25 Aprile 2024

Le piastre chiodate personalizzate della stampa 3D del BMW Group accelerano la squadra nazionale tedesca di bob.


+++ Il partner tecnologico BMW sta sviluppando piastre chiodate per la Federazione tedesca di bob, slittino e skeleton +++ La tecnologia di stampa 3D dell’ingegneria automobilistica facilita soluzioni personalizzate e cicli di ottimizzazione efficienti +++ L’attenzione è rivolta ai Giochi Olimpici Invernali del 2026 ++ + Materiale fotografico e video disponibile +++
Più sport·Sport invernali


Monaco. Una regola pratica nel bob è che il successo dipende da un terzo del tempo di partenza, da un terzo dell’attrezzatura e da un terzo della prestazione sulla puleggia dello sterzo. Quando si spinge, è la capacità atletica degli atleti ad essere fondamentale, ma come nell’atletica leggera, anche le calzature influiscono sulla capacità di generare la massima accelerazione. Tuttavia, mentre sono disponibili molti tipi diversi di scarpe chiodate adattate alle esigenze delle diverse discipline e alle preferenze personali per lo sport ad alte prestazioni sulla pista scozzese, mancano da tempo prodotti comparabili per il canale del ghiaccio.

In qualità di partner tecnologico della Federazione tedesca di bob, slittino e scheletro (BSD), il BMW Group è impegnato a cambiare questa situazione e, utilizzando processi di stampa 3D provenienti dallo sviluppo e dalla produzione automobilistica, dispone anche del metodo perfetto e delle competenze necessarie per implementare il progetto .

File definite di chiodi sono fissate in modo permanente sulla zona della punta delle suole delle tradizionali scarpe da bob; questi chiodi non possono essere sostituiti né spostati, per cui una volta consumati i chiodi la scarpa è destinata alla spazzatura. La soluzione su cui stanno lavorando BMW e BSD si basa su scarpe da atletica leggera, per le quali vengono utilizzate filettature per chiodi a vite per fissare piastre chiodate su cui i chiodi a punta possono essere distribuiti in gran parte senza restrizioni. Ciò combina diversi vantaggi. Esiste un’ampia selezione di stili di scarpe, quindi gli atleti possono utilizzare una scarpa adatta alle loro esigenze individuali. Il materiale e la geometria della piastra, nonché il posizionamento dei chiodi a punta, possono essere utilizzati per variare la rigidità e, soprattutto, la trasmissione della potenza al ghiaccio. Per quanto riguarda gli stili di corsa individuali e le diverse traiettorie di corsa che le diverse posizioni comportano, soprattutto in un bob a 4, ciò garantisce una migliore accelerazione di quanto le punte standard potrebbero mai consentire.

In pratica, ciò significa che le piastre chiodate personalizzate devono essere progettate e prodotte in modo efficiente per ogni atleta, un compito con cui il Centro di produzione additiva del BMW Group è molto familiare. Qui, plastica e metalli vengono utilizzati per produrre un gran numero di componenti senza la necessità di attrezzi o stampi. “Utilizziamo la stampa 3D per realizzare componenti per prototipi, pezzi unici personalizzati e per la produzione in serie da oltre 30 anni”, ha affermato Claudia Rackl, Progetti e qualifiche di produzione additiva del BMW Group. “I principali vantaggi della stampa 3D sono il risparmio di tempo e costi, nonché un elevato grado di flessibilità. Ciò ci consente di produrre, testare e ottimizzare rapidamente diverse varianti in modo efficiente”.

Gli ingegneri del BMW Group hanno trasferito questa competenza dall’ingegneria automobilistica direttamente al bob. La geometria delle piastre chiodate viene sviluppata utilizzando un software e allineata automaticamente con la topografia delle singole scarpe, che è stata registrata da uno scanner 3D. Le piastre chiodate vengono quindi stampate mediante saldatura laser della corrispondente polvere metallica strato dopo strato.

Attualmente vengono testate e perfezionate diverse leghe e geometrie fino a trovare il risultato ottimale, proprio come nella ricerca e nello sviluppo automobilistico. Una volta determinati i parametri di base ideali, il software può adattare automaticamente il design della piastra chiodata a qualsiasi tipo di scarpa, a qualsiasi misura di scarpa e a qualsiasi numero di punti di attacco sulla suola della scarpa. Sarà anche possibile produrre piastre chiodate speciali per le esigenze individuali degli atleti o anche per diverse condizioni meteorologiche e del ghiaccio.

“Abbiamo testato le piastre chiodate in Coppa del Mondo e abbiamo ricevuto molti feedback positivi dagli atleti”, ha detto l’allenatore di bob René Spies. “Tuttavia, sono ancora necessarie alcune modifiche qua e là, ma ci aspettiamo di avere le scarpe perfette per competere al più tardi entro i Giochi Olimpici Invernali del 2026.”

Ciò creerebbe quindi le condizioni ideali per il primo terzo sulla strada verso il successo, l’orario di inizio ottimale.