20 Gennaio 2022

“Rendere la ricarica ancora più semplice e conveniente”

Intervista con i membri del consiglio di amministrazione di BMW AG Ilka Horstmeier, Risorse umane, Direttore delle relazioni sindacali, Pieter Nota, Cliente, Marchi, Vendite e Dr Nicolas Peter, Finanza

Monaco. In qualità di pioniere della mobilità elettrica, il BMW Group è stato strettamente coinvolto nella ricarica dei veicoli elettrici e nelle infrastrutture necessarie per oltre un decennio. L’azienda adotta un approccio olistico lungo tutta la catena del valore che collega le sue tre principali aree di interesse. L’obiettivo è che la ricarica diventi ancora più comoda del riempimento del serbatoio: disponibile ovunque, di facile utilizzo e con un’elevata trasparenza dei costi.

Il percorso verso il successo della mobilità elettrica passa attraverso la stazione di ricarica, motivo per cui l’infrastruttura di ricarica è una priorità di gestione per il BMW Group.

Abbiamo parlato con tre membri del consiglio di amministrazione, Ilka Horstmeier (responsabile delle risorse umane e dei rapporti di lavoro), Pieter Nota (responsabile per i clienti, i marchi e le vendite) e il dott. Nicolas Peter (responsabile delle finanze), su come il BMW Group si sta avvicinando al questione della ricarica, dove si trovano i vantaggi e il potenziale e quale ruolo dovrebbe svolgere la ricarica nel continuo aumento dell’elettromobilità.

D: Il BMW Group ha recentemente consegnato il suo milionesimo veicolo elettrificato al suo nuovo proprietario. Un aspetto indissolubilmente legato all’aumento dell’elettromobilità è l’infrastruttura di ricarica. Qual è la tua opinione in merito?

Peter: In questo momento, l’infrastruttura di ricarica non riesce a tenere il passo con le vendite di veicoli elettrificati. Ecco perché abbiamo urgentemente bisogno di una rapida espansione delle infrastrutture, specialmente nelle aree urbane, densamente popolate e su lunghe distanze. Questo dipende anche dai responsabili delle politiche: il funzionamento economico deve essere garantito – e, se possibile, promosso – soprattutto mentre le infrastrutture sono ancora in fase di espansione. Chi costruirà una seconda postazione di ricarica se la prima non può coprire i suoi costi? Ma, alla lunga, il mercato deve potersi autoregolare nell’interesse del cliente. Ciò di cui abbiamo bisogno per questo sono obiettivi chiari e sistemi di incentivazione. Lo stesso vale per gli operatori di flotte, per supportare la loro transizione verso l’elettromobilità.

D: È possibile raggiungere questo obiettivo costruendo rapidamente l’infrastruttura? O ci sono altri ostacoli?

Horstmeier: Concentrarsi sulla costruzione rapida non sarà sufficiente in alcune aree. Avremo chiaramente bisogno di molti punti di ricarica pubblici nel prossimo futuro per soddisfare la crescente domanda. Ma, soprattutto, i clienti hanno bisogno di un facile accesso al maggior numero possibile di punti di ricarica, con termini e condizioni interessanti su tutta la linea.

Nota: la ricarica dovrebbe favorire l’elettromobilità, ed è proprio qui che entrano in gioco i nostri servizi BMW Charging e MINI Charging. I nostri clienti possono utilizzare una carta o un’app per accedere a oltre 250.000 punti di ricarica pubblici in tutta Europa.

D: 250.000 sembrano molti punti di ricarica. Ma che dire dell'”ansia da autonomia”? Quale percentuale di colonnine di ricarica accessibili pubblicamente include il tuo servizio?

Nota: con BMW Charging e MINI Charging abbiamo una copertura di rete del 90%* in Europa. In altre parole, con la nostra carta puoi utilizzare nove punti di ricarica accessibili al pubblico su dieci. Nei primi cinque mercati dell’elettromobilità siamo addirittura al 95%*. Ciò rende la ricarica facile e conveniente per i nostri clienti ovunque si trovino. Non c’è “ansia da autonomia” con noi.

D: Ma c’è ancora la questione del prezzo. I critici sostengono che i prezzi alla postazione di addebito variano notevolmente, a seconda dell’operatore, e non sono chiaramente indicati per il cliente.

Nota: garantiamo la totale trasparenza dei costi: con la nostra pluripremiata Active Tariff, i clienti pagano una tariffa mensile di base per caricare il proprio veicolo a un’interessante tariffa fissa specifica del mercato. In Germania il canone mensile di base è di cinque euro; La ricarica in AC poi costa 33 cent/kWh e la ricarica rapida in DC 39 cent/kWh. I nostri prezzi sono orientati al prezzo dell’elettricità di rete. I clienti possono acquistare anche il pacchetto IONITY Plus come add-on: con un canone base mensile di 13 euro, possono caricare il proprio veicolo a 35 cent/kWh direttamente in autostrada. Per i clienti che acquistano una nuova BMW completamente elettrica, rinunciamo per un anno alla tariffa base di Active Tariff e IONITY Plus.

D: Un aspetto della ricarica che viene spesso criticato è che richiede più tempo rispetto al riempimento del serbatoio. Cosa ne dici?

Peter: Ricaricare è già molto più conveniente, quando i nostri clienti possono ricaricare a casa. Posso confermare questo dalla mia esperienza. Sono diversi anni che guido una BMW i3 che collego alla mia wallbox di casa. Ogni mattina salgo su un veicolo completamente carico. Ecco perché offriamo ai nostri clienti una varietà di soluzioni di ricarica domestica, oltre al servizio di installazione e una tariffa per l’elettricità verde. Con noi, ottieni tutto da un’unica fonte.

D: Ci sono altre possibilità, oltre alla ricarica pubblica e alla ricarica domestica?

Horstmeier: Ricarica sul posto di lavoro: la tua auto è parcheggiata lì, comunque, durante il giorno. Questo è anche molto più conveniente che riempire il serbatoio: dopo tutto, quale datore di lavoro ha una propria stazione di rifornimento per il personale? Il BMW Group ha una delle più grandi reti di ricarica aziendali in Germania. Abbiamo fatto molta strada nel 2021: ora disponiamo di oltre 5.000 punti di ricarica in servizio e oltre 1.000 punti di ricarica compatibili con eRoaming: ciò significa che possono essere utilizzati anche da altri conducenti di veicoli elettrici, quindi anche il pubblico in generale ne beneficia dalla nostra rete di ricarica aziendale.

D: E come si presenta sul fronte internazionale?

Horstmeier: Abbiamo già iniziato con il lancio. Solo in Europa, entro la fine del 2022 verranno aggiunti oltre 1.100 punti di ricarica in più. Anche le nostre filiali BMW e i nostri partner presso i nostri punti vendita stanno ampliando gradualmente le loro strutture di ricarica in loco.

D: Torniamo all’aspetto temporale della ricarica. Le distanze brevi e medie non sembrano essere un problema, ma per quanto riguarda i viaggi più lunghi, dove, in confronto, la ricarica è chiaramente uno svantaggio?

Peter: La nostra rete di ricarica ad alta potenza IONITY, che abbiamo fondato nel 2017, insieme ad altri produttori, garantisce una comoda mobilità elettrica su lunghe distanze. Di recente abbiamo intensificato il nostro impegno in IONITY e abbiamo investito 700 milioni di euro, insieme agli azionisti esistenti e al nuovo investitore BlackRock. Ciò accelererà notevolmente l’espansione della rete di ricarica ad alta potenza. Entro il 2025, la rete IONITY avrà circa 7.000 punti di ricarica.

Nota: i nostri servizi di ricarica BMW rendono anche facile e comodo l’utilizzo dei punti di ricarica ad alta potenza IONITY. Con la BMW i4 puoi ricaricare un’autonomia di oltre 160 chilometri in dieci minuti. Basta collegare la macchina e andare a prendere una tazza di caffè mentre si carica. Vediamo un enorme potenziale per il futuro in questo settore.

D: Se sono un cliente che desidera caricare la mia auto, come posso trovare un punto di ricarica adatto?

Nota: la ricarica è completamente integrata nell’ecosistema digitale. Posso individuare e selezionare i punti di ricarica disponibili nel sistema di navigazione dell’auto. Posso anche utilizzare l’app “my BMW” e “my MINI” per pianificare il mio percorso e trovare punti di ricarica adatti. Mentre guido da A a B, seleziono quindi il “percorso ottimizzato per la ricarica”. Il mio veicolo calcola l’autonomia disponibile, in base a vari fattori, come meteo, velocità e condizioni del traffico, e consiglia punti di ricarica adeguati.

D: E quali processi vengono eseguiti in background?

Peter: Due società con cui collaboriamo da anni sono fondamentali per un accesso facile e su vasta scala ai punti di ricarica pubblici: Hubject e Digital Charging Solutions GmbH (DCS). Entrambi giocheranno un ruolo chiave nel continuo aumento dell’elettromobilità.

D: In che modo?

Peter:                Entrambi collegano i singoli punti di ricarica per creare una rete completa per i nostri clienti. Hubject gestisce una piattaforma di roaming internazionale che aggrega i punti di ricarica di diversi operatori. Questa piattaforma costituisce una base che consente ai clienti di trovare e utilizzare stazioni di ricarica di diversi operatori in diversi paesi, anche quelli di piccoli fornitori locali in mercati frammentati, con un’unica carta.

D: E qual è il ruolo delle soluzioni di ricarica digitale?

Peter: DCS opera nell’interfaccia con il cliente. Aggrega i punti di ricarica di diversi operatori di postazioni di ricarica e fornisce ai clienti B2C e ad altri l’accesso ad essi come soluzione white label. Questa è la base per i nostri servizi BMW Charging e MINI Charging. Anche altre case automobilistiche possono mettere a disposizione dei propri clienti questa soluzione con il proprio marchio. DCS è stata fondata presso il BMW Group più o meno nello stesso periodo in cui la BMW i3 è stata lanciata sul mercato. Ci siamo presto resi conto che stavamo svolgendo un lavoro pionieristico e abbiamo deciso di offrire il servizio anche ad altre aziende. Oggi, DCS funge da fattore abilitante assoluto: diversi produttori famosi stanno sfruttando la pluripremiata offerta di DCS. Anche il modello di business è molto interessante: nel 2021,

D: Come descriveresti in poche parole il tuo approccio alla ricarica? E quanto è importante questo argomento per la tua azienda nel suo insieme?

Horstmeier: La ricarica è un argomento interdisciplinare che riceve molta attenzione ed è diventato centrale per l’azienda. Lo si capisce dal fatto che il Board of Management è attivamente coinvolto come una squadra. Il BMW Group adotta un approccio olistico all’elettromobilità, con veicoli attraenti e prodotti e servizi che rendono la ricarica facile e conveniente. Ecco perché il nostro impegno per la ricarica si estende lungo l’intera catena del valore: da prodotti e servizi convincenti a investimenti strategici, fino alla costruzione della nostra infrastruttura di ricarica aziendale. Io stesso guido una BMW i3 e una BMW iX e utilizzo tutte le opzioni di ricarica: a casa e al lavoro, nonché la ricarica pubblica. Ci sono già tanti vantaggi e possibilità. L’ulteriore digitalizzazione e automazione offrono un enorme potenziale per il futuro.

D: Costruirai la tua rete di ricarica pubblica esclusiva per i tuoi clienti in futuro? Altri produttori hanno già annunciato piani per questo.

Peter: Ci impegniamo a creare reti aperte. Questo è il modo più efficace per supportare l’aumento e la disponibilità dell’infrastruttura per i nostri clienti. Ciò aiuta anche a realizzare l’elevata capacità di utilizzo necessaria per rendere redditizie le reti. Attraverso il nostro investimento in IONITY, siamo fortemente coinvolti nella costruzione di una rete di ricarica pubblica.

Horstmeier: I punti di ricarica compatibili con eRoaming nella nostra rete di ricarica aziendale sono aperti ai conducenti di veicoli di qualsiasi produttore. Negli ultimi anni abbiamo inoltre allestito più di 15.000 punti di ricarica aggiuntivi in ​​tutto il mondo con vari partner. Se guardi al nostro impegno complessivo nella costruzione di infrastrutture di ricarica, siamo a oltre 20.000 punti di ricarica. Questo dimostra che stiamo dando l’esempio!

D: Cosa possiamo aspettarci dal BMW Group nel campo della ricarica nel 2022?

Nota: Ci siamo posti obiettivi ambiziosi per l’elettromobilità il prossimo anno: puntiamo a più del doppio delle vendite dei nostri veicoli esclusivamente elettrici rispetto a quest’anno. Nel 2022, ci concentreremo su altri due approcci che renderanno la ricarica ancora più attraente. Innanzitutto, integreremo ulteriormente la ricarica nella nostra app myBMW e myMINI. Ciò significa che i nostri clienti potranno trovare tutto ciò che riguarda il loro veicolo in un’unica app, incluso l’accesso ai punti di ricarica pubblici. In secondo luogo, continueremo a promuovere le reti di ricarica, che semplificheranno il processo di ricarica.

Horstmeier: Renderemo la ricarica ancora più semplice e conveniente nel 2022. Anche con un numero crescente di punti di ricarica pubblici, prevediamo di espandere la già elevata copertura di oltre il 90% in tutta Europa. Stiamo anche esplorando come rendere la sostenibilità ancora più un obiettivo per la ricarica pubblica, ad esempio attraverso compensazioni volontarie di carbonio o un’ulteriore integrazione di opzioni di elettricità verde. Stiamo anche prestando molta attenzione alla ricarica bidirezionale, che riteniamo abbia un grande potenziale, soprattutto quando si tratta di come i veicoli elettrici possono contribuire all’affidabilità della fornitura e alla transizione energetica.

Peter: Vogliamo rendere l’e-mobility ancora più facile da usare su base quotidiana il prossimo anno, perché ne abbiamo bisogno affinché l’accettazione delle auto elettriche continui a crescere. I veicoli elettrici di alta qualità parlano da soli, con le loro prestazioni impressionanti, la dinamica di guida e l’autonomia. Un’infrastruttura di ricarica adeguata è il collo di bottiglia. Una volta che questo sarà disponibile, il passaggio alla mobilità elettrica diventerà ancora più dinamico. Sono molto fiducioso che questo cambiamento avverrà nel prossimo futuro. Vediamo con quanta rapidità la mobilità elettrica può acquisire slancio in mercati come la Cina e alcuni dei nostri vicini europei, ad esempio. La cosa importante è: il pacchetto completo per i nostri clienti deve essere corretto. Ci impegniamo per questo.