14 Luglio 2024

Renault e l’evoluzione dei touchscreen: una storia interattiva di ergonomia e design


Dal lancio di Clio IV e ZOE nel 2012, al centro della plancia dei veicoli Renault si trova un display multimediale touchscreen. Inizialmente di piccole dimensioni, offriva funzioni di base come la navigazione e le impostazioni audio. Con il folgorante avvento del digitale, i conducenti vanno alla ricerca di una user experience più intuitiva e user-friendly che oggi è offerta dal display unificato OpenR a forma di L rovesciata che si trova, ad esempio, a bordo di Scenic E-Tech Electric e Austral. OpenR è il punto di riferimento odierno per design, ergonomia ed innovazione.

I designer Renault come pongono queste esigenze al centro del processo di sviluppo dei display dei nuovi modelli?

Come riescono a prevedere le esigenze e le tendenze per creare lo schermo giusto al momento giusto?

L’evoluzione dei touchscreen nell’abitacolo è, innanzitutto, una storia in divenire. Per saperne di più, ci siamo avvalsi delle competenze di Stéphane Maiore, Chief Designer Interni Renault, e di Marc Pinel, Chief Advanced Experience Design.

Allacciate le cinture e benvenuti a bordo!

I display GPS e multimediali, integrati nella plancia della maggior parte dei veicoli moderni, hanno iniziato a sostituire le autoradio nei primi anni 2000. A quei tempi si azionavano “manualmente”, usando una rotella o un joystick. Poi, per una migliore ergonomia e grazie ai progressi tecnologici, i display sono diventati touch.

Clio III Fase 2 con sistema di navigazione Carminat TomTom (2008)

Renault ha iniziato a sviluppare i touchscreen verso il 2007, nel periodo di progettazione di Clio IV. All’inizio è stato difficile convincere i dirigenti a passare ai touchscreen! Ecco perché, per tanto tempo, la ridondanza di comandi con l’irrinunciabile rotella!

Stéphane Maiore, Chief Designer Interni Renault

Un joystick a portata di mano

Nel 2012, ZOE è stato il primo veicolo Renault a dotarsi di touchscreen, con Clio IV

È nel 2013 che arrivano sul mercato Clio IV e ZOE, i primi due modelli Renault dotati di display centrale touchscreen. A quei tempi, il display da 7’’ consentiva al conducente di gestire il sistema multimediale R-Link ed accedere a radio, navigazione e impostazioni dell’auto in modo centralizzato, il tutto a portata di mano.

Prima della transizione completa ai touchscreen, quello stesso anno, il joystick, che fino a quel momento serviva per gestire i display centrali non touch, è stato migliorato con un asse multidirezionale per facilitare la navigazione nell’interfaccia multimediale R-Link. Questa novità è stata proposta su Scenic XMOD e sulla gamma Megane, mentre su Espace IV è stato sviluppato un poggiamano per agevolare l’uso del joystick e quindi del display.

Il joystick per comandare il display è resistito qualche anno, nonostante l’avvento del touchscreen

Con il passare degli anni, Renault ha continuato a sviluppare i touchscreen presenti negli abitacoli dei suoi modelli, rendendoli più grandi, reattivi e sofisticati.

Il passaggio dal joystick al full touch si è imposto in breve tempo affinché gli utenti potessero riprendere le abitudini già acquisite con i telefoni e i tablet.

Marc Pinel, Chief Advanced Experience Design

Sulle orme degli smartphone
I touchscreen dei veicoli, proprio come quelli degli smartphone, hanno acquisito maggiore reattività con il passare del tempo, tanto più che la memoria e i processori che fanno girare i sistemi multimediali “dietro lo schermo” sono diventati sempre più potenti. Anche l’ecosistema che gestisce i display è progredito con funzioni avanzate, come la connettività con gli smartphone, i comandi vocali e la compatibilità con gli assistenti virtuali. Anche le App disponibili a bordo si sono moltiplicate, per un’esperienza più ricca e sempre più personalizzata.

Con il passare degli anni si moltiplicano le nuove funzioni dietro i touchscreen

A livello di forma, il 2014 è l’anno della svolta, agli antipodi degli standard automobilistici di quei tempi: la quinta generazione di Renault Espace si dota di un touchscreen verticale – anziché orizzontale – da 8,7’’, sempre con l’obiettivo di offrire agli utenti un’esperienza simile a quella degli smartphone. Grazie alla connettività, il display dà accesso alle previsioni meteo, alle informazioni sul traffico in tempo reale e alle funzioni di ricerca locale.

Nel 2014 Espace V è il primo veicolo Renault con touchscreen verticale

Stéphane Maiore ci riporta ai primi test:

Nel 2010, abbiamo attaccato un IPad al cruscotto con lo scotch per vedere l’effetto che faceva il formato verticale. Siamo stati i primi a proporre display di questo formato con tale orientamento.

Marc Pinel aggiunge:

L’idea era quella di mostrare la velocità di interazione e il vantaggio del display verticale per visualizzare le mappe.

Il posizionamento verticale del touchscreen multimediale si diffonde a macchia d’olio all’interno della gamma: ne saranno dotati anche Megane IV (2016), Koleos II (2017), Clio V (2019) e Captur II (2019).

Plancia di Clio V Fase 2 versione Esprit Alpine (2023)

Doppio display OpenR: il top delle competenze
Nel frattempo, i designer stavano già pensando alla mossa successiva, consci della velocità di sviluppo delle tecnologie digitali. Le due tendenze inevitabili in quel momento erano l’aggiunta di un secondo display sul cruscotto, di fronte al conducente, e l’esigenza di un’ergonomia migliore e più sicura.

È così che è nato un display con una forma nuova, per integrare il driver display e lo schermo multimediale: si tratta del “doppio schermo all-in-one” a forma di L rovesciata (L-Shape) testato su concept-car come TreZor (2016), SYMBIOZ (2017) e MORPHOZ (2019).

Genesi del progetto TreZor, design di Laurent NEGRONI (2015)

Genesi del progetto Symbioz, design di Vincent TURPIN (2017)

Genesi del progetto Morphoz, design di Maximilian KANDLER (2020)

Genesi del progetto Megane E-Tech Electric, design di Carlos BARTOLOME (2021)

Il nuovo display viene montato per la prima volta su un modello di serie nel 2022, ossia su Megane E-Tech Electric. Si chiama OpenR e ha un effetto sorprendente!

Il doppio display touchscreen OpenR Link nasce nel 2021. Inizialmente montato su Megane E-Tech Electric, sarà successivamente in dotazione anche di altri modelli del segmento C.

Il touchscreen OpenR è composto da un display verticale da 12’’ ed uno orizzontale da 12,3’’ che coprono complessivamente una superficie di 774 cm2.

Funzionalità, estetica ed eleganza sono state le tre parole chiave della progettazione di OpenR:

Con il display OpenR, volevamo concentrare in un solo oggetto un unico sistema. Il tutto con un display per la guida ed un display per le funzioni multimediali, ha spiegato Marc Pinel

L’idea ispiratrice ha dato vita ad una vera e propria simbiosi tra il sistema digitale e la configurazione del display, dove “tutto è al suo posto”.

Oltre alle questioni pratiche, ha un design che trascende il semplice “oggetto funzionale” diventando un’espressione emotiva. Ogni volta che si apre la porta, lo sguardo è attirato dal display: costante richiamo all’alleanza tra tecnologia ed estetica su cui si fonda l’era della Renaulution.

Scenic E-Tech Electric e il doppio schermo OpenR (2023)

OpenR Link: il suo sistema operativo è il frutto di questa filosofia. Semplificando i menu e la navigazione sul display, riduce il numero di operazioni, offrendo un accesso immediato alle principali funzioni. Un grande progresso per l’ergonomia dell’abitacolo, che libera l’utente da vincoli superflui.

Customer experience, una spinta all’innovazione
La vera rivoluzione dell’inedita forma del display OpenR è stata quella di capire e prendere in considerazione le abitudini e le esigenze degli utenti.

In questa costante ricerca del miglioramento e dell’innovazione, abbiamo adottato un approccio pratico per questo progetto: ricorso a panel di clienti per testare i prototipi in tempi rapidi e con regolarità.

Nella fase di sviluppo di Megane E-Tech Electric e del display OpenR, abbiamo realizzato in reparto un mock-up di abitacolo statico per effettuare test con utenti reali, ci ha confidato Marc Pinel

Questo approccio ci ha permesso di ottenere feedback preziosi, in modo da prendere spunto per adattare gli sviluppi in un processo di miglioramento continuo.

Marc Pinel rivela che, dovendo scegliere tra il sistema di bordo e le proprie App per smartphone preferite, molti clienti partecipanti ai test preferivano optare per la comodità del proprio cellulare attaccato al cruscotto con una ventosa. Per OpenR, la soluzione era quindi ovvia: integrare queste App familiari nell’ecosistema dell’auto, offrendo così un’esperienza di guida più simile a quella degli smartphone e, soprattutto, in cui poter riporre assoluta fiducia.

Waze è ora completamente integrato nel sistema multimediale OpenR Link

Per capire queste esigenze dobbiamo immergerci nel mondo digitale, dove le tendenze evolvono a velocità vertiginose, a differenza del ciclo di rinnovamento dell’auto. «Tra Clio IV e V, ci sono sei generazioni di iPhone!» ci ricorda Stéphane Maiore, per aiutarci a capire la differenza.

Quale futuro per i touchscreen di bordo?
Il doppio schermo OpenR a forma di L rovesciata, odierno simbolo di innovazione, non è necessariamente adatto a tutte le esigenze e a tutti i veicoli. Nella recentissima Renault 5 E-Tech Electric, il driver display da 10,1’’ e lo schermo multimediale da 10’’ sono tornati al posizionamento orizzontale.

Perché? Per una questione di coerenza con un design interno composto da una plancia interamente orizzontale e, naturalmente, di ergonomia.

Il doppio schermo orizzontale di Renault 5 E-Tech Electric è in simbiosi con la plancia

Si capisce perfettamente cosa vuol dire “Non c’è due senza tre” quando si vede l’inedito display panoramico a tre pannelli di Renault Grand Koleos, modello di recente svelato sul mercato coreano. Questo touchscreen mantiene la posizione orizzontale ma si sviluppa fino al passeggero del sedile anteriore coinvolgendolo completamente nell’esperienza multimediale di bordo.

L’inedito cruscotto di Renault Grand Koleos

Il display può essere fonte di distrazione per cui è importante decidere dove posizionarlo. Ecco perché la prossima generazione di display darà priorità alla sicurezza, riducendo al minimo i disturbi della visione periferica

Marc Pinel

Questa sfida va di pari passo con la necessità di adattare costantemente la forma dei display per seguire l’evoluzione del digitale, garantendo al tempo stesso una user experience ottimale e sicura.

Il futuro dei nostri abitacoli passa dalla continua ricerca di innovazione, adattamento e sicurezza al servizio di un’esperienza di guida sempre più ergonomica, fluida ed intuitiva. L’analisi critica degli attuali concept ci spinge a guardare al futuro con lucidità: forse un giorno diventerà necessario nascondere i display per conciliare accessibilità e discrezione.