Giugno 15, 2021

Laurin & Klement RK / M (1921): il modello preferito del pilota automobilistico Conte Sascha Kolowrat-Krakowsky

›L’RK / M è uno dei pochi veicoli sopravvissuti che testimoniano la fusione di Laurin & Klement e Reichenberger Automobil Fabrik (RAF – Liberec Automobile Factory)
› Il leggendario pilota automobilistico Conte Alexander Kolowrat-Krakowsky è stato dietro lo sviluppo di questo auto sportiva basata sulla Laurin & Klement RK nel 1921
›La ben conservata RK / M è oggi una delle mostre più preziose del Museo Nazionale della Tecnica di Praga

Mladá Boleslav – L’imprenditore fantasioso conte Alexander Kolowrat-Krakowsky ha plasmato l’industria cinematografica austriaca all’inizio del XX secolo e ha anche lasciato il segno come appassionato di corse automobilistiche. Il conte “Sascha” è considerato la forza creativa dietro l’eccezionale Laurin & Klement RK / M, che ora è una delle mostre più preziose del Museo Nazionale della Tecnica di Praga. Laurin & Klement ha acquisito il modello sportivo dopo aver rilevato la Reichenberger Automobil Fabrik (RAF), modificandolo successivamente con un più potente motore da 4,7 litri. L’azienda ha quindi contribuito a lanciare la seconda carriera di successo nel motorsport di questo veicolo innovativo nella neonata Cecoslovacchia.

La Laurin & Klement RK commemora un capitolo affascinante e quasi dimenticato della storia automobilistica: la Reichenberger Automobil Fabrik (RAF). L’azienda, che operava nell’attuale Liberec, era specializzata in veicoli di lusso costruiti su misura. Il suo fondatore fu il barone Theodor von Liebieg, uno dei primi proprietari di automobili dell’Europa centrale. Poiché la costosa produzione di carrozzerie diventava gradualmente meno redditizia per von Liebieg, iniziò a cercare una soluzione. Allo stesso tempo, era anche un membro del consiglio di Laurin & Klement, quindi un’acquisizione da parte della società emergente ed efficiente di Mladá Boleslav è stata una scelta ovvia. La fusione fu finalizzata nel 1912.

Immediatamente prima della vendita, tuttavia, von Liebieg aveva acquisito la licenza per costruire motori a scorrimento senza valvola per la RAF 18/50 HP dallo specialista svevo Daimler. Si basavano sul cosiddetto principio del cavaliere e all’epoca erano considerati pionieri. Nel 1913, Laurin & Klement incorporò la lussuosa Landaulet con il nome RK nella propria gamma di modelli praticamente invariata; la designazione del modello stava per “RAF-Knight”. Il termine Landaulet, tratto da carrozzeria, si riferisce alle automobili con un corpo parzialmente chiuso la cui sezione del tetto posteriore può essere aperta come una decappottabile. Nel 1915, 116 unità della RK erano uscite dai cancelli della fabbrica a Mladá Boleslav.

La variante sportiva del modello per il conte Kolowrat fu costruita nel 1913. Il veicolo da 1.400 chilogrammi montava un motore a valvole a cassetto da 4712 cm³ e 36,8 kW (50 CV). Il quattro cilindri trasmetteva la sua potenza tramite una frizione multidisco a un cambio a quattro velocità, la marcia più alta delle quali era un meccanismo a trasmissione diretta. Molle semiellittiche disposte longitudinalmente formavano il telaio; aveva anche lo sterzo del mandrino a vite. Oltre a un freno a tamburo manuale per le ruote posteriori, sono stati installati due freni a pedale, ciascuno agente sulla trasmissione della coppia, uno davanti al cambio e l’altro dietro.

Il conte Sascha usò la Laurin & Klement RK come auto privata, ma nel 1913 e 1914 gareggiò con successo anche al Rally Alpino, una delle gare di lunga distanza più apprezzate dell’epoca. Quando scoppiò la prima guerra mondiale, mise l’auto a disposizione dei militari. Nel 1916, il veicolo aveva percorso 70.000 chilometri senza grossi problemi tecnici, un notevole chilometraggio per gli standard dell’epoca.

Alla fine della guerra, l’auto è tornata al proprietario, che aveva legami amichevoli con la società in qualità di azionista. La Kolowrat-Krakowsky, quindi, non ha avuto problemi a convincere l’azienda a ricostruire il veicolo che ormai ha otto anni: è stato dotato di un nuovo motore da corsa a quattro cilindri con valvole in testa e doppia accensione elettrica magnetica, che ha erogato 55 kW (75 CV) di potenza da una cilindrata di 4.713 cm 3 . Da quel momento in poi, il modello ha ricevuto la designazione RK / M.

Dopo la sua ricostruzione, la velocità massima dell’auto del conte Sasha è aumentata da 90 a 100 km / h originariamente fino a 125 km / h. Non sorprende che, con František Svoboda al volante, l’auto abbia avuto numerosi successi sui circuiti nazionali nella prima metà degli anni ’20. L’RK / M vinse l’International Reliability Tour of Czechoslovakia nel 1921, trionfò nella gara Schöber nella classe fino a 5,3 litri l’anno successivo e stabilì anche il punto di riferimento nelle salite; Svoboda è arrivato terzo nella gara di salita in salita Zbraslav – Jíloviště.

Nei decenni successivi, l’auto di Kolowrat è stata spesso revisionata e modificata, e oggi è una delle mostre più attraenti del Museo Nazionale della Tecnica di Praga. Grazie alle sue dimensioni, al design accattivante, alla sua impressionante patina e alla sua straordinaria storia, nel 2015 ha vinto una delle principali categorie del Concorso di eleganza per auto d’epoca al Castello di Loučeň.