Gennaio 25, 2021

115 anni di ingegneria automobilistica a Mladá Boleslav: nel dicembre 1905 Laurin & Klement presentarono la Voiturette A

Nel dicembre 1905, la Laurin & Klement Voiturette A pose la prima pietra per 115 anni di ingegneria automobilistica nello stabilimento di Mladá Boleslav
› Nel 2020 ŠKODA AUTO celebra il 125 ° anniversario della sua fondazione nel 1895

Mladá Boleslav- Nel dicembre 1905 Václav Klement e Václav Laurin presentarono al pubblico la loro prima automobile, la Laurin & Klement Voiturette A. Con questa vettura, i due fondatori continuarono la loro produzione di successo di biciclette e motociclette 115 anni fa e allo stesso tempo ha gettato le basi per la futura produzione di automobili nel sito di Mladá Boleslav. Da quel momento, il portafoglio della casa automobilistica ceca è stato caratterizzato da veicoli e tecnologie innovative. ŠKODA attualmente produce dieci serie di modelli e sta proseguendo la sua transizione da un produttore di automobili tradizionale a una “società semplicemente intelligente per le migliori soluzioni di mobilità”.

Quando la prima automobile uscì dai capannoni della fabbrica Laurin & Klement a Mladá Boleslav, l’azienda poteva già guardare indietro a dieci anni di successi commerciali: la produzione delle proprie biciclette con il marchio SLAVIA era iniziata nel 1895 sotto la guida di Václav Laurin e Václav Klement. Il 18 novembre 1899, i due imprenditori ampliarono la loro gamma completa di modelli includendo motociclette dal design innovativo con motori a benzina monocilindrici nella parte inferiore del telaio. Poco dopo, L&K diventerà uno dei primi produttori al mondo a costruire motori a V a due cilindri e motori a quattro cilindri in linea. Le motociclette Laurin & Klement si sono dimostrate molto apprezzate dai clienti e presto hanno ottenuto i loro primi successi negli sport motoristici.

Laurin & Klement hanno investito più di cinque anni di tempo di sviluppo nella loro prima automobile
Per creare ulteriore capacità per la costruzione di veicoli a motore, L&K interruppe la produzione di biciclette e ampliò notevolmente l’area di produzione nel 1905, quando l’azienda impiegò 355 persone che lavoravano su un’area di 9.500 quadrati metri utilizzando 206 macchine utensili. Il prodotto più importante è stata la Voiturette A, la prima automobile di Laurin & Klement. Dopo un periodo di sviluppo durato più di cinque anni, tutti i componenti importanti sono stati progettati e prodotti internamente. L&K ha presentato un’anteprima della Voiturette A nel 44 ° edizione della rivista automobilistica viennese “Allgemeine Automobil-Zeitung” del 29 ottobre 1905. L’articolo ivi pubblicato introduceva un prototipo della “Voiturette”, termine francese che descrive un’automobile compatta e di peso ridotto.

La tecnologia e il design della Voiturette A sono stati ben accolti dai giornalisti
La versione di produzione della L&K Voiturette A apparve finalmente sulla prima pagina del settimanale boemo “Sport a hry” mercoledì 27 dicembre 1905. L’editore Vilém Heinz scrisse un’introduzione dettagliata alla nuova pubblicazione di Mladá Boleslav sotto il titolo “The Democratic Automobile “. L’autore afferma, tra le altre cose: “La Voiturette di Laurin & Klement non è una costruzione superficiale (…) In una parola, il suo aspetto è carino; le linee sono eleganti (…) È un’auto perfetta con due posti (…) La velocità può essere regolata tra 5 e 45 km / h [nota: questa era la velocità massima consentita dal Regolamento automobilistico austriaco]; gli ingranaggi sono progettati per sopportare un’inclinazione del 20%. La conclusione di Vilém Heinz è stata positiva; ha trovato questa “automobile pratica, comoda ed economica”.

Ideale per l’uso quotidiano a un prezzo accessibile
Il 18 gennaio 1906, la Voiturette A ricevette l’omologazione ufficiale per l’uso su strade pubbliche e il 15 aprile L&K presentò il modello ai visitatori del Salone di Praga. Oltre alla sua costruzione, qualità di lavorazione e design, il Tipo A ha conquistato il pubblico con la sua praticità quotidiana e il favorevole rapporto qualità-prezzo. La versione base costava 3.600 corone, mentre un operaio della fabbrica di automobili in quel momento guadagnava, in media, due corone al giorno. La benzina, che all’epoca veniva venduta al chilo, in Boemia costava 66 heller al chilo, il che la rendeva solo leggermente più costosa di un litro di birra.

Tecnologia all’avanguardia e opzioni di personalizzazione complete
La base della L&K Voiturette A era un telaio a scala e due assali rigidi con molle a balestra. Il motore V2 raffreddato ad acqua, montato anteriormente e con un angolo della bancata di 55 gradi, aveva una cilindrata di 1.005 cm 3 e generava una potenza di 7 CV (5,2 kW). Una frizione a cono con rivestimento in pelle trasferiva la coppia al cambio a tre marce a innesto diretto. Un albero cardanico azionava le ruote posteriori – come era tipico per questo tipo di veicoli all’epoca – ma su richiesta era disponibile anche una trasmissione a catena. L’agile vettura, che pesava solo circa 500 chilogrammi, era frenata sia da un pedale che frenava il tamburo dietro il cambio, sia da una leva collegata ai freni a tamburo sull’asse posteriore.

Al posto dei cerchi e dei raggi in legno standard, i clienti potevano optare per ruote a raggi e la disposizione dei posti a sedere poteva essere due sedili singoli o una doppia panca con un vano bagagli dietro. Anche l’illuminazione del veicolo e il tetto erano nell’elenco delle opzioni di equipaggiamento. Oltre ai colori di base rosso, verde e blu, i paesi di lingua francese avevano anche la possibilità di dipingere la Voiturette in grigio. Il bianco era disponibile anche per un supplemento di 50 corone.

Dal 1905 al 1907, almeno 44 copie della Voiturette A furono realizzate da Laurin & Klement. Cinque di loro sopravvivono fino ad oggi, uno dei quali è nella mostra permanente del Museo ŠKODA a Mladá Boleslav.

La Voiturette A fornisce l’impulso per l’ulteriore sviluppo di successo di Laurin & Klement.
La Voiturette A di L&K è diventata un trampolino di lancio per lo sviluppo dinamico dell’azienda. Tra il 1906 e il 1914, le vendite di auto di Laurin & Klement aumentarono di oltre venti volte. Il portafoglio di modelli spaziava dai modelli a due cilindri al tipo FF a otto cilindri in linea del 1907, oltre a numerose versioni di autobus e veicoli commerciali insieme a vetture da corsa di grande successo. Il marchio L&K era già attivo sui mercati internazionali prima della prima guerra mondiale ed è diventato il più grande produttore di automobili dell’Austria-Ungheria.

1925: ŠKODA diventa un partner forte e apre la strada a un’ulteriore crescita
Da quando ŠKODA è salito a bordo come un forte partner strategico nel 1925, i veicoli di Mladá Boleslav operano con il marchio ŠKODA e portano il famoso logo con la freccia alata. A causa della crescente domanda, una produzione efficiente della catena di montaggio ha sostituito la produzione di serie relativamente piccole dal 1932 in poi. Una nuova generazione di modelli ŠKODA dal design innovativo con telaio tubolare centrale e sospensioni a ruote indipendenti segnò un’altra pietra miliare nel 1934. Due anni dopo, il marchio di Mladá Boleslav riconquistò la sua posizione di leader nell’industria automobilistica ceca con veicoli come ŠKODA POPULAR, RAPID e SUPERB.

Dopo la seconda guerra mondiale: azienda statale e inizio della produzione in serie
Dopo la seconda guerra mondiale, la compagnia fu nazionalizzata e dal 1 gennaio 1946 fu chiamata AZNP (Automobilové závody národní podnik – Automobile Works, National Enterprise). Anche nelle difficili condizioni economiche e politiche del comunismo, il produttore ceco ha continuato a prosperare. Il passaggio da carrozzerie con telai in legno a carrozzerie interamente in metallo ha aperto le porte alla produzione di massa su vasta scala a partire dal 1952. L’era dei famosi modelli ŠKODA 440 “Spartak”, OCTAVIA o FELICIA fu seguita nel 1964 da uno dei modelli tecnicamente più avanzati Veicoli europei da un litro dell’epoca: lo ŠKODA 1000 MB con carrozzeria autoportante e motore posteriore. Grazie al successo di questo modello, il moderno stabilimento di Mladá Boleslav ha varcato per la prima volta la soglia dei 100.000 veicoli prodotti all’anno.

Lo sviluppo di ŠKODA dopo l’adesione al Gruppo Volkswagen
Nel 1991, il Gruppo Volkswagen rilevò ŠKODA AUTO, che a quel tempo divenne il quarto produttore della sua alleanza di marchi, e aiutò il produttore ceco a ricominciare da capo dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica. Nel corso dei successivi tre decenni, il marchio è cresciuto da leader di mercato regionale, producendo quasi 200.000 veicoli all’anno, a attore globale che ha consegnato oltre 1,24 milioni di veicoli a clienti in più di 100 paesi nel 2019. Nel 2020, 125 anni dopo la sua fondazione nel 1895, ŠKODA offre dieci moderne serie di modelli e un portafoglio diversificato di propulsori. ENYAQ iV è il modello più recente del produttore nonché il suo primo modello basato sul Modular Electrification Toolkit (MEB), prodotto presso la sede dell’azienda a Mladá Boleslav.

ŠKODA AUTO attualmente gestisce tre siti di produzione nella Repubblica Ceca. A Mladá Boleslav e Kvasiny, il produttore produce principalmente veicoli, mentre lo stabilimento di Vrchlabí produce componenti, in particolare il cambio automatico a cambio diretto (DSG). I modelli ŠKODA escono anche dalle linee di produzione a Bratislava, in Slovacchia, negli stabilimenti cinesi di Yizheng, Nanjing, Ningbo e Changsha, negli stabilimenti russi di Kaluga e Nizhny Novgorod, negli stabilimenti indiani a Pune e Aurangabad, ea Solomonovo, in Ucraina.