8 Dicembre 2021

Laurin & Klement SLAVIA B: La storia di ŠKODA Motorsport è iniziata 120 anni fa tra Parigi e Berlino

La tradizione del motorsport della casa automobilistica ceca iniziò nel 1901 con la motocicletta Laurin & Klement SLAVIA B e il pilota ufficiale Narcis Podsedníček
› Podsedníček tagliò il traguardo come unico partecipante alla classe motociclistica nell’impegnativa gara di lunga distanza Parigi – Berlino nel 1901
› Laurin & Klement SLAVIA Tipo B: motore monocilindrico raffreddato ad aria con cilindrata di 240 cc, 1,75 CV di potenza e una velocità massima di 40 km / h
›120 anni di sport motoristici: per celebrare l’anniversario, ŠKODA AUTO presenta 18 esemplari modelli sportivi importanti nella storia dell’azienda nell’ambito di una serie di approfondimenti

Mladá Boleslav – Il secondo modello di moto di Laurin & Klement, la SLAVIA B, gioca un ruolo molto speciale nella storia aziendale di Laurin & Klement: è stata la prima moto che l’azienda con sede a Mladá Boleslav ha partecipato a una gara internazionale nel 1901. La corsa di lunga distanza da Parigi a Berlino era considerata la sfida più dura del suo tempo. Il pilota ufficiale Narcis Podsedníček ha fatto la storia al suo primo tentativo: è stato l’unico partecipante della sua classe a raggiungere il traguardo ma non è mai stato dichiarato vincitore.

Quando coraggio e temerarietà si combinano con un po ‘di follia, la scena è impostata per il successo leggendario – come è avvenuto nei primi giorni del motorsport, all’inizio del 20 ° secolo. A quel tempo, pionieri determinati aprirono sistematicamente nuove strade e spinsero i limiti di ciò che era possibile e realizzabile, sempre con una ferma convinzione nel progresso tecnologico.

Václav Laurin e Václav Klement, i fondatori dell’omonimo produttore di biciclette di Mladá Boleslav in Boemia, erano tra questi visionari. Oltre al loro impegno nell’offrire biciclette di alta qualità e convenienti, erano anche uniti dalla loro passione per le corse. L’azienda, nata nel 1895 come piccola officina di riparazione, decolla rapidamente: dopo solo un anno i due danno lavoro a 21 persone e commercializzano cinque diversi modelli di biciclette con l’etichetta “SLAVIA”.

Solo quattro anni dopo, il 18 novembre 1899, la giovane azienda presentò le sue prime due moto, la SLAVIA A e la SLAVIA B. Per migliorare la maneggevolezza e la stabilità delle moto, il motore fu installato nella parte inferiore del telaio. Questo design è standard oggi, ma a quei tempi, il frutto dell’ingegnoso ingegnere Václav Laurin era una vera sensazione. Grazie in parte alla visione imprenditoriale e all’acuto senso degli affari di Václav Klement, il produttore si espanse rapidamente negli anni seguenti: il libraio professionista si assicurò grandi ordini nel suo paese e allo stesso tempo aumentò il profilo di Laurin & Klement in importanti nazioni industriali come la Germania e Gran Bretagna. I successi nelle gare di lunga distanza hanno attirato molta attenzione internazionale all’epoca e hanno servito Václav Klement come mezzo per raggiungere un fine.


Narcis Podsedníček – il primo pilota ufficiale della casa motociclistica di Mladá Boleslav
Le “due ruote motorizzate” di Mladá Boleslav fecero il loro debutto nel motorsport nel 1901 in occasione del più grande evento dell’epoca, la corsa da Parigi via Aquisgrana e Hannover a Berlino. Il percorso di 1.196 chilometri è stato una grande sfida per uomini e macchine. Il pilota ufficiale Narcis Podsedníček ha iniziato la gara di tre giorni per Laurin & Klement come uno dei dieci partecipanti nelle categorie a due e tre ruote. Aveva già intrapreso una carriera in azienda e, grazie alla sua dedizione e alla sua eccezionale competenza, era rapidamente passato da attrezzista a rappresentante di vendita. All’apice della sua carriera, Podsedníček divenne in seguito il responsabile della produzione.

Il percorso copriva per lo più strade sterrate e ciottoli, e c’erano chiodi dappertutto, che causavano numerose forature. Alla fine, 48 veicoli su 110 sono arrivati ​​al traguardo. Sebbene Podsedníček fosse stato considerato un outsider nella migliore delle ipotesi nella corsa alla gara, ha raggiunto Berlino primo nella sua classe sulla motocicletta Laurin & Klement. La sua vittoria di classe è stata sorprendente anche perché nessuno lo aspettava quando ha tagliato il traguardo alle tre del mattino: l’ufficio del cronometraggio era chiuso e nessun commissario di gara era in servizio.

L’arrivo di Podsedníček è stato inizialmente confermato dagli agenti di polizia locali. Tuttavia, l’organizzatore non ha riconosciuto i record delle guardie e ha invece scelto quattro francesi sui tricicli De Dion-Bouton come vincitori, lasciando Podsedníček con solo una vittoria morale.

Tuttavia, questi risultati valsero alla sua eccezionale prestazione personale e al marchio Laurin & Klement una grande attenzione internazionale e rafforzarono la reputazione del giovane marchio, che presentò la sua prima automobile nel 1905: il proverbiale segnale di partenza per il futuro del produttore, coinvolgimento di enorme successo nel motorsport.

La motocicletta Laurin & Klement SLAVIA Tipo B
La società iniziò a produrre la Laurin & Klement SLAVIA B nel 1899. Quel novembre, la motocicletta fece il suo debutto sulla pista ciclabile di Praga-Bubny insieme alla Tipo A. La Tipo B aveva un sistema di raffreddamento ad aria motore monocilindrico che generava una potenza di 1,75 CV da una cilindrata di 240 cc; la velocità massima era di 40 km / h. Come era tipico all’epoca, la moto non aveva il cambio; il motore spingeva direttamente la ruota posteriore usando una cintura di pelle piatta. I ciclisti dovevano pedalare per avviare da soli il motorino di avviamento a catena e la trasmissione ausiliaria. Nel 1904, Laurin & Klement avevano costruito un totale di 540 unità dello SLAVIA B a Mladá Boleslav.

Nel 1956, questa storica moto ha ricevuto un onore speciale: è stata protagonista di “Vintage Car” (Dědeček Automobil), un film che offre una prospettiva sul “secolo automobilistico”. La sceneggiatura era basata sull’omonimo libro di Adolf Branald.