2 Ottobre 2022

Doppio anniversario per OCTAVIA e SUPERB, due modelli simbolo di ŠKODA AUTO


› La prima ŠKODA OCTAVIA moderna è stata prodotta a settembre 1996 nello stabilimento
di Mladá Boleslav
› Sin dalla prima generazione, il modello si è imposto per spazio, tecnologia all’avanguardia, sistemi di sicurezza e un ottimo rapporto qualità prezzo
› Con il lancio di SUPERB, a settembre 2001, ŠKODA è tornata nel segmento delle
ammiraglie
› Già la prima SUPERB presentava interni spaziosi, motorizzazioni potenti e numerosi
sistemi di sicurezza e comfort
Verona – Ricorrono in questi giorni due anniversari in casa ŠKODA. Venticinque anni fa, il 3 settembre 1996, è iniziata la produzione di ŠKODA OCTAVIA, il più importante modello del nuovo corso del Brand, in concomitanza con la messa in funzione del nuovo stabilimento di Mladá Boleslav, uno dei più moderni d’Europa. Nel settembre 2001, ha debuttato invece la prima generazione moderna di ŠKODA SUPERB, che ha rappresentato il ritorno del Brand al segmento delle grandi auto per la famiglia. Alla prima versione a tre volumi di SUPERB sono seguite le versioni a due volumi e wagon con la seconda e terza generazione (2008 e 2015).


Un passato leggendario e un presente di successo Nel 1996, ŠKODA AUTO ha presentato il primo modello dopo l’integrazione nel Gruppo Volkswagen. L’auto è stata battezzata con il nome OCTAVIA, che vanta un’importante tradizione per il costruttore boemo. OCTAVIA, termine latino per ‘ottava’, fu l’ottavo modello del Brand dopo la
Seconda Guerra Mondiale e anche l’ottavo modello ŠKODA con sospensioni indipendenti da quando il Brand introdusse questa caratteristica nel 1933. Tra il 1959 e il 1971, ne vennero prodotti più di 280.000 esemplari anche con carrozzeria WAGON. L’originale OCTAVIA era anche molto richiesta oltre i confini dell’allora Cecoslovacchia e contribuì a tanti successi nei 120 anni di storia del Brand nell’automobilismo: alcuni esempi sono la tripletta di vittorie al Rally di Monte Carlo dal 1961 al 1963, la vittoria nella 4.000 Miglia da Montreal a Vancouver nel 1962 e quella al Rally 4000
Shell nel 1963. In anni recenti, ŠKODA OCTAVIA ha giocato un ruolo essenziale nella crescita di ŠKODA AUTO.
Dall’inizio della produzione, 25 anni fa, circa 7 milioni di Clienti hanno scelto il modello prodotto a Mladá Boleslav.

Sin dal primo giorno, OCTAVIA ha offerto tanto spazio, tecnologia all’avanguardia, sistemi di sicurezza di alto livello e un eccellente rapporto qualità prezzo. Nel 1996, il primo anno di vendita, i Clienti potevano scegliere tra due motori benzina a quattro cilindri (1.6 MPI/55 kW e 1.820 V/92 kW) e un 1.9 litri TDI turbo diesel che vantava un consumo standard di 5,1 litri per 100 km e una potenza di 66 kW. Il ventaglio di motorizzazioni venne espanso gradualmente fino a includere il motore top di gamma 1.8 V Turbo/110 kW. OCTAVIA WAGON ha debuttato nel marzo del 1998,
e la versione con trazione integrale è stata aggiunta nel 1999. A novembre 2010 erano state prodotte più di 973.000 berline e oltre 472.000 wagon della prima generazione di OCTAVIA.
Questo risultato è stato seguito dal successo ancora maggiore della seconda generazione della
moderna ŠKODA OCTAVIA, che è stata offerta ai Clienti dal 2004 al 2013.



Oltre a un maggior livello di comfort, nuova OCTAVIA offriva anche molte innovazioni tecniche,
come motori benzina a iniezione diretta e cambio automatico DSG a doppia frizione. La terza
generazione di OCTAVIA è stata prodotta tra il 2012 e il 2020, e l’11 novembre 2019 il costruttore
di Mladá Boleslav ha svelato l’attuale quarta generazione, la più sicura e più connessa di sempre,
oggi proposta anche con motorizzazioni plug-in hybrid e mild-hybrid.


Un’auto premium in stile Boemo
ŠKODA ha alle spalle una lunga tradizione nel produrre modelli nei segmenti alti. Il nome SUPERB
fu usato per la prima volta nella produzione nella primavera del 1935, e nel 1949 erano stati
prodotti già 900 esemplari di ŠKODA SUPERB. All’inizio del nuovo millennio, ŠKODA ha presentato la prima generazione della moderna ŠKODA SUPERB al Salone dell’automobile di Francoforte. Il modello era lungo 4.803 mm, largo 1.765 mm e alto 1.469 mm, con trazione anteriore e un passo di 2.803 mm. La gamma di motorizzazioni per la berlina a tre volumi includeva tre motori a benzina e due diesel. Il motore a quattro cilindri da 2.0 litri produceva 85 kW, gli altri motori a benzina erano il 1.8 Turbo a quattro cilindri da 110 kW e la versione top di gamma, con motore 2,8 litri V6 da 142 kW. Con questo motore, SUPERB raggiungeva la velocità massima di 237 km/h. Il 1,9 litri TDI da 96 kW e il 2,5 litri TDI da 114 kW completavano l’offerta di motorizzazioni per i Clienti attenti all’economia di esercizio.

In aggiunta al design all’avanguardia, ŠKODA SUPERB vantava anche numerosi sistemi di sicurezza innovativi: il
sistema di frenata presentava ABS e EDS, e anche il sistema anti-slittamento ASR era parte del pacchetto. Le versioni ad alta performance da sei cilindri avevano anche il sistema elettronico di stabilizzazione ESP, incluso il Brake Assistant, non ancora molto diffuso all’epoca. I due airbag frontali e i due airbag laterali per i sedili anteriori completavano il vasto equipaggiamento di sicurezza. Ulteriori airbag per la testa per passeggeri anteriori e posteriori erano disponibili come optional.


Nel marzo 2008, ŠKODA ha presentato la seconda generazione di SUPERB al Salone dell’automobile di Ginevra. Un anno dopo è giunta la variante WAGON. La terza generazione di SUPERB è stata presentata nel 2015 ed è stata subito apprezzata per il rinnovato linguaggio stilistico, la spaziosità ancora maggiore, la vasta gamma di sistemi di assistenza moderni e i motori altamente efficienti. La spaziosa SUPERB WAGON è stata lanciata nel corso dello stesso anno.
OCTAVIA e SUPERB oggi sono due elementi portanti dell’offerta ŠKODA e continuano a rinnovarsi. Entrambi i modelli, infatti, sono disponibili nella variante “iV” con motorizzazione benzina plug-in hybrid che abbina prestazioni, piacere di guida e grande efficienza, garantita dalla batteria agli ioni di litio, che permette lunghe percorrenze a zero emissioni.