Settembre 20, 2020

Il famoso velista internazionale e ufficiale di regata Iain Murray prenderà nuovamente le redini come regista indipendente per la 36a America’s Cup presentata da Prada

  tra cui la serie di selezione di sfidanti della Prada Cup e l’evento ACWS Auckland, inclusa la Christmas Race.

È stato nominato congiuntamente dal Defender Emirates Team New Zealand e dallo Challenger of Record (COR36) e prende il posto di John Craig, che si è dimesso dalla carica alla fine dell’anno scorso. La 36a America’s Cup sarà la terza volta che ricopre il ruolo, in un evento a cui ha anche partecipato come skipper e designer che attraversa le epoche di 12 metri, IACC e Multihull dell’America’s Cup dal 1983 al 2017.

Dal 2010-17 Murray è tornato all’America’s Cup e ha ricoperto il doppio ruolo di Regatta Director (34a e 35a America’s Cups) e CEO di America’s Cup Race Management (ACRM). L’ACRM era un ente neutrale e indipendente incaricato di tutti gli aspetti sportivi e logistici delle World Series dell’America’s Cup tenutesi durante entrambe le campagne. Murray ha una illustre carriera velica, tra cui numerosi campionati del mondo di 18 piedi Skiffs ed Etchells, quattro campagne di Coppa America, una campagna di stelle olimpiche e ha anche navigato 26 volte nell’iconica gara di yacht Sydney-Hobart, tra cui tre vittorie complessive.

Iain Murray conosce bene il Waitemata Harbour, sarà un ritorno nel luogo in cui ha lasciato i suoi primi segni sulla scena velica internazionale, con due importanti vittorie. Il primo fu come uno studente di 17 anni in cui progettò, costruì e navigò una nave da 12 piedi, Sunset Hotels, per vincere il titolo di nave da crociera 12ft Interdominion del 1976 al suo secondo tentativo da una flotta di 24 barche dall’Australia e dalla Nuova Zelanda.

È tornato un anno dopo per il JJ Giltinan Trophy, il campionato mondiale non ufficiale della classe skiff 18ft. Ancora una volta ha skipperato una barca che aveva progettato e costruito da solo, per la sua seconda inclinazione al prestigioso trofeo. Entrando nella gara finale della serie il veterano australiano Dave Porter a bordo della KB, sembrava aver fatto abbastanza per conquistare il titolo, arrotondando il segno finale, Rough Rock, con un vantaggio di oltre cinque minuti. 

Navigando in una brezza terrestre di 25-30 kt, in un vento molto imbarazzante contro lo stato del mare di marea, Murray timonando la vela Color 7 chiese lo spinnaker, che alla fine si mise in moto, e con il suo equipaggio accatastati a poppa dello scafo con scafo rosso, puntò direttamente verso il traguardo appena visibile nell’oscurità ciclonica e nella pioggia. Il leader della gara KB, dopo aver seguito un percorso conservativo, ha provato a muoversi in un angolo scomodo del percorso, costretto da scogliere e fondali bassi. La fortuna ha favorito i coraggiosi, e Murray ha tagliato l’angolo, sulla sfortunata KB, ha lavorato intorno a North Head e ha corso dritto verso il traguardo per strappare il titolo con una brillante mostra di gestione della barca. Quella vittoria è stata la prima di sei vittorie consecutive nel JJ Giltinan Trophy per Murray e Color 7. Nel 2008, rimanendo con lo stesso sponsor, Murray è stato il responsabile del programma per la squadra di Seve Jarvin con skipper Gotta Love it 7 che ha vinto sette JJ Trofei del Giltinan tra il 2008 e il 2015. 

Murray ha navigato la sua prima Coppa America nel 1983 nell’avanzata di 12 metri, prima di vincere le prove di difesa australiane nel 1987 a Kookaburra – che è stato sconfitto da Dennis Conner in Stars & Stripes ’87. La sua terza Coppa America è stata su Spirit of Australia, eliminata prima delle semifinali. Era a bordo della One Australia quando affondò nell’America’s Cup del 1995.

Murray, un velista internazionale di barche a chiglia unica, ha rappresentato l’Australia alla regata olimpica di Qingdao del 2008 nella classe Star finendo 14 °. È stato campione del mondo Etchells nel 1984 e nel 2019.

Competente concorrente e designer offshore, Murray è stato parte integrante della campagna Wild Oats XI dal suo lancio nel 2005, fino ai giorni nostri, vincendo la linea onori nove volte nel classico Rolex Sydney Gara di yacht Hobart. Grant Dalton: “È molto gratificante per noi aver assicurato i servizi di un funzionario così rispettato come Iain, poiché apporta una vasta esperienza e integrità al ruolo di direttore della regata con una comprovata esperienza negli ultimi due cicli della Coppa America. Soprattutto nei suoi Color 7 giorni, Iain era il mio eroe, non credo che lo abbiamo mai battuto. “

Matteo Plazzi, direttore tecnico di COR 36, ha dichiarato: “Conosco Iain da molti anni e ho assistito alla sua profonda conoscenza, competenza e comprensione dello yachting e delle regate. L’esperienza come regista regata che ha sviluppato in due “sventando” i cicli dell’America’s Cup e la correttezza che ha dimostrato in quegli anni sarà una risorsa di primaria importanza per condurre le regate con questa classe di yacht senza precedenti “.