8 Dicembre 2021

Forte secondo semestre 2020 guidato da una forte domanda e da una gestione ben coordinata

Monaco. La redditizia performance del BMW Group nella seconda metà dell’anno finanziario 2020 ha fornito un buon vento favorevole per il 2021. Nonostante la pandemia globale, la casa automobilistica premium ha registrato un impressionante profitto ante imposte per gli ultimi sei mesi dell’anno pari a € 4.724 milioni, in aumento del 9,8% rispetto alla cifra già elevata di 4.303 milioni di euro dell’anno precedente.

A seguito della flessione degli utili dovuta alla pandemia nel secondo trimestre, il BMW Group è quindi tornato rapidamente a un percorso redditizio più familiare. Nella seconda metà dell’anno, ha consegnato ai clienti oltre 1,36 milioni di unità, molto di più rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. I volumi e gli utili sono cresciuti rispettivamente nell’ultimo trimestre dell’anno.

“Le nostre prestazioni nella seconda metà dell’anno hanno dimostrato quanto sia forte il BMW Group. Unendo tutti i nostri punti di forza, abbiamo presto superato l’impatto di settimane di chiusure di stabilimenti e blocchi a livello nazionale. E abbiamo assicurato che il BMW Group non resista mai. ancora, ” Oliver Zipse , presidente del consiglio di amministrazione di BMW AG, ha detto giovedì a Monaco di Baviera. “Abbiamo sviluppato le nostre strategie aziendali, in particolare la nostra totale adozione di un approccio olistico alla sostenibilità. Stiamo iniziando il 2021 rivitalizzati e con un vento favorevole. Seguiamo una chiara tabella di marcia per la trasformazione per garantire il nostro continuo successo come premio leader mondiale produttore. “

Nessuna qualità premium senza sostenibilità: gli obiettivi di decarbonizzazione per il 2020 superati

Grazie al maggior numero di modelli BMW e MINI elettrificati consegnati, il BMW Group ha migliorato l’obiettivo di emissioni di 104 g / km fissato per la sua flotta europea nel 2020 raggiungendo una cifra (provvisoria) di 99 g / km. In combinazione con obiettivi trasparenti per la conservazione delle risorse, il BMW Group intende rivendicare la sua pretesa di offrire l’auto elettrica “più verde” sul mercato.

Cinque modelli di serie completamente elettrici disponibili nel 2021

La mobilità elettrica è stata un motore di crescita chiave nel 2020, con 192.662 veicoli elettrificati dei marchi BMW e MINI venduti in tutto il mondo, un terzo in più rispetto all’anno precedente (+ 31,8%). Le consegne di veicoli completamente elettrici e ibridi plug-in sono aumentate rispettivamente del 13% e di quasi il 40%. In Europa, la percentuale delle consegne totali rappresentate da veicoli elettrificati è già del 15%. Dopo il suo lancio in Cina nell’autunno 2020, la BMW iX3 * è diventata disponibile anche sui mercati europei nelle ultime settimane. Insieme alla BMW i3 *, alla MINI Cooper SE * e alle imminenti BMW i4 e iX *, entro la fine dell’anno saranno offerti in totale cinque modelli completamente elettrici.

Spesa iniziale elevata e continua per la mobilità di domani

La trasformazione in corso del BMW Group ha reso nuovamente necessario un elevato livello di spesa in ricerca e sviluppo nel 2020, principalmente a vantaggio delle tecnologie di mobilità orientate al futuro, come la connettività dei veicoli, la guida altamente autonoma e la mobilità elettrica, nonché i nuovi progetti di veicoli di cui sopra . Nel complesso, le spese di ricerca e sviluppo in conformità agli IFRS sono diminuite leggermente a 5.689 milioni di euro (2019: 5.952 milioni di euro; -4,4%). Come risultato dell’intensificazione della gestione dei costi, anche il rapporto di ricerca e sviluppo è rimasto quasi al livello dell’anno precedente del 6,3%, nonostante un moderato calo dei ricavi del Gruppo (2019: 6,2%).

I costi di produzione sono diminuiti leggermente di anno in anno, in linea con il minor numero di veicoli consegnati durante l’intero periodo di dodici mesi. Allo stesso tempo, tuttavia, gli effetti valutari negativi e un aumento significativo della spesa per accantonamenti al rischio hanno avuto un effetto frenante sugli utili. Come annunciato in precedenza, le spese in conto capitale per immobili, impianti e macchinari e altre attività immateriali sono state ridotte in modo significativo nel 2020, con aggiunte per un totale di 3.922 milioni di euro (2019: 5.650 milioni di euro; -30,6%). Una parte significativa di questi investimenti riguardava nuovi progetti di veicoli prima dell’inizio della produzione in serie, nonché la costruzione e l’ampliamento degli impianti di produzione.

“Il BMW Group è emerso dal 2020 in una forma più digitale, efficiente e agile. Abbiamo migliorato la situazione sul lato dei costi tagliando i costi fissi e abbassando la spesa in conto capitale, mettendoci in una posizione di partenza favorevole per rendere il 2021 un anno più redditizio “, ha affermato il dottor Nicolas Peter , membro del consiglio di amministrazione di BMW AG, Finance. “Il nostro portafoglio di prodotti estremamente interessante contribuirà a guidare la crescita”.

Le misure attuate insieme al programma di prestazioni in corso stanno avendo un impatto positivo a lungo termine sulla redditività e stanno creando processi e strutture più snelli. In entrambi i casi, le misure stanno dando un contributo vitale al processo di trasformazione di successo. Dato il rapido progresso dell’elettrificazione, è probabile che fino al 50% delle varianti di trasmissione odierne saranno scomparse entro il 2025. Il BMW Group si sta inoltre adoperando per ridurre la complessità del portafoglio di modelli e aumentare l’efficienza nei settori degli acquisti, della produzione e delle vendite. Nel 2020, ad esempio, le spese di vendita sono state ridotte grazie a una combinazione di programmi di promozione dei prodotti più efficienti e processi di vendita e marketing ottimizzati.

Torna su un percorso di crescita redditizio dopo i blocchi

Ad eccezione del secondo trimestre, il Gruppo ha registrato un miglioramento dell’utile ante imposte per i restanti tre trimestri del 2020 rispetto a un anno prima. Le consegne del quarto trimestre di veicoli a marchio premium BMW, MINI e Rolls-Royce sono aumentate leggermente a 686.277 unità (+ 3,2%). Con 29.482 milioni di euro, i ricavi del Gruppo per questo periodo di tre mesi si sono attestati  a un livello altrettanto elevato dell’anno precedente (2019: 29.366 milioni di euro; + 0,4%).

L’utile prima del risultato finanziario del quarto trimestre è sceso a 2.197 milioni di euro (2019: 2.332 milioni di euro; -5,8%). Il decremento è in parte ascrivibile all’impatto negativo delle elisioni registrate a livello di Gruppo, determinato da un significativo aumento dei volumi di nuova produzione nel settore Financial Services. Il margine EBIT del quarto trimestre del Gruppo è stato del 7,5% (2019: 7,9%).

L’utile prima delle imposte per il periodo di tre mesi è aumentato a 2.260 milioni di euro (2019: 2.055 milioni di euro; + 10,0%). Il rendimento al lordo delle imposte (margine EBT) è migliorato al 7,7% (2019: 7,0%).

Il Gruppo rep orted cifre per l’anno finanziario 2020 riflettono chiaramente l’impatto della pandemia corona. A causa dei blocchi in tutto il mondo della durata di diverse settimane, le consegne di veicoli ai clienti sono diminuite di un moderato 8,4% a 2.325.179 unità. Anche i ricavi del gruppo sono diminuiti moderatamente, scendendo a 98.990 milioni di euro (2019: 104.210 milioni di euro; -5,0%).

L’utile prima del risultato finanziario si è deteriorato in modo significativo a 4.830 milioni di euro (2019: 7.411 milioni di euro; -34,8%).

L’utile prima delle imposte è sceso a 5.222 milioni di euro (2019: 7.118 milioni di euro; -26,6%), riflettendo in parte l’impatto negativo di fattori valutari sfavorevoli. Il margine ante imposte del Gruppo è stato del 5,3% (2019: 6,8%).

Sulla base del bilancio annuale di BMW AG, all’Assemblea generale annuale del 12 maggio 2021 il Consiglio di amministrazione e il Consiglio di vigilanza proporranno il pagamento di un dividendo di 1,90 € per azione ordinaria e 1,92 € per azione privilegiata. Ciò corrisponde a un payout ratio del 32,5% (2019: 32,8%) sull’utile netto dell’anno pari a 3.857 milioni di euro (2019: 5.022 milioni di euro), per un dividendo totale di 1.253 milioni di euro (2019: 1.646 milioni di euro). “Anche dopo un anno finanziario 2020 impegnativo, intendiamo mantenere la nostra promessa di consentire agli azionisti di partecipare al successo dell’azienda a un livello affidabile e commisurato”, ha affermato il CFO Dr Nicolas Peter.“Guardiamo con fiducia al 2021 e miriamo a mantenere lo slancio di crescita degli ultimi mesi”.

Elevato livello di free cash flow registrato nel quarto trimestre e per l’intero anno

L’impatto della pandemia è più evidente nel segmento Automotive, il più grande segmento operativo del BMW Group. Anche in questo caso, nella seconda metà dell’anno, si è verificato un effetto di recupero, con la redditività del segmento in forte aumento nell’ultimo trimestre.

Sebbene i ricavi del quarto trimestre siano diminuiti leggermente a 26.024 milioni di euro (2019: 26.829 milioni di euro; -3,0%), l’utile prima del risultato finanziario è stato significativamente più alto a 2.010 milioni di euro (2019: 1.825 milioni di euro; + 10,1%), riflettendo la quota maggiore di veicoli venduti in segmenti di mercato ad alto margine, con attività che beneficiano del migliore mix di prodotti e dei prezzi di vendita più elevati. Inoltre, anche l’aumento dei ricavi dalla vendita di veicoli usati ha contribuito a migliorare la redditività.

Di conseguenza, il margine EBIT è migliorato su base annua, salendo al 7,7% negli ultimi tre mesi dell’anno (4 ° trimestre 2019: 6,8%).

Tra gennaio e dicembre 2020 , il BMW Group ha consegnato ai clienti un totale di 2.325.179 unità (-8,4%).

In Europa le consegne sono diminuite sensibilmente a 913.642 unità (-15,5%). Negli USA il dato corrispondente è sceso a 307.876 unità (-18,1%). Al contrario, il BMW Group ha registrato una solida crescita in Cina , il suo più grande mercato di vendita, con consegne ai clienti in aumento del 7,4% a 778.412 unità.

Nel 2020, i ricavi del segmento Automotive sono stati pari a 80.853 milioni di euro (2019: 91.682 milioni di euro; -11,8%), significativamente inferiori rispetto a un anno prima, principalmente a causa del minor numero di consegne durante i periodi di blocco. La contrazione dei volumi sui mercati in Europa e negli Stati Uniti è stata parzialmente compensata dalla corrispondente crescita in Cina. Prezzi e volumi di vendita più elevati sono stati ottenuti anche nel segmento del lusso superiore.

Il minor numero di consegne complessive, i fattori valutari sfavorevoli, i maggiori costi di materiale e produzione sostenuti per i veicoli elettrificati e le misure di ristrutturazione relative al personale hanno fatto scendere l’ utile prima del risultato finanziario a 2.162 milioni di euro (2019: 4.499 milioni di euro; -51,9%) . Il margine EBIT dell’anno ha chiuso al 2,7% (2019: 4,9%). Il BMW Group ha quindi soddisfatto la sua previsione di raggiungere un margine EBIT entro il terzo superiore dell’intervallo obiettivo compreso tra 0 e 3%. L’utile ante imposte dell’esercizio è stato pari a 2.722 milioni di euro (2019: 4.467 milioni di euro; -39,1%).

Per contro, il free cash flow generato dal segmento Automotive si è sviluppato ancora più positivamente del previsto durante la seconda metà dell’anno, passando da un free cash flow negativo correlato alla pandemia nel primo semestre a un free cash flow positivo per l’intero anno di 3.395 milioni di euro (2019: 2.567 milioni di euro), con buoni contributi provenienti dal miglioramento degli utili e da una gestione più efficiente delle scorte. Altri fattori che hanno influenzato il flusso di cassa libero sono stati la minore quantità di riserve di garanzia utilizzate, maggiori proventi dalla vendita di veicoli usati come indicato sopra e maggiori pagamenti anticipati dai concessionari durante l’ultimo trimestre.

Nell’anno finanziario 2020, un totale di 2.028.841 BMW i veicoli del marchio sono stati consegnati a clienti in tutto il mondo (-7,1%). La crescita è stata ancora una volta particolarmente forte nel segmento del lusso superiore, con consegne in aumento del 12,4% a oltre 115.000 veicoli, riflettendo principalmente le prestazioni della Serie 7 e della Serie 8, nonché quella della BMW X7 nel suo primo anno completo sul mercato. In effetti, le vendite di questi modelli redditizi sono aumentate di oltre il 70% dal 2018. Anche i veicoli BMW M sono stati molto richiesti durante il 2020, con un aumento del 6% delle consegne a 144.218 unità, compresi i buoni contributi dei modelli ad alte prestazioni del Serie X. Nel frattempo, la nuova BMW M3 e la BMW M4 sono state aggiunte alla gamma di prodotti dopo il loro lancio nel primo trimestre 2021. Le consegne di veicoli elettrificati del BMW Group sono aumentate di quasi il 32% a 192.600 unità.

I modelli MINI Cooper SE * e John Cooper Works particolarmente apprezzati

Il marchio MINI, che opera all’interno di un segmento altamente competitivo, ha visto un calo significativo del business nel 2020, con consegne ai clienti che sono scese a 292.582 unità a causa della pandemia (-15,8%). In controtendenza, tuttavia, la MINI Cooper SE * completamente elettrica (17.580 unità) e i modelli John Cooper Works (20.565 unità; + 20,8%) hanno venduto molto bene.

Rolls-Royce Motor Cars lancia il nuovo Ghost

Rolls-Royce Motor Cars ha consegnato ai clienti un totale di 3.756 unità dei suoi veicoli ultra-lusso nel 2020 (-26,4%). Il dato inferiore è in parte attribuibile al cambio di modello Rolls-Royce Ghost e al fatto che il lancio del modello più venduto del marchio non è avvenuto fino all’ultimo trimestre dell’anno. Il portafoglio ordini per la nuova Rolls-Royce Ghost è pieno fino alla seconda metà del 2021. Rolls-Royce Motor Cars ha anche ricevuto un nuovo livello record di ordini per le attività su misura.

Utili BMW Motorrad in calo a causa della pandemia

Nonostante le sfide economiche prevalenti, BMW Motorrad ha consegnato ai clienti un totale di 169.272 motociclette e scooter nel 2020 (2019: 175.162; -3,4%). Nel quarto trimestre, le consegne sono aumentate leggermente di poco meno del 4% a 39.673 unità (2019: 38.230; + 3,8%), riflettendo il successo dell’ampio portafoglio di prodotti del marchio, inclusi tredici nuovi modelli lanciati.

I ricavi sono diminuiti leggermente a 2.284 milioni di euro (2019: 2.368 milioni di euro; -3,5%). L’utile prima del risultato finanziario è sceso bruscamente a 103 milioni di euro (2019: 194 milioni di euro; -46,9%), con un margine EBIT del segmento del 4,5% (2019: 8,2%). L’utile prima delle imposte dell’esercizio è stato di 100 milioni di euro (2019: 187 milioni di euro; -46,5%).

Il segmento dei servizi finanziari continua a registrare buoni risultati

Anche le chiusure legate a pandemia hanno pesato sulla performance del segmento Financial Services nella prima metà dell’anno. Il numero di nuovi contratti è sceso a 1.845.271 (2019: 2.003.782; -7,9%), mentre il portafoglio contratti comprendente 5.981.928 contratti era praticamente identico a un anno prima (31 dicembre 2019: 5.973.682 contratti; + 0,1%).

Gli effetti di recupero dal lato della domanda durante la seconda metà dell’anno hanno determinato un aumento del volume d’affari relativo ai veicoli usati, contribuendo al leggero aumento dei ricavi del segmento per l’intero anno a 30.044 milioni di euro (2019: 29.598 euro) milioni; + 1,5%). L’utile di settore prima delle imposte è stato pari a 1.725 milioni di euro (2019: 2.272 milioni di euro; -24,1%), in significativo calo rispetto all’anno precedente, principalmente a causa dell’aumento legato alla pandemia dei fondi per rischi di valore residuo e, in misura ancora maggiore , per i rischi di credito, che in entrambi i casi provocano un deterioramento degli utili. Il rendimento del capitale proprio (RoE) è sceso di conseguenza all’11,2% (2019: 15,0%).

Numero di dipendenti leggermente inferiore al livello dell’anno precedente

Il BMW Group aveva una forza lavoro di 120.726 dipendenti al 31 dicembre, leggermente inferiore a un anno prima e in linea con le previsioni (2019: 126.016 dipendenti; -4,2%). Il reclutamento nel settore IT e in settori orientati al futuro come la digitalizzazione, la guida autonoma e la mobilità elettrica è proseguito per tutto il 2020. Il numero di nuovi apprendisti è rimasto al livello elevato dell’anno precedente di circa 1.200. Al fine di garantire il fabbisogno di personale in futuro, il BMW Group assumerà un numero simile di apprendisti nel 2021.

Consiglio di Sorveglianza

I mandati del dottor Karl-Ludwig Kley e Simone Menne terminano alla chiusura dell’Assemblea generale annuale del 12 maggio 2021. Non saranno rieleggibili poiché sono membri del Consiglio di vigilanza da più di 12 anni o perché avere altri mandati. Inoltre, il Prof. Dr. Dr. hc Reinhard F. Hüttl ha rassegnato le dimissioni con effetto dalla chiusura dell’Assemblea Generale Annuale, essendo stato anche membro del Consiglio di Sorveglianza per più di 12 anni. Il Consiglio di Sorveglianza desidera ringraziare i suddetti membri per la loro pluriennale collaborazione e il prezioso lavoro a nome del BMW Group. Su raccomandazione del Comitato per le Nomine, il Consiglio di Sorveglianza proporrà che il Dr Marc Bitzer, Rachel Empey e il Prof.Dr Dr hc Christoph M. Schmidt sarà eletto per la prima volta nel Consiglio di Sorveglianza in occasione della prossima Assemblea Generale Annuale. Tutti i candidati sono stati valutati dal Consiglio di Sorveglianza come indipendenti secondo i requisiti del Codice di Autodisciplina tedesco.