29 Gennaio 2023

WorldSBK in Argentina: sali e scendi ai piedi delle Ande.

Ci sono stati molti alti e bassi per la BMW Motorrad Motorsport durante il weekend di gara del FIM Superbike World Championship (WorldSBK) a San Juan, in Argentina. Il decimo round della stagione si è svolto ai piedi delle Ande.

San Giovanni. Ci sono stati molti alti e bassi per la BMW Motorrad Motorsport durante il weekend di gara del FIM Superbike World Championship (WorldSBK) a San Juan, in Argentina. Il decimo round della stagione si è svolto ai piedi delle Ande. Scott Redding (GBR) del BMW Motorrad WorldSBK Team si è comportato bene in Superpole ed è stato il miglior pilota BMW in entrambe le gare principali, ma ha affrontato una difficile Superpole. Il suo compagno di squadra Michael van der Mark (NED) è partito da più indietro e ha registrato i primi dieci posti in entrambe le gare principali. In Superpole, Loris Baz (FRA) ha ottenuto il miglior risultato in qualifica finora per il BMW Racing Team di Bonovo, ma ha subito sfortuna in entrambe le gare principali. Il compagno di squadra Eugene Laverty (IRL) ha concluso la gara finale di domenica pomeriggio come miglior pilota indipendente.

Redding è stato quinto nella qualificazione alla Superpole sabato pomeriggio, mentre Baz è arrivato sesto assicurando una prima partenza dalla seconda fila per l’azione Bonovo BMW Racing Team. Le qualifiche si sono rivelate più complicate per van der Mark e Laverty, che hanno concluso al 14° e 18° posto.

Redding è stato nel gruppo di testa per la prima metà di gara uno, per poi indietreggiare leggermente e tagliare il traguardo al settimo posto. Van der Mark è risalito dalla 14a alla decima posizione. Laverty ha anche guadagnato quattro posizioni per finire 14 °. Baz ha lottato per tutta la gara, riuscendo a rientrare in gara dopo una caduta nella fase conclusiva, ma ha chiuso fuori dalla zona punti al 16° posto. Domenica pomeriggio, Baz ha poi allungato la sua sequenza di noni posti nella gara della Superpole, tagliando il traguardo in quella posizione come il miglior pilota BMW. Van der Mark era undicesimo. Redding è partito dalla quinta posizione ma è sceso considerevolmente e ha tagliato il traguardo in 14a posizione, con Laverty 18a.

Nella seconda gara principale di domenica pomeriggio, Baz era inizialmente il pilota BMW meglio piazzato nel gruppo di testa, per poi cadere al secondo giro dopo essere stato colpito da un altro pilota. Il francese è riuscito a rientrare in gara ma non è riuscito a migliorare il 17° posto. Dopo essere partito dal decimo posto, Redding ha dato una prestazione costante finendo nono. Van der Mark era solo un posto dietro di lui, raggiungendo ancora una volta la top ten in una gara principale. Laverty è partito dalla diciottesima posizione e ha scalato diverse posizioni con l’avanzare del primo giro. Dopo 21 giri, ha tagliato il traguardo come miglior pilota indipendente all’undicesimo posto.

La stagione 2022 si conclude con i due eventi all’estero a Mandalika, in Indonesia (dal 11 al 13 novembre) ea Phillip Island, in Australia (dal 18 al 20 novembre).

Citazioni dopo le gare di San Juan.

Marc Bongers, Direttore BMW Motorrad Motorsport:“È stato un weekend difficile. Tutti hanno lavorato molto duramente, ma non siamo ancora riusciti a sfruttare le nostre prestazioni sul podio di Donington Park, Most e Magny-Cours. Le temperature e le condizioni qui erano molto variabili e, a differenza dei nostri rivali, non siamo in grado di affrontare bene e abbastanza velocemente questi cambiamenti. Il nostro pacchetto è ancora troppo sensibile e quindi non abbastanza stabile per reagire alle condizioni e alle caratteristiche della pista senza grandi aggiustamenti. Le qualifiche sono andate molto bene, con Scott e Loris in seconda fila, abbiamo avuto una posizione di partenza abbastanza buona per le prime due gare. Scott è riuscito a finire le due gare principali in P7 e P9, ma non è questo il nostro obiettivo. Scott è stato l’unico pilota ad utilizzare la gomma più dura, la SC0, nella gara della Superpole, non avendo preso confidenza con la SCX nel warm-up mattutino. Questa si è rivelata una buona scelta di pneumatici in gara uno. È stato bello vedere che Michael sta guidando gare costanti e che lentamente ma continuamente è sulla via del ritorno. Loris ha avuto davvero un po’ di sfortuna nella seconda gara. Oggi era sulla buona strada per fare una gara forte, ma poi è stato investito da un altro pilota ed è caduto. Sono felice che Eugene sia riuscito a finire gara due per l’azione Bonovo BMW Racing Team come il miglior pilota indipendente, proprio dietro Scott e Michael. Sarebbe fantastico se potesse continuare in questo modo nelle ultime gare della sua carriera nel WorldSBK”. ma poi è stato investito da un altro cavaliere ed è caduto. Sono felice che Eugene sia riuscito a finire gara due per l’azione Bonovo BMW Racing Team come il miglior pilota indipendente, proprio dietro Scott e Michael. Sarebbe fantastico se potesse continuare in questo modo nelle ultime gare della sua carriera nel WorldSBK”. ma poi è stato investito da un altro cavaliere ed è caduto. Sono felice che Eugene sia riuscito a finire gara due per l’azione Bonovo BMW Racing Team come il miglior pilota indipendente, proprio dietro Scott e Michael. Sarebbe fantastico se potesse continuare in questo modo nelle ultime gare della sua carriera nel WorldSBK”.

Scott Redding, BMW Motorrad WorldSBK Team (SP: 5 / R01: 7 / SP Gara: 14 / R02: 9):“Il fine settimana in generale è stato alto e basso. Abbiamo cercato di imparare alcune cose con la moto, con il setting, ma si è scoperto che non andava meglio, quindi per l’ultima gara siamo tornati a quello che sapevamo e il feeling è migliorato un po’. È stato un peccato perché normalmente qui sono abbastanza veloce e non potevo davvero mostrare tutto il potenziale in gara. Nella gara della Superpole abbiamo dovuto utilizzare la gomma posteriore SC0 che non è stata contestata da tutti gli altri sulla SCX. Nel pomeriggio abbiamo apportato alcune modifiche in modo da poter utilizzare la gomma X. Mi sentivo abbastanza bene con la moto, ma abbiamo avuto dei problemi con i freni e poi ho iniziato a faticare. Quindi, tutto sommato, sono felice di venire dal fine settimana con una nota positiva, ma dobbiamo lavorare un po’ di più per il prossimo round”.

Michael van der Mark, BMW Motorrad WorldSBK Team (SP: 14 / R01: 10 / SP Race: 11 / R02: 10): “La gara della Superpole è andata bene. Mi sentivo bene, non riuscivo a superare altri ragazzi e sono finito 11°, quindi nessun miglioramento sulla griglia di partenza per gara due. Nella seconda gara, la mia partenza è andata bene, ma mi sono fermato alle prime due curve. Abbiamo stabilito un ritmo abbastanza buono ma non avevo abbastanza per avvicinarmi ai ragazzi davanti a me e provare a superarli. Il ritmo era buono questo fine settimana, siamo migliorati parecchio anche con l’assetto e mi sento sempre meglio sulla moto. Sento come sta tornando la moto. Quindi ovviamente non è la posizione in cui vogliamo finire, ma da parte mia abbiamo avuto un buon fine settimana e penso che abbiamo migliorato la moto, quindi sono abbastanza felice”.

Eugene Laverty, azione Bonovo BMW Racing Team (SP: 18 / R01: 14 / SP Race: 19 / R02: 11): “La gara della Superpole è stata un disastro onestamente, è stata la peggior gara dell’anno. Abbiamo avuto un problema con la parte posteriore della moto e non avevamo grip al posteriore. Poi l’abbiamo cambiata per la seconda gara e trasformato la moto. Sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto oggi. È stata una bella sorpresa essere al top dell’indipendenza. Questo risultato è positivo per l’intera azione di Bonovo BMW Racing Team, dato che ha lavorato così duramente tutto l’anno senza molti risultati da parte mia, quindi sono felice di poter finalmente consegnare.

Loris Baz, Bonovo action BMW Racing Team (SP: 6 / R01: 16 / SP Race: 9 / R02: 17 ): “In realtà sono deluso. Tutte noi BMW abbiamo faticato qui e penso che non fosse la pista più facile per noi, ma penso di aver guidato abbastanza bene per tutto il weekend. Ho fatto una buona Superpole, ieri stavo faticando, ma stamattina abbiamo migliorato la moto. Siamo riusciti a essere tra i primi nove della Superpole. Ho avuto un’ottima partenza nella seconda gara, ero tra i primi cinque e poi stavo solo cercando di guidare dolcemente e di non usare le gomme. Bassani mi ha fatto fuori, quindi è finita. Sono ripartito, sono arrivato 17°, purtroppo senza punti. Venire in Argentina e tutto questo viaggiare per un punto nella gara della Superpole non è una grande ricompensa, ma come squadra abbiamo fatto un ottimo lavoro, non ci siamo mai arresi per tutto il weekend”.