Settembre 19, 2020

Audi A3: genealogia della prima compatta premium

  • Quattro generazioni, cinque milioni di esemplari venduti nel mondo e una costante propensione all’innovazione tecnica e stilistica
  • Nel 1996, il debutto di Audi A3 ha coinciso con la nascita della classe compatta premium. Cura costruttiva, eleganza sportiva, affidabilità e prestazioni al top le ragioni del successo
  • Trazione anteriore o quattro, motori turbo benzina, TDI, plug-in, a metano e ora anche mild-hybrid: Audi A3 è, da sempre, un unicum sul mercato per versatilità
  • Nelle Concessionarie, nel corso del secondo trimestre 2020, la quarta generazione: al look muscolare si affiancano la marcata digitalizzazione dell’abitacolo e dotazioni hi-tech derivate dai modelli Audi di categoria superiore

Nel 1996, il debutto di Audi A3 ha coinciso con la nascita della classe compatta premium. Da allora, la berlina dei quattro anelli è stata prodotta in oltre 5 milioni di esemplari e si è evoluta costantemente nello stile e nella tecnica, attraversando quattro generazioni e inanellando una serie di primati che ne fanno uno dei modelli più innovativi e rappresentativi della gamma Audi. Ora, la quarta serie della berlina di Ingolstadt alza ulteriormente l’asticella grazie al design più sportivo di sempre, alla marcata digitalizzazione dell’abitacolo, all’infotainment e ai sistemi di ausilio alla guida derivati dai modelli Audi di categoria superiore nonché a un portfolio di powertrain che costituisce un unicum sul mercato.