Ottobre 22, 2020

Foglie cadute, pioggia e nebbia: le sfide dell’autunno

  • L’autunno è la stagione più impegnativa per i conducenti a causa di eventi meteorologici che influiscono gravemente sulla guida
  • Le spazzole del tergicristallo in cattive condizioni possono ridurre la visibilità tra il 20% e il 30%
  • Le foglie sulla strada riducono l’aderenza degli pneumatici come quando si guida sulla neve
  • La frenata automatica, il mantenimento della corsia o gli assistenti abbaglianti sono di grande aiuto in questa stagione

UNL’autunno è la stagione dei colori. Le tonalità gialle, arancioni e marroni del paesaggio rendono seducenti fughe del fine settimana. D’altra parte, è anche la stagione più impegnativa per i conducenti, poiché devono affrontare le foglie cadute sulle strade, il freddo, la pioggia e periodi di oscurità più lunghi. Tutte queste condizioni richiedono che tu faccia un check-up stagionale della tua auto e di adattare la tua guida di conseguenza. Di seguito sono riportati 10 consigli per una guida spensierata in autunno.

1. Precauzione millimetrica. Il pavimento diventa freddo e umido in autunno, quindi è fondamentale controllare gli pneumatici. La profondità e la pressione del battistrada hanno un impatto importante sull’aderenza e sulla capacità di frenata, quindi gli esperti raccomandano che il battistrada sia profondo più di 2 mm e mai inferiore a 1,6 mm, poiché potresti perdere completamente trazione quando si guida su una superficie bagnata a 90 km / h . Inoltre, assicurati di controllare che la pressione dei tuoi pneumatici sia corretta una volta al mese.

Il pavimento diventa freddo e umido in autunno, quindi è fondamentale controllare gli pneumatici

2. Le foglie cadute sono scivolose come la neve. Sono belli da vedere, ma le foglie sulla strada, soprattutto se bagnate, rendono la superficie liscia come quando si guida sulla neve. Per questo motivo, il pilota e pilota esperto Jordi Gené raccomanda estrema cautela nelle aree in cui le foglie coprono il marciapiede e di evitare frenate brusche. “Se ti trovi in ​​questa situazione nel mezzo di una curva, non fare movimenti improvvisi dello sterzo, e se le tue gomme perdono aderenza, non cercare di forzare lo sterzo finché non riprendi il controllo” , aggiunge.

Le foglie sulla strada, soprattutto se bagnate, rendono la superficie liscia come quando si guida sulla neve

3. La regola delle 3 V (Visibilità, Veicolo davanti e Velocità). Quando c’è nebbia, e ad esempio puoi vedere solo 50 metri davanti a te, questa è la distanza di sicurezza che dovresti mantenere con qualsiasi veicolo che precede e non superare i 50 km / h. “In questo modo puoi assicurarti di avere spazio di frenata sufficiente in caso di emergenza”, spiega Jordi. L’assistente alla frenata automatica Front Assist è molto utile in quanto controlla la distanza della tua auto dietro altri veicoli e applica automaticamente i freni quando necessario.

Quando c’è nebbia e puoi vedere solo 50 metri davanti a te, questa è la distanza di sicurezza che dovresti mantenere

4. Prevenire l’effetto abbagliamento. Un altro consiglio è aumentare la visibilità con i fendinebbia. Jordi avverte “di non usare mai gli abbaglianti, poiché producono un effetto su un parabrezza appannato che ti impedisce di vedere il profilo dei veicoli davanti a te”.

Quando c’è nebbia, aumenta la tua visibilità con i fendinebbia, non usare mai gli abbaglianti, per evitare l’effetto specchio

5. Buona visibilità sotto la pioggia. Gli esperti dicono che guidare con i tergicristalli in cattive condizioni riduce la visibilità dal 20% al 30%. Dovrebbero essere sostituiti una volta all’anno, e soprattutto in autunno poiché di solito è la stagione più piovosa. Guidare con i finestrini puliti rende più difficile l’appannamento, cosa che puoi evitare anche puntando le bocchette dell’aria calda verso il parabrezza. Il Lane Assist è utile anche in caso di scarsa visibilità, poiché ti avvisa se sterzi fuori rotta e apporta anche piccole correzioni allo sterzo.

Gli esperti dicono che guidare con i tergicristalli in cattive condizioni riduce la visibilità dal 20% al 30%

6. Raddoppia la sicurezza. Non deve solo piovere per rendere il pavimento scivoloso, anche l’umidità e le basse temperature possono fare il trucco. “Per questo motivo, devi stare molto attento quando guidi lungo tratti ombreggiati, soprattutto quando ci sono curve”, dice Jordi. Dovresti mantenere il doppio della distanza di sicurezza su strade bagnate ed è anche consigliabile battere i freni di tanto in tanto per asciugare l’umidità dalle pastiglie dei freni e verificarne l’efficacia.

Quando guidi in autostrada, riduci la velocità e mantieni una presa salda sul volante

7. In una situazione di aquaplaning, dimenticate i freni. In autunno sono frequenti piogge brevi e intense, quindi corri il rischio di aquaplaning. “In questa situazione, non applicare mai alcuna forza ai freni finché le ruote non tornano a contatto con il pavimento e quindi correggere lo sterzo con movimenti delicati del volante” , sottolinea l’esperto.

Di notte, gli abbaglianti sono consigliati sulle strade interurbane con poca visibilità

8. Presa salda sulla ruota quando c’è vento. Anche il vento forte può rappresentare una sfida quando si guida in autostrada. Riduci la velocità e mantieni una presa salda sul volante quando sorpassi i camion, poiché l’effetto schermo può destabilizzare la capacità di sterzata della tua auto.  

9. Nessun motivo per non accendere gli abbaglianti: con l’arrivo dell’ora legale, le giornate si accorciano e più persone guidano nell’oscurità. Le luci corrette sono importanti, poiché il 30% di tutti gli incidenti in Europa avviene di notte. Sono consigliate sulle strade interurbane con poca visibilità finché non c’è nebbia, ma “molti automobilisti non le usano per paura di abbagliare il traffico in arrivo. È qui che l’assistenza agli abbaglianti torna utile ”, spiega Maite París, responsabile dei fari anteriori di SEAT. Questo sistema rileva la presenza di veicoli in entrambe le direzioni e torna automaticamente agli abbaglianti di conseguenza.

10. In una situazione di aquaplaning, dimenticare i freni. In autunno sono frequenti piogge brevi e intense, quindi corri il rischio di aquaplaning. “In questa situazione, non applicare mai alcuna forza ai freni finché le ruote non tornano a contatto con il pavimento e quindi correggere lo sterzo con movimenti delicati del volante” , sottolinea l’esperto.