20 Gennaio 2022

Poca fortuna per la Island Motorsport al Tindari Rally


Nella gara riservata alle vetture moderne, ultimo atto stagionale del Campionato Siciliano Rally, inaspettato ritiro nelle battute finali per l’equipaggio portacolori Angelucci – Cambria (Volkswagen Polo R5)

Patti (Me), 29 novembre 2021 – Si è rivelata a dir poco sfortunata la trasferta in quel di Trinacria per il romano Fabio Angelucci, reduce dal 6° Tindari Rally, round conclusivo della serie regionale di specialità andato in scena lo scorso fine settimana. Il portacolori della scuderia siciliana Island Motorsport, col supporto della Tempo srl, infatti, è stato costretto al ritiro nel corso della sesta e ultima prova speciale in programma quando ricopriva saldamente la quarta piazza assoluta. Un epilogo che ha, purtroppo, compromesso la sin lì più che positiva prestazione del pilota capitolino che, in coppia con l’esperto messinese Massimo “Max” Cambria, si era presentato al via con la Volkswagen Polo R5 della Step Five Motorsport e gommata Pirelli, affrontando col giusto piglio i selettivi asfalti del Messinese per lui del tutto inediti.

«Poco prima dello start della frazione cronometrata conclusiva, nell’abitacolo c’eravamo ripromessi di sostenerla a ritmi bassi per non rischiare inutilmente, vista la quarta posizione oramai consolidata» – la disamina di Cambria a ruote ferme che ha aggiunto – «Procedevamo in maniera pulita e regolare quando, all’ingresso di un curvone veloce, siamo incappati su del brecciolino che ci ha spinto fuori strada, impattando sul muro con l’anteriore destro: un episodio che abbiamo pagato con la rottura della sospensione e l’impossibilità di giungere al traguardo. Dispiace certo, per quanto il tutto possa rientrare nelle normali dinamiche di una competizione, visto che sin lì non avevamo commesso alcun errore e che Fabio, giusto rimarcarlo, affrontava queste strade per la prima volta in carriera e al volante di una vettura, la Polo, che non guidava da oltre un anno. Detto questo, vorrei fare i complimenti agli organizzatori per l’ottima riuscita della manifestazione che considero, a tutti gli effetti, la gara di casa, vivendo oramai da anni a Patti».

Quel che è certo è che all’affiatato equipaggio Angelucci-Cambria non mancherà la voglia di rivalsa, puntando decisi a rifarsi all’edizione 2022.