo trovato quello che speravamo in questo fine settimana per avere un feeling migliore. Il nostro passo non era male, ma semplicemente non ho la fiducia nella moto per farlo nei primi giri. Quando ho superato Tito Rabat alla terzultima curva, purtroppo sono andato largo. Ci ho appena provato, ma sfortunatamente non ce l’ho fatta. I nostri tempi sono migliorati, ma non è ancora quello che speravamo. Il nostro obiettivo era finire tra i primi dieci. Sfortunatamente, eravamo molto lontani dal raggiungere questo obiettivo. È un momento difficile per noi in questo momento, ma cerchiamo sempre di sfruttare al meglio la situazione”.

Eugene Laverty, RC Squadra Corse: “Grazie a tutti per i messaggi gentili e il supporto sui social media e ovviamente un grande grazie a tutti i volontari, in particolare ai commissari di gara che hanno reagito così rapidamente e ai paramedici che si sono presi cura di me dopo il mio incidente questa mattina. Per fortuna va tutto bene. Ho avuto alcune scansioni alla schiena e al collo, sono piuttosto rigido e non è sicuro per domani, ma domani mattina ho un controllo medico, quindi aspettiamo e vediamo se tutto è chiaro, così posso correre di nuovo domani”.