Settembre 23, 2020

La vita si misura nei risultati, non solo negli anni”: Bruce McLaren

La McLaren celebra il 50 ° anniversario della morte di Bruce McLaren con una cerimonia privata presso la sede dell’azienda a Woking, Surrey, Regno UnitoLa figlia Amanda McLaren svela la statua a grandezza naturale di suo padre in commemorazione della sua vita e dei suoi successi
 Il pionieristico pilota e ingegnere fu ucciso a 32 anni il 2 giugno 1970, mentre stava testando un’auto da corsa McLaren M8D Can-Am sul circuito di Goodwood nel West Sussex, Regno Unito



Famoso vincitore del Gran Premio di Formula 1, dei campionati Can-Am e della 24 Ore di Le Mans come pilota, e fondatore nel 1963 di Bruce McLaren Motor Racing Ltd – la base della McLaren di oggi
La McLaren oggi ricorda la vita e le conquiste di Bruce McLaren, che nel 1963 fondò Bruce McLaren Motor Racing Ltd, la società che si è evoluta in quasi sei decenni per diventare la McLaren di oggi.Il 2 giugno 2020 segna mezzo secolo dalla morte del pionieristico pilota automobilistico e ingegnere, che fu ucciso nel 1970 mentre testava una delle sue auto da corsa Can-Am sul circuito di Goodwood nel West Sussex, nel Regno Unito. In commemorazione di suo padre, Amanda McLaren, ambasciatrice del marchio McLaren Automotive, ha svelato una statua a grandezza naturale di Bruce McLaren durante una breve cerimonia privata presso il McLaren Technology Center (MTC) a Woking, Surrey, Regno Unito.Sono state inoltre collocate 50 candele accese intorno a una McLaren M8D del 1970 esposta presso la sede della McLaren. La “macchina gemella” della M8D in cui fu ucciso Bruce McLaren, fu portato alla vittoria del campionato nella serie di gare Can-Am del 1970 dal compagno di squadra di Bruce e Denny Hulme, compagno di corse del Kiwi. Questa è stata la seconda volta che Hulme si è assicurato il campionato, la McLaren ha ottenuto gli onori nel 1967 e nel 1969. Il team della McLaren ha dominato le corse Can-Am dal 1967 per cinque anni consecutivi. 

Amanda McLaren, figlia di Bruce McLaren, ha dichiarato:  “È un onore celebrare il 50 ° anniversario della morte di Bruce McLaren svelando questa statua meravigliosamente realizzata per commemorare la sua vita e le sue conquiste. Quando mio padre morì nel giugno 1970 – appena 12 anni dopo essere venuto nel Regno Unito dalla Nuova Zelanda – aveva già fatto così tanto per realizzare le sue ambizioni, ma il meglio doveva ancora venire. I successi della McLaren per oltre 50 anni nella Formula 1, tre vittorie di Indianapolis 500, cinque successivi campionati Can-Am, la vittoria storica nella 24 Ore di Le Mans del 1995 e le supercar e hypercar progettate, sviluppate e costruite sotto lo stendardo della McLaren, tutti sono la sua eredità.  “Il 2 giugno è sempre un appuntamento emozionante per noi ed è particolarmente vero quest’anno. Avere “Papà” a guardare la McLaren è incredibilmente commovente e so che sarebbe stato molto orgoglioso dei risultati raggiunti in suo nome “.

 Zak Brown, CEO, McLaren Racing, commented: “Oggi, in occasione del 50 ° anniversario della morte di Bruce McLaren, ricordiamo ciò che ha creato. Bruce era un pilota, un innovatore e un leader, e tutti noi della McLaren ci sforziamo ogni giorno di seguire l’esempio che ci ha dato. Bruce è un eroe del nostro sport, immortalato da questa statua che è circondata dalla sua eredità.“Ci prendiamo un momento in questo giorno importante per piangere la sua perdita, ma anche per trarre ispirazione dalla sua vita. Lo spirito di Bruce vive attraverso tutte le persone che lavorano alla McLaren oggi. Corriamo in suo onore, senza paura in avanti, alla ricerca del meglio. ”  La statua in bronzo di Bruce McLaren è stata creata dal pittore e scultore Paul Oz. Riconosciuto a livello mondiale per la sua arte ispirata al motorsport, Oz era stato precedentemente incaricato da McLaren Racing di produrre una scultura di Ayrton Senna che è anche all’MTC. Senna ha guidato per la McLaren per sei anni, vincendo tutti e tre i suoi campionati mondiali di Formula 1 al volante di una McLaren nel 1988, 1990 e 1991. Lo stesso Bruce McLaren ha debuttato con il team McLaren appena formato nelle gare del Grand Prix nel 1966, gareggiando a Monaco. Consegnò anche la prima vittoria del Grand Prix della McLaren, vincendo nel 1968 sul circuito di Spa-Francorchamps in Belgio. Questa è stata la quarta vittoria di Bruce in Formula 1, aggiungendo alle tre che ha registrato guidando per Cooper. La squadra che porta ancora il suo nome da allora ha ottenuto un totale di 182 vittorie in gara, portando 12 Campionati Mondiali Piloti e 8 Campionati Mondiali Costruttori a diventare la seconda squadra di maggior successo in Formula 1. McLaren ha anche tre vittorie di Indianapolis 500 al suo nome e all’inizio di quest’anno il team è tornato alla competizione IndyCar a tempo pieno per la prima volta in 40 anni.Mentre lo stesso Bruce McLaren non ha mai prodotto auto da strada in nessun numero, il nome della McLaren è stato ulteriormente cementato nella storia automobilistica con l’introduzione nel 1992 della McLaren F1, la vettura che è famosa per le sue vesti di gara di endurance 24 Ore di Le Mans 1995 al primo tentativo della squadra. Ulteriori omaggi saranno condivisi sul sito Web della McLaren oggi alle 12:19 BST – l’ora in cui Bruce ha lasciato il circuito di Goodwood per l’ultima volta martedì 2 giugno 1970