Agosto 5, 2021

Il BMW Group investe in un metodo innovativo per la produzione di acciaio senza CO2

Monaco. Il BMW Group sta implementando sistematicamente i suoi obiettivi di sostenibilità. Come annunciato oggi, l’azienda sta investendo in un metodo innovativo per la produzione di acciaio senza CO 2 sviluppato dalla startup americana Boston Metal, attraverso il suo fondo di capitale di rischio, BMW i Ventures. Negli anni a venire, Boston Metal prevede di espandere il nuovo metodo per la produzione di acciaio su scala industriale. L’investimento fa parte delle attività di sostenibilità di vasta portata del BMW Group volte a ridurre in modo significativo le emissioni di CO 2 attraverso la rete dei fornitori.

“Identifichiamo sistematicamente le materie prime e i componenti nella nostra rete di fornitori con le più alte emissioni di CO 2 dalla produzione. L’acciaio è uno di questi, ma è vitale per la produzione di automobili. Per questo ci siamo posti l’obiettivo di ridurre continuamente le emissioni di CO 2 nella filiera dell’acciaio. Entro il 2030, le emissioni di CO 2 dovrebbero essere inferiori di circa due milioni di tonnellate rispetto alla cifra odierna “, ha affermato il dott. Andreas Wendt, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG responsabile degli acquisti e della rete dei fornitori.

Con le sue proprietà versatili, l’acciaio è uno dei materiali più importanti nella produzione di automobili e non sarà meno importante per le future generazioni di veicoli. Anche con l’aumento dinamico dell’elettromobilità, l’acciaio rimarrà un materiale da costruzione importante per le carrozzerie delle auto e molti componenti. Gli stabilimenti di pressatura del BMW Group in Europa lavorano più di mezzo milione di tonnellate di acciaio all’anno.

Utilizzo di elettroni al posto del carbone per la produzione di acciaio

Gli altiforni utilizzati nella produzione di acciaio convenzionale generano anidride carbonica. La startup Boston Metal utilizza l’elettricità per la sua nuova tecnologia, che, tramite una cella di elettrolisi, produce ferro fuso che viene successivamente trasformato in acciaio. Se per questo processo viene utilizzata elettricità da energie rinnovabili, la produzione di acciaio è priva di carbonio. La giovane azienda costruirà strutture dimostrative per questo processo nei prossimi anni e lo svilupperà ulteriormente per l’uso su scala industriale.

Il BMW Group ha stabilito uno stretto contatto con Boston Metal già lo scorso anno nel contesto delle proprie attività di ricerca e attraverso il BMW Startup Garage. L’azienda sta ora investendo nella startup nell’ambito delle sue attività i Ventures. Tadeu Carneiro, Presidente e CEO di Boston Metal: “I nostri investitori abbracciano tutta la catena del valore dell’acciaio, dalle società minerarie a monte e del minerale di ferro fino al cliente finale a valle, e convalidano il processo innovativo di Boston Metal per produrre acciaio di alta qualità, a costi competitivi e su larga scala. “

Tecnologie innovative e utilizzo di energia verde nella produzione di acciaio

Investire in nuove tecnologie è uno dei tanti passi che il BMW Group sta compiendo per raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi per la catena di fornitura dell’acciaio. Ad esempio, la produzione a basse emissioni di carbonio è un importante criterio di aggiudicazione per ogni contratto.

“Per noi è importante che i nostri partner siano fermamente impegnati in azioni sostenibili e utilizzino tecnologie di produzione a basse emissioni di carbonio”, ha aggiunto Wendt. “Anche l’uso di energia verde ha un impatto importante. Stiamo già lavorando con fornitori che utilizzano solo energia verde per l’acciaio che producono per noi “.

Ciclo del materiale a ciclo chiuso e maggiore utilizzo di acciaio riciclato

Per salvaguardare le riserve di materie prime, il BMW Group si è posto l’obiettivo di aumentare ulteriormente la propria percentuale di materie prime riciclate, la cosiddetta materia secondaria, entro il 2030 e di utilizzare più volte le materie prime in un’economia circolare.

Tutti i rifiuti di acciaio prodotti negli impianti di pressatura, ad esempio quando le porte vengono fustellate, vengono riutilizzati attraverso un ciclo diretto del materiale o rinviati al produttore di acciaio tramite commercianti di acciaio e trasformati in nuovo acciaio. L’uso di materiale secondario riduce sostanzialmente le emissioni di CO 2 rispetto al materiale primario, preserva le risorse naturali e riduce anche la quantità di energia necessaria per la produzione.

Impegno per gli standard ambientali e sociali nella catena del valore

Nell’ambito del suo coinvolgimento con ResponsibleSteel, il BMW Group ha partecipato attivamente allo sviluppo di uno standard di sostenibilità che copre gli standard ambientali e sociali lungo l’intera catena del valore, a partire dalla miniera. Lo standard di sostenibilità per i siti di produzione nell’industria siderurgica è stato pubblicato nel 2019 come parte di un processo multi-stakeholder e ora costituisce la base per la certificazione.

ResponsibleSteel senza scopo di lucro è la prima iniziativa globale di certificazione e standard multi-stakeholder dell’industria siderurgica.