8 Agosto 2022

Il pioniere dell’elettricità in casa: la produzione della BMW i3 si conclude con un anniversario e l’esclusiva HomeRun Edition.

Un’era sta volgendo al termine nello stabilimento del BMW Group di Lipsia. La produzione in serie della BMW i3 sta per finire, circa otto anni e mezzo dopo il suo lancio. Una fonte di ispirazione, un motore di innovazione, un pioniere del piacere di guida a emissioni zero a livello locale: l’elenco degli attributi che hanno accompagnato la prima automobile di serie del BMW Group con trazione completamente elettrica dal suo debutto nel 2013 è lungo. La BMW i3 (consumo elettrico combinato: 16,3 – 15,3 kWh/100 km secondo WLTP, 13,1 – 14,0 kWh/100 km secondo NEDC, CO 2emissioni: 0 g/km) nasce come esemplare esotico sul mercato ancora poco sfruttato dei veicoli elettrici, si è sviluppato in un classico dal carisma inconfondibile già nel corso della sua produzione e passa alla storia dell’azienda come pioniere della sostenibilità mobilità.

Per lo stabilimento del BMW Group di Lipsia, l’addio alla BMW i3 è legato all’inizio di un nuovo capitolo della mobilità elettrica. In una transizione senza soluzione di continuità, ulteriori componenti e-drive verranno prodotti lì con effetto immediato oltre alla produzione di moduli batteria ad alta tensione, cosa che viene già realizzata da maggio 2021. E già il prossimo anno, la prossima generazione della MINI Countryman sarà prodotto nello stesso luogo, con un azionamento completamente elettrico, tra le altre cose. In questo modo, le competenze in materia di mobilità elettrica della forza lavoro, accumulate negli ultimi anni, verranno utilizzate e migliorate ulteriormente. Allo stesso tempo, lo stabilimento del BMW Group di Lipsia diventa la prima sede nella rete di produzione globale dell’azienda in cui vengono prodotti insieme i modelli BMW e MINI.

L’ultimo anniversario: 250.000 unità di piacere di guida elettrica prodotte a Lipsia.

La BMW i3 termina la sua corsa di produzione con un impressionante homerun. Solo pochi giorni fa è stata prodotta a Lipsia l’unità da 250.000 unità del veicolo elettrico compatto. Ciò rende la BMW i3 il veicolo elettrico di maggior successo al mondo nel segmento delle compatte premium. E contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare da un modello che viene gradualmente eliminato, la sua popolarità non è diminuita man mano che è maturato.

La BMW i3 è stata venduta in più di 74 paesi in tutto il mondo. In molti mercati ha raggiunto una quota di mercato significativamente più alta nel segmento dei veicoli elettrici rispetto al marchio BMW nel settore delle auto a propulsione convenzionale. È anche riuscito a ispirare ulteriori gruppi target nelle offerte di mobilità premium di BMW. Nei primi anni, oltre l’80% di tutti gli acquirenti della BMW i3 erano nuovi clienti del BMW Group.

Il fascino duraturo della BMW i3, prodotta esclusivamente nello stabilimento di Lipsia per l’intero mercato globale, è dovuto anche al suo carattere particolarmente individualistico. La sua architettura del veicolo indipendente è costituita da un modulo di trasmissione come un telaio in alluminio, che trasporta l’e-drive, le sospensioni e la batteria ad alto voltaggio, nonché una cellula passeggero in plastica rinforzata con fibra di carbonio (CFRP) chiamata modulo vita. Questo design, sviluppato fin dall’inizio per la pura mobilità elettrica, ha reso possibile uno spazio particolarmente generoso all’interno e un design della cabina di pilotaggio e della console centrale che è allo stesso tempo di alta qualità e molto avanzato. Lo stesso vale per il design esterno, che è ancora all’avanguardia nel suo nono anno di produzione,

Alfiere della tecnologia visionaria dal grande potere simbolico.

Queste caratteristiche non solo hanno reso la BMW i3 un pioniere per la trasformazione verso una mobilità senza CO 2 , ma sono anche la prova di quanto sia innovativo il BMW Group in un’ampia gamma di settori. “La BMW i3 ha un grande potere simbolico”, afferma Oliver Zipse, Presidente del Consiglio di amministrazione di BMW AG. Descrive lo sviluppo della BMW i3 come un ottimo esempio del “modo BMW”. Questo è caratterizzato in particolare dal coraggio di “fare da pioniere agli argomenti, di fare qualcosa di diverso e non solo di seguire il mainstream”. Questa mentalità continua a persistere, secondo Zipse, perché “anche la BMW iX, che è abbastanza sorprendente nelle sue capacità, ha le sue origini in questa cultura aziendale”.

I dipendenti coinvolti nella produzione della BMW i3 presso lo stabilimento del BMW Group di Lipsia sanno fin troppo bene cosa significhi in pratica questa cultura. Dopotutto, la BMW i3 è stata un portabandiera della tecnologia visionaria sin dal primo giorno, e non solo per la sua trazione elettrica. Con la sua architettura Life-Drive, ha anche stabilito nuovi standard nel campo della costruzione leggera intelligente. A Lipsia sono stati stabiliti processi innovativi unici nell’industria automobilistica per lo stampaggio di parti di carrozzerie di grande formato dal materiale high-tech CFRP particolarmente leggero. Oggi, il BMW Group ha un’esperienza unica nell’uso industriale della fibra di carbonio nella costruzione della carrozzeria e dell’alluminio nella progettazione dei componenti del telaio.

“La BMW i3 è un vero pioniere e l’epitome dello spirito pionieristico”, afferma Milan Nedeljković, membro del consiglio di amministrazione per la produzione di BMW AG. “Grazie alla BMW i3, lo stabilimento di Lipsia è diventato il luogo di nascita della mobilità elettrica in BMW”. Con l’espansione della produzione di componenti per e-drive, lo stabilimento di Lipsia rimarrà “elettrico” in futuro, afferma Nedeljković. “Diventerà l’hub per la mobilità elettrica e fornirà componenti alla nostra rete di produzione in tutto il mondo”.

Driver di innovazione per la mobilità elettrica e vincitore di numerosi premi.

Grazie ai suoi sviluppi tecnologici specifici del modello, la BMW i3 è diventata un motore di innovazione per i marchi BMW e MINI anche in numerosi altri settori. Il motore elettrico da 135 kW/184 CV della BMW i3s (consumo di potenza nel ciclo combinato: 16,6 – 16,3 kWh/100 km secondo WLTP, 14,6 – 14,0 kWh/100 km secondo NEDC, emissioni di CO 2 : 0 g/km) è stato dal 2020 offre divertimento di guida urbano e sensazione di go-kart a zero emissioni locali in stile MINI. La MINI Cooper SE puramente elettrica (consumo di potenza combinato: 17,6 – 15,2 kWh/100 km secondo WLTP, 16,9 – 14,9 kWh/100 km secondo NEDC, emissioni di CO 2 : 0 g/km) da allora è diventata la variante di modello più popolare del marchio britannico.

Sviluppata originariamente per la BMW i3, ora viene prodotta la quinta generazione della tecnologia BMW eDrive. Viene utilizzato in numerosi modelli ibridi puramente elettrici e plug-in di BMW e MINI. Il ramp-up della mobilità elettrica proseguirà nei prossimi anni. Entro il 2030, ogni secondo veicolo del BMW Group venduto nel mondo sarà completamente elettrico.

La BMW i3 ha ricevuto numerosi riconoscimenti durante il suo periodo di produzione. In Germania, già nel 2013 è stato premiato con il “Volante verde”, seguito tre anni dopo dal “Volante d’oro”, premiato anche da “Auto Bild” e “Bild am Sonntag”. Il design, il concept del veicolo, gli interni, sostenibilità, conservazione del valore e tecnologia di connettività della BMW i3 ha ricevuto ulteriori riconoscimenti nazionali e internazionali e successi in sondaggi pubblici, tra cui vittorie di classe nelle competizioni delle riviste “Auto Zeitung” e “auto, motor und sport”, premi come “UK Car dell’anno”, “Green Car of the Year”, “Classic of the Future” e “Swiss Car of the Year”, nonché il “World Car Design Award”, il “

Ripensare la mobilità: l’approccio olistico del marchio BMW i.

Oltre alla trazione completamente elettrica, l’eccezionale equilibrio ecologico della BMW i3 deriva anche dalla scelta dei materiali, che è completamente orientata alla sostenibilità e alla produzione di risparmio delle risorse. È stato il primo modello del BMW Group a ricevere un certificato ISO rilasciato da revisori indipendenti al momento del suo lancio sul mercato, a conferma delle sue prestazioni ambientali ottimizzate durante l’intero ciclo di vita.

Materie prime parzialmente riciclate vengono utilizzate per la sua pelle esterna in materiale termoplastico. La plastica utilizzata negli interni è composta per il 25% da materiale riciclato. I tessuti utilizzati per le superfici dei sedili sono realizzati interamente con fibre riciclate. I pannelli delle portiere della BMW i3 sono realizzati in fibra di kenaf. Il legno di eucalipto da coltivazione certificata in Europa funge da materia prima per parti del cruscotto.

Il concetto olistico di sostenibilità include anche l’ampio uso di energia rinnovabile nella produzione della BMW i3. Quattro turbine eoliche nel sito dello stabilimento del BMW Group a Lipsia forniscono l’elettricità necessaria per la sua produzione. In una fase iniziale, hanno reso la sede sassone un pioniere per la produzione di veicoli a emissioni zero, che dall’anno scorso è stata standard in tutti gli stabilimenti del BMW Group in tutto il mondo.

Inoltre, il marchio BMW i ha fornito slancio per un piacere di guida sostenibile e una trasformazione completa verso una mobilità a emissioni zero in molti modi e ben oltre lo sviluppo di veicoli elettrici. Tra queste attività si annoverano il servizio di car sharing urbano DriveNow (chiamato oggi SHARE NOW) che per molti utenti rappresenta l’occasione ideale per entrare in contatto per la prima volta con la mobilità elettrica, oltre ai servizi oggi conosciuti come BMW Charging e MINI Charging for comoda ricarica a casa e per un facile accesso alle stazioni di ricarica pubbliche e la partecipazione del BMW Group alla rete europea di ricarica rapida Ionity.

La perfetta introduzione al mondo della mobilità elettrica e un affidabile corridore di resistenza.

Per molti clienti, la BMW i3 è diventata una compagna costante fin dall’inizio negli ambienti urbani, per gli spostamenti quotidiani e spesso anche oltre. I conducenti abituali tra i “early adopters” elogiano soprattutto i bassi costi energetici e di manutenzione, ma anche l’affidabilità del veicolo e la stabilità di ciclo della sua batteria ad alto voltaggio. Riferiscono di pastiglie dei freni che non hanno dovuto essere sostituite nemmeno dopo più di 250.000 chilometri, perché gran parte della potenza di decelerazione è fornita dal recupero durante la guida della BMW i3 e dell’impressionante qualità a lungo termine dell’alta tensione batteria, che porta solo a una riduzione trascurabile dell’autonomia anche dopo tempi di funzionamento altrettanto lunghi.

La batteria ad alto voltaggio della BMW i3 ha subito un continuo sviluppo sin dal suo lancio sul mercato, raddoppiando la sua capacità di accumulo pur mantenendo lo stesso spazio di installazione. Con una capacità della cella di 120 ampere ore (Ah) e un contenuto energetico lordo di 42,2 kilowattora (kWh), ora consente un’autonomia fino a 307 chilometri (BMW i3) secondo WLTP.

Le batterie ad alto voltaggio sviluppate e prodotte dal BMW Group vengono utilizzate anche in altri settori. Ne sono un esempio i furgoni Streetscooter utilizzati dalle poste tedesche e gli autobus urbani del produttore turco Karsan, nonché i motoscafi con azionamento elettrico del marchio Torqeedo, per i quali fungono anche da fonte di energia. Inoltre, le batterie ad alto voltaggio BMW i vengono utilizzate come sistemi stazionari di accumulo di energia per l’elettricità generata da fonti rinnovabili come l’energia eolica o solare. Anche lo stabilimento del BMW Group di Lipsia dispone di una tale fattoria di accumulo di energia. Si compone di 700 batterie ad alta tensione della BMW i3 interconnesse in cui è possibile immagazzinare l’elettricità generata dalle quattro turbine eoliche nel sito dell’impianto.

Localmente senza emissioni, elegante ed esclusiva: l’edizione HomeRun della BMW i3s.

Nel suo tratto di casa, la BMW i3 mostra ancora una volta il lato elegante e stravagante del suo carattere che è già stato oggetto di diversi modelli speciali limitati. La BMW i3s HomeRun Edition è stata trattata per la prima volta con una verniciatura Frozen da BMW Individual. Questa premiere è associata a un massimo di esclusività: sono state prodotte solo dieci unità della BMW i3s HomeRun Edition.

In esclusiva per la BMW i3s HomeRun Edition, due nuove vernici BMW Individual sono state aggiunte alla gamma: Frozen Dark Grey e Frozen Dark Red II. Inoltre, la HomeRun Edition include cerchi in lega leggera da 20 pollici con design a doppie razze, tetto in vetro ad azionamento elettrico, vetri a controllo solare e fari a LED adattivi. I modelli speciali sono inoltre dotati del design degli interni Suite particolarmente pregiato, che comprende rivestimenti in pelle Vernasca Dark Truffle, cruscotto in pelle, volante in pelle con finiture zincate, rivestimento del tetto Carum Grey, illuminazione d’ambiente e luce di benvenuto. Altre opzioni includono sedili riscaldati, accesso comfort, sistema di allarme, informazioni sul traffico in tempo reale, servizio di portineria, controllo della distanza di parcheggio e telecamera per la retromarcia.

La produzione dei dieci modelli speciali è stato un momento clou finale non solo per i dipendenti coinvolti nella sua produzione nello stabilimento del BMW Group di Lipsia. I clienti dei modelli speciali hanno potuto assistere in prima persona al completamento dei veicoli nella sala di montaggio.

EMISSIONI E CONSUMI DI CO2.

La BMW i3 (consumo elettrico combinato: 16,3 – 15,3 kWh/100 km secondo WLTP, 13,1 – 14,0 kWh/100 km secondo NEDC, emissioni di CO 2 : 0 g/km)