26 Settembre 2021

DALLA PEUGEOT 905 ALLA PEUGEOT 9X8: 30 ANNI DI INNOVAZIONE E PRESTAZIONI ECCEZIONALI

Da oltre 210 anni PEUGEOT si muove al passo con i tempi, anticipa i cambiamenti di comportamento e apre la strada a nuove soluzioni di mobilità. Come banco di prova tecnologico per eccellenza, il motorsport offre a PEUGEOT l’occasione perfetta per sfruttare appieno le sue capacità innovative: la PEUGEOT 9X8, la nuova Hypercar del Marchio, è stata appena presentata all’inizio dell’estate e presto correrà nell’Endurance e nella 24 Ore di Le Mans. Trent’anni fa, nel 1991, è stata la PEUGEOT 905 a custodire lo spirito pionieristico e i valori del Marchio – Eccellenza, Allure ed Emozione – che gli hanno permesso di superare tutte le rivoluzioni degli ultimi due secoli – industriali, tecnologiche, politiche, sociali, digitale e ora ambientale. Tutto questo fa parte del DNA di PEUGEOT.La grande avventura di PEUGEOT a Le Mans e nelle gare di durata è iniziata nei primi anni ’90. Fu allora che PEUGEOT tornò sul circuito della Sarthe come squadra ufficiale. PEUGEOT è entrata nel World Sportscar Championship (WSC, noto anche come World Endurance Championship) con la 905 e ha continuato a prendere parte alla 24 Ore di Le Mans. 

Resistenza con la PEUGEOT 905Il Marchio mostra chiaramente il suo obiettivo di vincere la leggendaria 24 Ore di Le Mans con la 905. Il programma di sviluppo di questo “PEUGEOT Sport Prototype” è stato lanciato nel dicembre 1988. Presentata nel febbraio 1990, l’auto era una boccata d’aria fresca: era innovativo, ha una purezza visiva assoluta e il suo avantreno era caratteristico dei modelli del marchiodell’epoca. Costruita su un telaio in fibra di carbonio progettato in collaborazione con Dassault, era spinta da un motore V10 da 650 CV, 3.5 litri, quaranta valvole, molto vicino agli standard della Formula 1.È stato un enorme successo tra il 1990 e il 1993. Con la 905, PEUGEOT ha gareggiato contro i normali produttori di auto da endurance, in particolare Porsche e Jaguar, e contro sfidanti emergenti come Toyota e Mazda.Il 1992 è un anno fondamentale per PEUGEOT, che ha due obiettivi: il titolo mondiale Costruttori e la vittoria alla 24 Ore di Le Mans.Alcune importanti modifiche sono state apportate alla vettura per la 24 Ore di Le Mans: l’ala anteriore è stata rimossa, l’ala posteriore riposizionata e le feritoie dell’ala anteriore sono scomparse.Il team PEUGEOT ha ottenuto ottimi risultati per tutta la stagione 1992 (2° a Monza, 1° e 3° a Le Mans, 1° e 2° a Donington, 1° e 3° a Suzuka, 1°, 2° e 5° a Magny-Cours) e questo le ha permesso di vincere il titolo mondiale costruttori 1992. Avevano raggiunto il loro obiettivo.

Nel 1993 il marchio PEUGEOT conquista il 1°, 2° e 3° posto sul podio alla 24 Ore di Le Mans con le sue tre PEUGEOT 905.Questo è il massimo riconoscimento per l’azienda e i suoi team.

L’eccellenza della tecnologia PEUGEOT è al suo apice e il marchio ha deciso di uscire dopo questo storico risultato.

2021:Innovazione e sfide tecniche per PEUGEOT 9X8Dopo la PEUGEOT 905, poi la 908 nel 2007-2011, PEUGEOT fa un forte ritorno alle gare di durata con la PEUGEOT 9X8.Seguendo le orme dei suoi illustri predecessori nelle gare di durata, porterà avanti la tradizione del marchio PEUGEOT di progettare auto da competizione riconoscibili e ad alte prestazioni.PEUGEOT unisce sportività, know-how tecnologico, efficienza ed eccellenza stilistica con questo 9X8.Come la PEUGEOT 905 trent’anni prima, la PEUGEOT 9X8 riutilizza i tratti estetici del Marchio: è un’auto snella, slanciata, elegante che genera reazione e incarna la velocità. Vedete prima le firme luminose anteriori e posteriori, con i tre caratteristici artigli del leone. I lati sono eleganti e strutturati. Gli specchietti sono integrati nel telaio, che sembra non avere resistenza all’aria.Al posteriore, un ampio diffusore incorniciato da elementi finemente cesellati che ospitano i fari, e una scritta che sottolinea la caratteristica innovativa più vistosa del 9X8: non c’è l’alettone posteriore! “Non volevamo un’ala posteriore”, dice.

Gli ingegneri e i designer di PEUGEOT SPORT si sono ispirati al nuovo regolamento Hypercar, la nuova classe regina delle gare di durata. Mentre altri hanno scelto di conformarsi alle nuove normative in modo più conservativo, i team PEUGEOT hanno preferito l’audacia e l’innovazione.

Per quanto riguarda il motore, sono diventati ibridi, combinando un V6 a benzina Biturbo da 500 kW (680 CV) che aziona le ruote posteriori e un motore/generatore elettrico da 200 kW (270 CV) che aziona le ruote anteriori. Il regolamento pone chiari limiti al funzionamento del sistema, che consente di guidare le vetture ibride in trazione integrale: definisce la soglia per il trasferimento di energia alle ruote anteriori e stabilisce che la potenza media complessiva del gruppo propulsore non può superare 500 kW (680 CV).La tecnologia ibrida è quindi sia un vantaggio, in quanto apre alla possibilità della trazione integrale, ma anche una grande sfida tecnica, data la complessità della gestione del powertrain.

Proprio su questo sta lavorando il marchio PEUGEOT. È impegnata nell’elettrificazione accelerata della sua gamma ed è desiderosa di generare sviluppi tecnici ambiziosi e vincere alla grande nella competizione. In definitiva,il programma 9X8 dovrebbe avvantaggiare i futuri modelli elettrificati di PEUGEOT.  In poche parole:     Motore Motore PEUGEOT HYBRID4 500KW (4 ruote motrici)Assale posteriore: motore a benzina da 2,6 litri biturbo a 90° da 500 kW (680 CV) + cambio sequenziale a 7 marceAssale anteriore: motore elettrico/generatore da 200 kW (270 CV) + cambio BatteriaAlta densità, 900 volt co-sviluppato da PEUGEOT SPORT, TotalEnergies / Saft.

 Dal 905 al 9X8Anche la nuova Hypercar di PEUGEOT ha un nuovo nome: 9X8.I primi 9 caratterizzano i veicoli da competizione estrema del Marchio, come la PEUGEOT 905 (1990-1993) e la 908 (2007-2011), due delle iconiche macchine endurance del produttore.La X fa riferimento alla trazione integrale e alle tecnologie di ibridazione utilizzate nella nuova PEUGEOT Hypercar, che estende alle competizioni la strategia di elettrificazione del Marchio.La 8 è un cenno a tutte le nuove vetture PEUGEOT: 208, 2008, 308, 3008, 5008 e ovviamente la PEUGEOT 508,che recentemente è passata nelle mani dello stesso team di ingegneri e designer della Hypercar, per diventare la prima modello per portare l’etichetta PEUGEOT SPORT ENGINEERED.

Come la 508 PEUGEOT SPORT ENGINEERED, la PEUGEOT 9X8 fa parte della strategia Neo-Performance di PEUGEOT, che mira a offrire prestazioni più virtuose e responsabili, sia sui veicoli di serie che in competizione. La stretta collaborazione tra il team di ingegneri di PEUGEOT SPORT e il team di progettazione di PEUGEOT è stata fondamentale per creare la 9X8. Da più di 210 anni PEUGEOT afferma la sua volontà di rimanere in pole position con vetture dotate delle più innovative e avanzate tecnologie del momento. L’obiettivo di questi laboratori di guida non è solo vincere gare mitiche, ma anche testare tecnologie da applicare poi alle auto vendute nelle concessionarie ai clienti PEUGEOT.

Con la PEUGEOT 9×8, il Marchio garantisce un’eccellenza duratura. La storia è in divenire…