Agosto 5, 2021

RENAULT, IN SINTONIA CON IL SUONO – EPISODIO 2: LA VOCE DEI VEICOLI ELETTRICI

Fin dall’inizio dello sviluppo dei primi modelli elettrici Renault, sono sorte una serie di nuove e affascinanti domande sul caratteristico silenzio del loro modo di lavorare. Come avvertire i pedoni dell’avvicinarsi di un veicolo con un motore che non fa quasi rumore? Come si produce un avviso acustico che sia sia efficace che benigno? Come si crea un sound design esclusivo per i veicoli elettrici in esclusiva per il marchio? Laurent Worms, Audio Strategy Manager del Gruppo Renault, ci parla del processo di creazione del cosiddetto VSP. E per esplorare le voci dei veicoli elettrici del futuro, è d’obbligo una visita all’Ircam (Istituto di Ricerca e Coordinamento in Acustica/Musica), partner storico del Gruppo Renault!

Potrebbe sembrare paradossale aggiungere un suono a un veicolo elettrico che è, per sua stessa natura, silenzioso e, quindi, virtuoso a livello di ecologia sonora. Tuttavia, la sicurezza lo richiede. Senza suoni di avviso esterni, i pedoni non possono sentire i veicoli elettrici che si avvicinano a bassa velocità. Gli autisti ci dicono anche che devono essere udibili in tutte le circostanze, specialmente in città. Denominato VSP (Vehicle Sound for Pedestrians) , questo avviso è un requisito per i veicoli elettrici, quindi deve essere uno dei parametri nel loro sviluppo. Se “avvisare rassicurando” è la priorità, le sfide del sound design aprono tante opportunità e percorsi affascinanti. 

Quello che ti colpisce quando sei in un’auto elettrica è il silenzio. Vogliamo mascherare questo silenzio con una voce.

Laurent Worms, Direttore Strategia Audio, Gruppo Renault

Il suono del silenzio

Fin dalle sue prime concept car elettriche, Renault è stata pioniera nello sviluppo di una specifica VSP. È diventato realtà nel 2012, con la versione di produzione della ZOE , che aveva un segnale acustico che doveva dichiarare: “Sono elettrico, sono all’avanguardia, sono una Renault” . Doveva anche essere un suono che evocasse la Renault e i suoi valori benigni e incentrati sull’uomo; un suono caratteristico che sarebbe poi stato utilizzato su altri modelli elettrici Renault. “L’idea è, ovviamente, di avvertire i pedoni senza spaventarli! Allo stesso tempo, dobbiamo creare un’associazione positiva tra questo avvertimento, le auto elettriche e il marchio Renault” , afferma Laurent Worms. 

Oggi Renault sta preparando una nuova generazione di modelli elettrici che derivano, in particolare, dalla show car Mégane eVision e R5 Prototype . Anche questi modelli richiedono il loro suono esterno di domani. Un suono sviluppato, come il primo, dai team di ricerca Perception e Sound Design negli studi e nei laboratori silenziosi dell’Ircam di Parigi. 

Gli studi e i laboratori di Ircam sono un luogo ideale per la creazione del suono

Una partitura ben scritta, strumenti finemente accordati

Perché il sound design è tutto basato sul lavoro di squadra. Richiede visione, abilità tecnica, pazienza e attenzione ai dettagli. Riunisce molte discipline del Gruppo Renault, comprese quelle dei dipartimenti Prodotto, Design e Ingegneria. Fa inoltre appello a partner ed esperti esterni per arrivare alla creazione di un VSP. Vale la pena ricordare che la partnership tra il Gruppo Renault e l’Ircam è iniziata nel 1994, ben prima che Renault scegliesse l’elettrico come suo futuro nel mondo dell’auto. Da allora, sembra che questo legame storico abbia contribuito a ispirare diverse vocazioni: Laurent Worms e altri dipendenti hanno imparato il mestiere all’Ircam prima di entrare in Renault nel campo all’avanguardia dell’acustica applicata. 

Il mio ruolo è quello di impostare una rotta. Mi affido al ricco feedback dei nostri clienti e alle tendenze attuali per scrivere le specifiche sonore che descrivono gli ambienti desiderati e le evocazioni che suoneranno con la nostra identità di marca.

Laurent Worms 

Per i suoni dei futuri modelli Renault elettrici, il legame storico con le precedenti produzioni deve essere mantenuto e sviluppato. L’Ircam ha competenze di ricerca di base, acustica, musica e suono così apprezzate per questo tipo di applicazione industriale e per il suo bagaglio di vincoli. Sotto la guida di Nicolas Misdariis, direttore della ricerca e manager dei team PDS, e Andrea Cera, compositore e sound designer che ha lavorato con i team PDS per molti anni, tra le altre cose, su questi temi di sound design per veicoli, il lavoro ha potuto iniziare. 

La prima fase di un progetto di tale importanza consiste nella comprensione degli aspetti tecnici, ergonomici, funzionali e identitari delle esigenze industriali. In altre parole, deve rispondere alla domanda: qual è la personalità richiesta e desiderabile per il suono esterno? 

Questi primi dati vengono trasmessi in sessioni di briefing su questi vari aspetti, utilizzando media come parole, immagini, librerie di suoni e persino rumori stessi che esprimono, ciascuno a suo modo, le evocazioni e le emozioni che sono l’obiettivo del prossimo sforzo di sound design . 

Questo lavoro fa parte di una lunga storia di collaborazione e beneficia del feedback e dell’esperienza di oltre dieci anni. Questo significa che possiamo definire e consolidare concetti forti come l’invadenza. L’obiettivo è soddisfare un’esigenza essenziale di ecologia del suono: rendere il suono il più discreto possibile all’interno del veicolo, per un maggiore comfort.

Nicolas Misdariis 

Mescolare il materiale sonoro con ritmi e modulazioni adattati richiede estrema precisione

Le intenzioni espresse devono poi essere convertite in materiali udibili utilizzando strumenti e suoni reali (registrati) o suoni sintetici computerizzati, applicando le regole fondamentali dell’armonia. Sappiamo, ad esempio, che un accordo maggiore o consonante, meglio di ogni altro, creerà una sensazione di sollievo o di gioia… Viceversa, una dissonanza, per quanto lieve, in questo tipo di accordo suggerirà subito una tensione… Attenzione! Una dualità che si rivelerà utile per un suono come un VSP. 

Quindi il sound designer compone con questi materiali sonori, fondendoli in un mix armonioso. Poi vengono i ritmi e le modulazioni che forniranno uno dei componenti chiave del VSP, ovvero l’interattività sonora, adattandosi ai movimenti della vettura e contribuendo così alla progettazione di un suono unico, vivo, dinamico e caratteristico. 

Un’orchestra ben diretta

Dopo le fasi di ricerca emergeranno diverse direzioni o proposte. In questa fase, domande e dubbi stanno per sorgere. Ognuno rischia di basare la propria valutazione sui propri gusti. Questa è la prima trappola. Un’ulteriore trappola sarebbe cercare di conciliare ogni opinione, inevitabilmente inconciliabile. Durante tutto il progetto, quindi, il ruolo del responsabile dell’esperienza audio del cliente è quello di garantire e difendere la coerenza definita a monte nei team. Infine, quando si prendono le decisioni, è essenziale che l’impresa assuma il carattere forte, anche conflittuale, della firma sonora scelta. Questa è la base per un suono distintivo e che è probabile che si dimostri nel tempo. E questa è la posizione adottata dalla Renault. 

Légende : Il futuro Mégane E-TECH Electric inaugurerà la nuova generazione Renault VSP

L’ultima parola va a Laurent Worms: “Il mio sogno è che la firma sonora sui futuri veicoli elettrici Renault crei un’emozione simile all’effetto di un profumo seducente, contribuendo allo stesso tempo a migliorare l’ambiente sonoro per la città del futuro”.

Auguriamo tutto il meglio ai team che hanno guidato lo sviluppo di questo nuovo sound, che scopriremo presto con la nuovissima Mégane E-TECH Electric! 

Laurent WORMS: esperto di audio e musicista affermato 

Laurent è appassionato di sound design e nuove tecnologie audio. Dietro l’ingegnere con un diploma di specializzazione in acustica per la musica, rilasciato dall’Ircam, c’è un musicista polistrumentista freelance. Quando può, Laurent sale sul palco per cantare e suonare la chitarra elettrica con una cover band pop/rock. Laurent compone anche musica su un computer, combinando tecnologie analogiche e digitali. Questo è ciò che chiami unire la passione per il suono al lavoro e al gioco! 

Laurent Worms sul palco (copyright : Styledimage vfx)

Gruppo Renault e Ircam: una partnership di oltre un quarto di secolo 

Fondato da Pierre Boulez, l’Istituto per la Ricerca e il Coordinamento in Acustica/Musica è collegato al Centre Pompidou sotto l’egida del Ministero della Cultura francese. Fin dalla sua creazione nel 1977, la missione chiave di Ircam è stata quella di favorire una fertile interazione tra ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e creazione musicale contemporanea. Questi campi forniscono il quadro principale per tutte le sue attività presso il laboratorio STMS che, con i suoi sette gruppi di ricerca, ospita le varie componenti delle scienze e delle tecnologie del suono e della musica.  

Per il Gruppo Renault, Ircam lavora dal 1994 su argomenti diversi come la qualità del suono del motore, gli avvisi sonori, l’ambiente sonoro dell’abitacolo e le caratteristiche esterne del veicolo. Più recentemente, Ircam e, in particolare, Andrea Cera e Nicolas Misdariis, hanno lavorato a progetti di ricerca sonori associati alla Renault ZOE e alle concept car DeZir, Frendzy, Twin Z, TreZor e SYMBIOZ.