8 Agosto 2022

Questo battello elettrico volante può salvare Venezia dall’affondamento: provalo



Venezia sta lentamente affondando. Le enormi onde dei motoscafi della città stanno causando danni irreparabili agli edifici iconici. Ma cosa accadrebbe se tutti i taxi, le ambulanze e i traghetti per pendolari che servono come principale mezzo di trasporto della città potessero volare sopra l’acqua, senza fare scie, ed essere elettrici? Lunedì, il rivoluzionario aliscafo elettrico Candela C-7 tornerà in città per una dimostrazione pubblica delle sue capacità uniche.

Negli anni ’50 arrivarono a Venezia barche a motore alimentate a gas, aumentando la velocità e l’efficienza del trasporto acqueo. Ma hanno anche creato il problema noto ai veneziani come Moto Ondoso – danni provocati dalla scia – che minaccia di erodere le fondamenta di Venezia. Gli edifici di 800 anni sono costruiti su pilastri di legno non progettati per resistere all’impatto ad alta energia delle mareggiate create dalla flotta di motoscafi a gasolio della città.

Le scie sono viste come un tale problema, che gondolieri e attivisti hanno ripetutamente dimostrato contro i motoscafi bloccando i corsi d’acqua della città.

Acclamato dai media come il “salvatore di Venezia” , il Candela di fabbricazione svedese è un tipo di imbarcazione completamente nuovo che porta la speranza di salvare il patrimonio culturale unico della città dalla distruzione e rende i trasporti ancora migliori e più veloci di oggi.

Volando su aliscafi computerizzati, Candela C-7 è la prima imbarcazione elettrica a lungo raggio ad alta velocità. Usando computer e software per volare sopra le onde, ha bisogno dell’80% di energia in meno rispetto ai motoscafi convenzionali e un effetto collaterale gradito è la quasi totale assenza di scia. Causando una scia alta meno di 5 cm, il silenzioso Candela C-7 può volare a una velocità massima di 30 nodi (55 km/h) in acque urbane senza causare danni a edifici, canali o altre imbarcazioni, come gondole.

Media incorporati – Clicca qui per vedere la storia completa nel tuo browser
Grazie a un recente investimento di 24 milioni di euro da parte della principale società di investimento europea EQT Ventures, Candela ora estenderà la sua tecnologia aliscafo a diverse navi commerciali. La compagnia sta sviluppando il traghetto navetta Candela P-30 da 30 passeggeri per la città di Stoccolma, una nave molto simile ai Vaporetti (vaporetti) attualmente utilizzati dai veneziani.

  • Un P-30 non solo sarebbe più veloce, ma anche più confortevole rispetto ai traghetti diesel di oggi, poiché vola sopra le onde e il chop. Ma l’aspetto più importante è che non creerà alcun Moto ondoso, afferma Gustav Hasselskog, CEO di Candela Technology.

Candela P-30 sarà anche molto più economico da operare rispetto ai traghetti diesel di oggi. Secondo i dati forniti dalla Regione di Stoccolma , il primo cliente, il P-30, avrà costi operativi inferiori del 40% rispetto alle navi diesel di dimensioni simili di Stoccolma.

Contemporaneamente, Candela sta anche lavorando al Candela P-12, un taxi acqueo da 12 persone che ricorda i classici taxi boat veneziani. La differenza, ancora, è che il P-12 foiling non creerà scia e utilizza una potenza notevolmente inferiore alle alte velocità: solo circa 30 kW, o 40 cavalli, operando a una velocità di 20 nodi. I taxi boat tradizionali sono spesso dotati di motori diesel da 250 a 300 CV.

  • La Candela P-12 sarebbe il battello navetta perfetto dall’aeroporto Marco Polo alla città. Questo particolare specchio d’acqua è anche piuttosto agitato, con onde incrociate che possono causare disagio. Volare sopra la superficie dell’acqua significherebbe un’esperienza molto migliore per i passeggeri, afferma Gustav Hasselskog.