8 Agosto 2022

BMW International Open: l’emotivo Haotong Li vince alla prima buca degli spareggi.

 Un BMW International Open di alta classe si è concluso con un degno finale. In un drammatico spareggio, il cinese Haotong Li ha affondato un putt da 12 metri battendo il belga Thomas Pieters. Il vincitore di 26 anni aveva precedentemente tirato colpi di 62, 67, 67 e 70 per un punteggio finale di 22 sotto (266 colpi). Li ha gettato le basi per il suo terzo titolo nel DP World Tour il primo giorno, quando ha battuto il record del percorso con un round di 10 sotto il par. Ciò ha guadagnato ai cinesi un vantaggio a cui non si è mai arreso.

“Congratulazioni a Haotong Li per il suo titolo al 33 ° BMW International Open e per essere diventato il primo golfista cinese a vincere questo torneo”, ha affermato Ilka Horstmeier, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG. “È stata una magnifica settimana di torneo con un record di percorso, un albatro e un’ultima giornata accattivante, il tutto condito con uno spareggio. Siamo lieti che così tanti spettatori siano stati nuovamente in grado di godersi ciò che il BMW International Open ha rappresentato dal 1989: golf di livello mondiale, un’atmosfera di benessere e un’esperienza di evento speciale”.

Li è andato all’ultimo round insieme a Pieters e con tre colpi di vantaggio sul belga. 15 buche dopo, il giocatore della Ryder Cup aveva colmato il divario. In quanto tali, i due leader si sono trovati in una situazione di match play. È stato Li che ha guadagnato il vantaggio iniziale grazie ad un brillante birdie il 17 ° . Tuttavia, Pieters ha risposto con un uccellino il 18. Alla prima buca degli spareggi, la 18 ° , Pieters ha centrato l’approccio migliore sul green, ma è stato Li che ha mostrato nervi d’acciaio per affondare un putt di 12 metri per birdie. Mentre i fan hanno mostrato il loro apprezzamento, il vincitore piangente è caduto a terra con sollievo.

“È incredibile. Non ci sono parole per descrivere questa sensazione”, ha detto Li. “Dieci mesi fa volevo smettere di giocare a golf. L’ho detto al mio amico e ora caddy Zhi Yang. È sempre stato con me nei momenti bui. Non posso ringraziarlo abbastanza. Stanotte ho dormito poco, ma ho sognato di alzare questo trofeo – e ora quel sogno si è avverato. È incredibile.”

Terzo posto per il neozelandese Ryan Fox (-20), davanti al finlandese Sami Välimäki (-18). Il quinto posto è stato condiviso dal due volte vincitore Pablo Larrazábal (ESP), Romain Langasque (FRA) e Nicolai von Dellingshausen (GER, tutti -17), che è stato il migliore dei 17 tedeschi che hanno iniziato il torneo. “Sono molto, molto felice”, ha detto von Dellingshausen. “Con il punteggio e il risultato, certo, ma anche con come è andata la settimana, il mio gioco e il mio approccio mentale”.

Marcel Schneider (-13, T15), Max Kieffer (-11, T26), Yannik Paul (-10, T32), Martin Kaymer, Hurly Long, Timo Vahlenkamp (tutti -9, T36) e Marcel Siem (-7, T53 ) sono stati gli altri sette professionisti tedeschi a fare il taglio. Kaymer: “In generale, sono stato contento del mio gioco, soprattutto visto il poco allenamento che sono riuscito a fare in anticipo. Tuttavia, non sono così contento del risultato. Nel complesso, però, porterò ricordi positivi da questa settimana”.

Kieffer, che sabato ha festeggiato il suo 32 ° compleanno, ha colpito un albatro il primo giorno, quando ha imbucato il suo secondo tiro all’11 ° buca (par 5), un four-iron da ben 192 metri. Questo è stato solo il quarto albatro nella lunga storia del torneo. Solo José Maria Olazábal (ESP, 2001, buca 11, par 5), Rafa Echenique (ARG, 2009, buca 18, par 5) e Vincent Norrman (SWE, 2021, buca 16, par 4) avevano raggiunto questa impresa prima di Kieffer.

Billy Horschel (USA, -11, T26) non è stato in grado di realizzare il suo sogno di un terzo titolo BMW da aggiungere al Campionato BMW che ha vinto nel 2014 e al Campionato BMW PGA 2021. Tuttavia, è rimasto colpito dal suo primo evento di golf professionistico in Germania. “È stata una settimana fantastica, mi sono divertito molto. È stato bello rivedere gli amici nel DP World Tour”, ha detto l’americano. “Il mio golf a volte era buono, ma non abbastanza per vincere”.