29 Gennaio 2023

TEST POSITIVO PER YOSHIMURA SERT MOTUL

 lo Yoshimura Suzuki Endurance Racing Team Motul ha preso parte ai test preparatori per il Bol d’Or, l’ultimo round del campionato FIM EWC 2022.

Il team ufficiale Suzuki, saldamente affermato ai vertici del campionato, ha approfittato di questi giorni di lavoro per prepararsi all’appuntamento più importante della stagione.

Dalla sua brillante vittoria alla 24 Ore di Le Mans (Francia), che ha lanciato la stagione EWC FIM 2022, Yoshimura SERT Motul è stato in testa al campionato. Il team franco-giapponese ha poi mantenuto la leadership con un meritato quarto posto nella 24 Ore di Spa EWC Motos (Belgio) dopo aver subito un grave guasto meccanico durante la gara. La forza leggendaria del team è stata messa alla prova anche alla 8 Ore di Suzuka in Giappone dove, pur essendo priva di due dei suoi piloti abituali, la Suzuki #1 è arrivata sul terzo gradino del podio dopo una gara difficile ma perfettamente controllata .

CAE-Bol d'Or Test-35

Grazie a questa grande prestazione, Yoshimura SERT Motul entrerà nel Bol d’Or, l’ultimo round della stagione, con 23 punti di vantaggio nella classifica provvisoria del campionato. Tuttavia, questo comodo vantaggio non protegge la squadra dal ritorno dei principali concorrenti del campionato, perché al Bol d’Or ci sono un totale di 85 punti da prendere.

Per prepararsi al meglio all’evento sul circuito del Paul Ricard di Castellet, senza Xavier Simeon e Sylvain Guintoli, il team ha potuto contare sull’esperienza di Gregg Black, vincitore del Bol d’Or nel 2021, che ha fornito preziose informazioni ai suoi due compagni di squadra, il pilota giapponese Kazuki Watanabe e l’inglese Christian Iddon.

Senza puntare alle migliori prestazioni, il trio di piloti ha lavorato sui settaggi della GSX-R1000R per rendere il più agevole possibile la guida su questa pista molto faticosa, soprattutto per via del lunghissimo rettilineo di Mistral. Le sessioni di prove libere sono state affrontate come prove di resistenza, con i piloti che facevano giri veloci e costanti, degni di un passo gara.

CAE-Bol d'Or Test-8

Concentrata sui suoi obiettivi, la squadra intende attaccare questa nuova edizione del Bol d’Or, che celebra quest’anno il suo 100° anniversario. Le sessioni di prove libere inizieranno giovedì 15 settembre alle 8:50 (ora locale) e saranno seguite dalle sessioni di qualificazione, a partire dalle 14:50 dello stesso giorno; e alle 9:55 del giorno successivo.

La gara inizierà sabato 17 settembre alle 15 (ora locale).

Damien Saulnier – Team Manager:

“Abbiamo fatto questi due giorni di test come facciamo di solito, ovvero lavorando sulla preparazione mantenendo un margine di sicurezza a 8 giorni dalla fine della gara. È bello essere al Bol d’Or che quest’anno festeggia i suoi 100 anni, ma sarà ancora meglio vincerlo perché passerà alla storia. Quindi in questi giorni non abbiamo lavorato per le qualifiche ma per la gara, con l’obiettivo di rendere la moto facile e piacevole per questo circuito molto impegnativo. Sono contento del set-up perché i piloti si sentono bene. Quindi siamo fiduciosi ma non è un affare fatto, ci sono tanti punti da portare al Bol d’Or. Matematicamente, ci sono diverse squadre che possono ancora rivendicare il titolo. Sta a noi rimanere concentrati per mantenere il nostro vantaggio e portare un 18° titolo alla Suzuki”.

CAE-Bol d'Or Test-28

Yohei Kato – Direttore Tecnico Yoshimura:

“Siamo tornati in Francia e difenderemo il nostro titolo anche quest’anno al Bol d’Or. Abbiamo testato alcune novità, ma ci siamo concentrati principalmente sulle gomme e sul settaggio del motore, soprattutto per migliorare i consumi della moto. Sono molto contento del lavoro svolto da tutto il team. Siamo pronti per concludere la stagione”.

Gregg Black:

“Questi test hanno avuto successo. Abbiamo avuto buone condizioni meteorologiche, che ci hanno permesso di lavorare bene con tutto il team tecnico. Avevamo molte cose da provare perché la moto si è evoluta di nuovo. Siamo abbastanza soddisfatti dei risultati perché sul passo gara abbiamo visto che eravamo abbastanza costanti e regolari. Anche la competizione è migliorata, quindi sarà una gara difficile ma siamo abbastanza fiduciosi. Anche se c’è ancora del lavoro da fare, mi sento bene sulla moto, è molto positivo”.

Kazuki Watanabe:

“Ho potuto fare solo un giorno e mezzo di test perché avevo fatto una gara poco prima, ma è un piacere tornare su questa pista molto bella per prepararmi all’ultima gara di 24 ore. Mi è piaciuto molto guidare la moto che abbiamo adattato a questo particolare circuito. Abbiamo un buon ritmo. C’è ancora del lavoro da fare, ma non vedo l’ora che inizi la gara!”

Christian Iddon:

“E’ la mia prima volta sul circuito del Paul Ricard. È una pista molto particolare perché tutto si materializza a terra dipingendo direttamente sull’asfalto. Da Cadwell Park, un circuito molto collinoso dove mi trovavo poco prima, sono passato a una pista estremamente pianeggiante! Il grip qui è ottimo, con le gomme Bridgestone della Suzuki è davvero possibile spingere molto forte. Ci sono delle curve molto tecniche che chiudersi e seguire altri piloti mi permette di capire meglio la strada giusta da percorrere. Ma la caratteristica principale del circuito del Paul Ricard è ovviamente questo incredibile rettilineo di Mistral. Non avevo mai guidato una bici con una grande benzina per così tanto tempo prima! È un circuito che sto scoprendo ma mi piace molto”.