30 Novembre 2022

ALPINE: QUANDO L’A480 PARLA CON GLI INGEGNERI

Lapierre Nicolas (fra), Alpine Elf Matmut, Alpine A480, portrait during a private tests session for the 2021 FIA World Endurance Championship season on the Motorland, Ciudad del Motor de Aragón, from February 12 to 15 in Alcaniz, Spain - Photo Florent Gooden / DPPI

Quando l’Alpine A480 è in pista per disputare un round del FIA World Endurance Championship, è fuori dalla vista degli ingegneri, soprattutto a Le Mans dove il circuito supera i 13 chilometri di lunghezza. Eppure nulla delle prestazioni della vettura sfugge loro grazie ai circa 2.000 dati di telemetria che vengono trasmessi ai box in tempo reale! Thomas Tribotté, Alpine Elf Matmut Endurance Team Race Engineer, spiega come la gestione di questi dati può portare a una gara di successo e persino alla vittoria.

Ciò che i telespettatori possono vedere della “scatola” dell’Alpine Elf Matmut Endurance Team durante una gara del FIA World Endurance Championship è limitato alla decorazione delle sue pareti con i colori della squadra, al suo impianto di rifornimento, alla sua meccanica sempre attenta, ai suoi armadietti degli attrezzi e, forse , una pila di pneumatici…

Pochi visitatori sono invitati a varcare la soglia del misterioso “back office” dove lo spettacolo assume la forma di una miriade di schermi di computer che mostrano un assortimento di grafici e dati.

Nella classe Hypercar la gara non è sofferta, ma è gestita da una mole impressionante di dati.

Thomas Tribotté, Alpine Elf Matmut Endurance Team Race Engineer

 

 

500 sensori sull’auto

Il numero di monitor è addirittura aumentato da quando Alpine è passata alla classe Hypercar di punta delle gare di endurance… “Quando abbiamo gareggiato in LMP2, la nostra auto era dotata di circa 200 sensori”, osserva l’ingegnere di gara Thomas Tribotté. “In questa stagione, quel numero è salito a 500! Il nostro sistema di telemetria trasmette continuamente tra 2.000 e 2.500 dati. Per elaborare e analizzare queste informazioni, gli otto ingegneri come me ai box sono responsabili di diversi aspetti della vettura. Ad esempio, abbiamo due ingegneri motori che vegliano sulla gestione della potenza, un’area particolarmente cruciale nella classe Hypercar”.

“I dati possono essere suddivisi in una serie di categorie. Innanzitutto ci sono i dati che riguardano l’affidabilità dell’auto , in particolare la temperatura dei freni, del motore e del cambio, nonché la pressione dei pneumatici. Queste informazioni essenziali sono abbinate a segnali di avvertimento, alcuni dei quali avvertono il conducente direttamente all’interno dell’auto”. Le temperature di marcia sono particolarmente vitali, soprattutto in una gara come Le Mans, dove la temperatura dell’aria può variare dai 10°C nel cuore della notte ai 30°C alla partenza e/o all’arrivo”.

La Alpine A480 Hypercar è dotata di 500 sensori che portano molti parametri di gara in tempo reale ai box

Vincere con i dati

L’attenzione prestata a tutti questi dati può rivelarsi decisiva… “Una volta a Le Mans abbiamo rilevato un problema a soli 12 giri dall’inizio della gara”, ricorda Thomas Tribotté. “Avremmo potuto prendere dal panico e chiamare immediatamente l’auto per le riparazioni, ma ciò avrebbe seriamente compromesso le nostre possibilità. Grazie alla telemetria, però, siamo riusciti a mettere in attesa il problema e ad attendere il momento migliore per occuparcene, durante una neutralizzazione. Alla fine abbiamo vinto la classe LMP2!”

Oltre ai problemi di affidabilità, anche i dati di telemetria possono dare un contributo fondamentale alle prestazioni della vettura. Thomas Tribotté: “Se effettuiamo una regolazione delle impostazioni che dovrebbe portare a un guadagno del due percento ma che, in realtà, a causa delle condizioni prevalenti, fornisce solo un guadagno dell’1,8 percento, sappiamo subito grazie alla telemetria e il conducente può correggere l’impostazione.”

Il flusso di dati ricevuto in tempo reale durante una gara richiede un’analisi costante

Thomas Tribotté ed i suoi colleghi hanno anche utilizzare questo flusso di dati per perfezionare la squadra è la strategia di gara … “Siamo sempre alla ricerca di ottimizzare la quantità di carburante della vettura sta portando e solo chiamare in per il rifornimento di carburante, quando c’è meno di una mezza litro nel serbatoio. I dati a nostra disposizione ci consentono di essere così precisi”.

Un altro flusso di dati riguarda le informazioni sui tempi fornite da Race Control. “Sebbene tutti i team lo ricevano, questo ci permette di tenere d’occhio le prestazioni dei nostri rivali” conclude Thomas Tribotté. “Combiniamo queste informazioni con le nostre simulazioni e calcoli per adeguare la nostra strategia di gara e massimizzare le nostre possibilità di successo”.

Pilota e ingegnere si alleano per condurre l’A480 alla vittoria