26 Settembre 2021

ŠKODA 1100 OHC (1957): Il bel sogno di Le Mans

› L’auto da corsa ŠKODA 1100 OHC è considerata una pietra miliare nei 120 anni di storia del motorsport della casa automobilistica di Mladá Boleslav
› Forma aerodinamica, costruzione leggera, 92 CV e velocità massima di 200 km/h testimoniano l’esperienza dei designer di ŠKODA AUTO
› Uno dei due esemplari superstiti della ofKODA 1100 OHC con carrozzeria aperta fa ora parte della collezione del Museo ŠKODA

Mladá Boleslav, 22 luglio 2021 – La costruzione dell’auto da corsa ŠKODA 1100 OHC è entrata nella sua fase finale alla fine del 1957. Designata all’interno dell’azienda come 968, il veicolo era originariamente destinato alle lunghe gare su circuito. Inizialmente furono costruiti due veicoli a carrozzeria aperta, seguiti da due coupé nel 1959. L’auto da corsa con tetto scoperto e dipinta di rosso fa ora parte della collezione del Museo ŠKODA di Mladá Boleslav.

Oltre alla selezione completa di immagini che accompagnano questo comunicato stampa , la brochure di 32 pagine e una raccolta completa di articoli e servizi su vari argomenti di 120 anni di ŠKODA Motorsport sono disponibili sullo Storyboard di ŠKODA .https://player.vimeo.com/video/245149367?dnt=1&app_id=122963

Lo sviluppo della vettura sportiva a due posti iniziò nella primavera del 1956 con un chiaro obiettivo: il pilota doveva riprendere da dove la prima e unica vettura ufficiale ŠKODA aveva interrotto nella prestigiosa 24 Ore di Le Mans (1950). Il modello era basato su un telaio a traliccio fatto di tubi d’acciaio a parete sottile saldati insieme. Questo lo distingueva dai suoi predecessori, ŠKODA SPORT e SUPERSPORT, che utilizzavano una versione modificata del robusto telaio del modello di produzione ŠKODA 1101. Per ottenere la migliore manovrabilità possibile, il carico è stato distribuito in modo ottimale su entrambi gli assi. La frizione, il cambio a cinque velocità e la scatola di rinvio sono stati installati nella parte posteriore, dove hanno formato un’unità di assemblaggio coesa.

La trasmissione della ŠKODA 1100 OHC era un motore a quattro cilindri in linea montato longitudinalmente con doppia accensione e due alberi a camme situati nella testata. Da una cilindrata di 1.089 cm3, generava una potenza impressionante per l’epoca di 68 kW (92 CV) a 7.700 giri/min (la velocità massima era a 8.500 giri/min), che corrispondeva a una capacità di litro di poco meno di 63 kW (85 CV). In origine, il motore funzionava con carburante per aviazione ad alto numero di ottani, che veniva alimentato in due carburatori gemelli realizzati dal marchio cecoslovacco Jikov e successivamente dal produttore italiano WEBER.

Anche le sospensioni a ruote indipendenti hanno giocato un ruolo importante; mentre all’anteriore era montato un asse a quadrilatero trapezoidale, le ruote posteriori, distanziate di 2.200 mm, erano montate su un asse oscillante con bracci longitudinali. Lo sterzo, tanto preciso quanto diretto, era comandato da un volante a tre razze che poteva essere rimosso per facilitare l’ingresso in macchina. Un altro elemento progressista per la fine degli anni ’50 fu la sospensione con barra di torsione delle ruote a raggi da 15 pollici prodotte da Borrani.

Grazie all’utilizzo di plastica rinforzata con fibra di vetro (GRP), l’auto da corsa lunga 3.880 mm, larga 1.430 mm e alta 964 mm pesava solo 583 chilogrammi. Ciò ha permesso alla ŠKODA 1100 OHC di raggiungere tassi di accelerazione competitivi e una velocità massima compresa tra 190 e 200 km/h, a seconda del rapporto di trasmissione. Anche la bassa resistenza all’aria del corpo creata dal designer Jaroslav Kindl ha contribuito.

La combinazione di praticità ed eleganza si rifletteva nei due fari ribaltabili della prima variante del modello, che presto dovettero essere sostituiti da una soluzione più pratica e adatta alle corse; il secondo modello presentava due fari fissi montati sotto coperture in vetro aerodinamico.

La ŠKODA 1100 OHC ha ottenuto un’immediata vittoria alla sua prima pubblica; sul circuito municipale di Mladá Boleslav, l’esperto pilota ufficiale Miroslav Fousek vinse la gara alla fine di giugno 1958. Anche i piloti Václav Bobek Sen., Václav Čížkovský, Josef Vidner e Jaroslav Bobek sedettero al volante negli anni successivi. Oltre agli eventi motoristici in patria, i piloti ŠKODA hanno ottenuto successi anche all’estero, nonostante la ŠKODA 1100 OHC potesse competere solo nei paesi comunisti a causa della difficile situazione politica alla fine degli anni ’50 e ’60. I piani per prendere parte alla 24 Ore di Le Mans non si sono concretizzati.

Ai due veicoli con carrozzeria aperta in vetroresina, prodotti tra la fine del 1957 e l’inizio del 1958, seguirono nel 1959 due varianti coupé più spaziose con carrozzeria chiusa in lamiera di alluminio. Tuttavia, gli ingegneri sono riusciti a mantenere il peso della coupé a soli 555 chilogrammi mantenendo la stessa velocità massima.

Entrambe le ŠKODA 1100 OHC chiuse sono state distrutte in incidenti durante l’uso privato. Tuttavia, gli esperti dell’officina di restauro del Museo ŠKODA stanno attualmente lavorando alla ricostruzione di una coupé ŠKODA 1100 OHC utilizzando componenti superstiti tra cui telaio, telaio e motore.

Le versioni scoperte dell’auto da corsa sono ancora intatte. Il modello del Museo ŠKODA partecipa regolarmente a eventi di auto d’epoca in patria e all’estero. Il secondo veicolo è di proprietà di ŠKODA UK ed è utilizzato per scopi promozionali, principalmente nel Regno Unito.