Settembre 26, 2020

ANTEPRIMA AUSTRIA E STIRIANA

Pierre Gasly (# 10)“Dopo che l’Australia è stata cancellata, sono andata a Dubai, poiché quello era sempre stato il mio piano per andarci prima di trasferirmi in Bahrain per la seconda gara. Ho pensato di passare lì due o tre giorni per vedere come si è evoluta la situazione. che l’Italia aveva chiuso i suoi aeroporti, quindi non potevo tornare lì e non volevo nemmeno tornare in Francia e forse mettere a rischio la mia famiglia dopo tutti i voli su cui ero stato. Così, ho deciso di rimanere Dubai con il mio allenatore ed effettivamente abbiamo tenuto un campo di addestramento di due mesi, le restrizioni a Dubai erano praticamente le stesse dell’Europa e dovevi indossare una maschera e guanti per uscire dall’appartamento.

“Alla fine, sono tornato in Francia a metà maggio, è stata un’esperienza strana, con un aeroporto quasi deserta di Dubai e nessun volo diretto per la Francia, quindi sono dovuto andare via Francoforte. Tutto è andato in ritardo, ho perso il treno e ho finito con un sette ore di auto per tornare a casa! È stato bello passare un po ‘di tempo con loro, perché di solito non li vedo molto durante l’anno. Non ho mai avuto una pausa così lunga dalle corse o dal volo, come di solito in aeroporto ogni pochi giorni, né ho mai trascorso due mesi in un posto prima, da quando avevo forse dieci anni.



“A Dubai, probabilmente mi sono allenato per 58 giorni su 60, quindi fisicamente sono nella migliore forma della mia vita e sono davvero migliorato. Ho trascorso un po ‘di tempo giocando in linea con alcuni amici e ho anche deciso di migliorare il mio Italiano e ho preso alcune lezioni on line. Ho anche lavorato per ottenere la patente di pilotaggio della mia barca, oltre a fare del vero kart e giocare a golf. Quando sono tornato a casa in Francia, ho continuato con il kart e ho anche preso parte alla F1 virtuale e le gare di Le Mans, che è stata un’esperienza fantastica. È stato divertente e ha riempito il tempo. Mi sono anche tenuto in contatto con il team, parlando con Franz ogni settimana, così come con il mio ingegnere. Infine, siamo riusciti a guidare una vera Formula 1 di nuovo a Imola per il giorno delle riprese, prima nell’auto del 2018 e poi in quella di quest’anno. È stato incredibile, soprattutto a Imola, una delle mie piste preferite, dove ho corso l’ultima volta nel 2012.Mi ha reso super felice.

“Mi mancano le corse, l’adrenalina, la competizione e la velocità, quindi è super che possiamo ricominciare. Sarà molto impegnato con una gara quasi ogni settimana, quindi è un momento molto eccitante in questo momento. È un peccato che ci sarà non essere fan nelle prime gare, ma ritengo sia stato importante iniziare la stagione il prima possibile e nel modo più sicuro possibile. Spero che le cose si liberino nei prossimi mesi.
Mi fido di tutti i requisiti di sicurezza. ci sono certamente molte restrizioni in termini di come possiamo muoverci e parlare con le persone, con tutti i tipi di regole relative alla salute in atto. Non è semplice e prenderemo tutte le precauzioni necessarie. Per i conducenti, almeno quando ci troviamo l’auto, sembrerà tutto normale. È fuori che le cose sono più complicate “.

Daniil Kvyat (# 26)“Dopo che la gara di Melbourne è stata annullata, volevo solo tornare a casa il più presto possibile, perché è lì che vuoi essere in questo tipo di volte. Appena sono tornato, il blocco è iniziato, quindi ero praticamente in quarantena nella mia casa di Monaco. Sono stati tempi interessanti, un po ‘diversi, ma abbiamo cercato di adattarci per trovare alcune cose diverse da fare, incluso un po’ di sport in quanto era importante non stare semplicemente seduti a fare nulla. Alcuni aspetti non erano così male e ho dormito un po ‘più del solito! Ma dopo un po’ è diventato abbastanza monotono. È stato il tempo più lungo che ho passato senza guidare una vera macchina da corsa a parte quando avevo un anno di pausa dalla Formula 1, quindi ho sperimentato questo tipo di lunga pausa prima.

“Non appena le piste di kart sono state riaperte all’inizio di maggio, sono stato subito lì. È stato bello guidare di nuovo e ho fatto parecchio ed è stato un modo utile per mantenere viva la tua memoria muscolare per guidare e correre, oltre ad essere divertente.

“Durante il blocco, sono rimasto in contatto con Mattia, il mio ingegnere di gara. In effetti, ho un piccolo simulatore a casa e insieme a lui, abbiamo fatto alcune simulazioni di qualificazione. Lo collegherei tramite un iPad che avevo accanto a me e simuleremmo una sessione di qualifica e lui mi parlava come se lo stessimo facendo davvero su una pista reale. Era il meglio che potevamo fare. So che molti altri piloti di F1 hanno fatto molto di questa corsa sim , ma devo dire che non è davvero la mia cosa in quanto non credo sia molto rappresentativo di guidare una macchina reale. Al momento, non sono stato in grado di venire nel Regno Unito e utilizzare il vero simulatore del team a causa di tutto il restrizioni di quarantena in atto, quindi dovremo vedere come si svilupperà questa situazione nelle prossime settimane.

“Per quanto riguarda le corse attuali e lo sviluppo di questa stagione, la prenderemo solo una volta alla volta. Corro dove mi viene detto di farlo sulla base del fatto che le persone che gestiscono lo sport hanno fatto il loro lavoro e hanno deciso che sicuro di farlo per noi stessi e per tutti coloro che ci circondano. Confido che siamo in buone mani e che avremo un calendario adeguato da seguire ed eseguire. Spero che non ci siano sorprese inaspettate. la pista, abbiamo lavorato in queste condizioni nel nostro recente giorno di riprese e direi che è qualcosa a cui ti abitui abbastanza rapidamente, proprio come quando ad esempio Halo è stato presentato per la prima volta. Ti ci abitui dopo poche ore. ci dovremo abituare sarà la mancanza di fan. Sarà strano vedere le tribune vuote,la folla è un aspetto importante di tutto lo sport e ci mancherà.

“Per come andremo avanti, è difficile dirlo. In termini di dati sui tracciati da guardare, abbiamo solo ciò che abbiamo acquisito a Barcellona in inverno. Ci presenteremo in Austria con un buon piano per affrontare la Red Bull Suona e poi vedremo. È una pista che mi piace, con un layout vecchio stile con molte curve veloci e mi è sempre piaciuto correre lì. Saremo lì per un po ‘con le due gare schiena contro schiena ed è un bel posto in cui stare, in campagna, quindi significa che possiamo allenarci all’aria aperta “.
 Finalmente torneremo a correre questo fine settimana e in perfetto orario ecco il nostro Grand Prixview austriaco. Abbiamo chiesto a Pierre e Daniil come avrebbero gestito uno scenario di gara specifico: vale a dire che stai guidando la P7 con un buon ritmo. Ti accontenti di questo o rischi di spingere per P6?