24 Ottobre 2021

ŠKODA F3, Tipo 992 (1964): auto da corsa Formula di classe europea

› La ŠKODA F3 monoposto è stata una delle migliori auto da corsa nell’omonima categoria delle corse di formula negli anni ’60
› Tecnologia adottata dalla ŠKODA 1000 MB, motore posteriore da 1,0 l con una potenza di 90 CV, un peso di 420 chilogrammi e una velocità massima di 210 km/h
› Jaroslav Bobek ha vinto il campionato cecoslovacco nel 1966, Miroslav Fousek ha trionfato nel campionato di F.3 per i paesi comunisti nel 1968

Mladá Boleslav – Quando nel 1964 cambiarono i regolamenti per la tradizionale categoria monoposto di Formula 3, ŠKODA fu in grado di rispondere rapidamente grazie alla 1000 MB, che all’epoca era già in fase di sviluppo. Tre nuovissime monoposto gareggiarono durante la stagione 1965 con gli esperti piloti Václav e Jaroslav Bobek e Miroslav Fousek. La nuova classe di formula ha inoltre offerto al marchio e ai suoi piloti un’opportunità unica di affrontare la concorrenza dell’Europa occidentale.

Il Gran Premio della Cecoslovacchia nel settembre 1949 doveva essere l’ultima gara automobilistica internazionale nel paese allora comunista per molto tempo. Le grandi stelle del Gran Premio sul circuito di Masaryk furono poi coinvolte nella fondazione della Formula 1. All’ultima gara, l’entusiasmo sopperì alla mancanza di risorse finanziarie, materiali e volontà politica. Nelle condizioni più modeste, furono costruite auto da corsa monoposto che soddisfacevano le specifiche delle corse di Formula internazionali.

Le prime gare di Formula 3 si sono svolte alla fine degli anni ’40. Per quanto riguarda i motori, sono stati utilizzati motori motociclistici monocilindrici da 500 cm3 a prezzi accessibili, che successivamente sono stati ampiamente adottati. Nel 1951, la serie fu ribattezzata “International F3”. Tuttavia, alla fine degli anni Cinquanta, in Italia aveva debuttato la più moderna Formula Junior con motori a quattro cilindri di serie sotto i 1.100 cm3 di cilindrata. Questa finalmente si è evoluta nella classica Formula 3, con vetture con cilindrate fino a 1.000 cm3 il 1 gennaio 1964.

Il progetto monoposto di ŠKODA ricevette la designazione Š 992 a Mladá Boleslav, un riferimento alla sua somiglianza tecnica con il tipo Š 990, che era pronto per la produzione in serie come modello ŠKODA 1000 MB di nuova concezione nella primavera del 1964. La prima monoposto Š 992 fu completata nel febbraio 1964. Aveva un telaio a traliccio in tubolare d’acciaio e sospensioni indipendenti, con semiassi trapezoidali all’anteriore e sospensioni a cinque bracci al posteriore. Una soluzione avanzata – anche per gli standard internazionali – era quella di montare molle elicoidali e ammortizzatori su entrambi gli assi all’interno della carrozzeria, il che ha avuto un effetto positivo sull’aerodinamica del monoposto.

Gli ammortizzatori regolabili hanno permesso di variare l’altezza da terra della vettura. I suoi cerchi in lega da 13 pollici con pneumatici Dunlop sono stati frenati da quattro freni a disco del produttore britannico Girling. Un motore a quattro cilindri in linea ŠKODA con controllo della valvola OHV e un albero a gomiti a tre cuscinetti è stato montato longitudinalmente davanti all’asse posteriore. Questa trasmissione è stata prodotta con numerose modifiche fino al 2003 ed è stata utilizzata per l’ultima volta nella ŠKODA FABIA di prima generazione.

Nella F3 monoposto il motore aveva una cilindrata di 999 cm3 con corsa più corta e foro maggiorato. Partendo dall’asse verticale del veicolo, era inclinato di 12˚ a sinistra e la frizione era flangiata all’estremità posteriore.

Tra la frizione e il cambio c’era il cosiddetto ‘rapporto di trasmissione intermedio’, che consentiva di abbassare il baricentro del motore e quindi di adattare il rapporto di trasmissione complessivo alle caratteristiche di ogni pista. Il differenziale aveva un rapporto di trasmissione di 4,44 ed era lo stesso utilizzato nella produzione di serie. I radiatori dell’acqua e dell’olio erano posizionati nella parte anteriore dell’auto davanti ai piedi del conducente. Accanto a lui su entrambi i lati c’erano i serbatoi del carburante che avevano una capacità totale di 30 litri. La carrozzeria snella era composta da più parti ed era smontabile; è stato sviluppato nella galleria del vento e inizialmente realizzato in alluminio, sostituito poco dopo da plastica rinforzata con fibra di vetro. Lo spazio nell’abitacolo era prezioso, da qui il piccolo volante con un diametro di soli 300 mm.

Il motore da un litro erogava originariamente 53 kW (72 CV) a 7.250 giri/min. Tuttavia, un graduale aumento della compressione e ulteriori ottimizzazioni avevano portato la sua potenza a 66 kW (90 CV) a 8.000 giri/min entro la stagione 1966, riducendo allo stesso tempo il peso complessivo della vettura di 15 kg. Alla fine del 1964, la ŠKODA F3 raggiunse una velocità massima di 188 km/h durante i test drive all’aeroporto di Hoškovice, ma solo due anni dopo raggiunse i 200 km/h.

Fin dall’inizio, la ŠKODA F3 è stata tra i primi in tutte le sue gare. A quel tempo, le gare si svolgevano ancora su circuiti impegnativi che non erano stati costruiti artificialmente; si svolgevano anche su percorsi urbani con selciato e tombini interrati. Ad esempio, la tradizionale gara del “padiglione Mezi” nella città di Brno si è svolta su una pista improvvisata tra i padiglioni del polo espositivo. Nel 1966, Václav (sen.) e Jaroslav Bobek conquistarono i primi due posti con le loro KODA. Nello stesso anno Jaroslav Bobek fu incoronato campione cecoslovacco di Formula 3 e due anni dopo il suo compagno di squadra Miroslav Fousek trionfò nel campionato per i paesi comunisti.

Con queste vittorie, la carriera di successo delle KODA F3 monoposto, visivamente e tecnicamente impressionanti, si è lentamente conclusa. Alla fine degli anni ’60, le vetture si scontrarono sempre più con la concorrenza dei paesi dell’Europa occidentale, come le auto da corsa Brabham e Tecno, nelle gare internazionali. Nelle gare nazionali, hanno prevalso principalmente le vetture Lotus Cosworth, e dietro le loro ruote c’erano piloti famosi come Vladimír Hubáček e Vladislav Ondřejík per il team Dukla Praga. Tuttavia, le monoposto ŠKODA si sono comportate egregiamente nelle battaglie spesso impari e si sono giustamente guadagnate un posto di rilievo nella storia del motorsport cecoslovacco. Il destino delle monoposto di Mladá Boleslav fu segnato con la modifica del regolamento della Formula 3 nel 1971, che prevedeva motori con una cilindrata di 1,6 litri. Di conseguenza,

La ŠKODA F3 di Václav Bobek Sen. è rimasta in possesso dell’AZNP ed è ora parte della collezione del Museo ŠKODA. L’auto di Miroslav Fousek è stata donata al Museo Nazionale della Tecnica di Praga nel 1971 e la monoposto di Jaroslav Bobek è stata trasformata da Václav Král nella Spider Baghira a due posti a metà degli anni ’70. Il prototipo funzionante che ha dato il via all’intera avventura è stato smontato dopo la stagione 1965 ed è ora in una collezione privata in attesa del completamento del suo restauro.