4 Dicembre 2021

L’essenza dello Z-ness # 2

Shinichiro Irie, Program Designer Director di Z Proto

Nella nostra serie in corso, The Essence of Z-ness, abbiamo sentito per la prima volta il Chief Product Specialist Hiroshi Tamura su cosa significa Z-ness per lui e sull’eredità di Z in tutto il mondo. In questa seconda puntata, parliamo con Shinichiro Irie, Program Design Director di Z Proto, per chiedergli quali pensava fossero le qualità che definivano Z Proto, cosa aspettarsi con la prossima Z e per dare un’idea di cosa è entrato esattamente nel processo di pensiero dello stile Z, dalla penna e dalla carta alla realtà.

Irie è entrato a far parte del Dipartimento di Design di Nissan nel 1993, dopo essersi laureato alla Tokyo University of Art. Nel 1997 è diventato Senior Designer e nel 2001 è entrato a far parte del Creative Box di Nissan, uno studio satellite situato ad Harajuku, il centro della moda giovanile a Tokyo. Lì, si è concentrato sullo sviluppo del design di concept car di tendenza. Nel 2013 è diventato Design Director dei marchi Nissan e Infiniti presso Nissan Design America e, nel 2016, è stato nominato Program Design Director presso il Global Design Center dell’azienda in Giappone.

D: Grazie per aver condiviso un momento con noi. Vorremmo iniziare con la domanda di base: “Cos’è Z-ness?”

Irie: Penso che lo stile della Z sia un simbolo pe

D: Grazie per aver condiviso un momento con noi. Vorremmo iniziare con la domanda di base: “Cos’è Z-ness?”

Irie: Penso che lo stile della Z sia un simbolo per Nissan che incarna la filosofia dell’azienda. Volevamo renderlo qualcosa che piacesse a tutti, qualcosa di cui le persone si innamorassero a prima vista. Z-ness è anche qualcosa che, non appena si entra, offre piacere di guida con la sua eccellente maneggevolezza e potenza. E, naturalmente, la Z è un’auto che prende la tradizione e la combina con la tecnologia moderna; mescolando entrambi in un modo equilibrato che sembra fresco ma ha ancora il DNA Z al suo centro. Con ogni modello Z, Nissan ha fatto questo. Questa, per me, è l’essenza di Z-ness.

D: In termini di design, cosa conferisce allo Z Proto il suo Z-ness?

Irie: La Z ha una ricca storia e possiede molti elementi iconici. Prendiamo ad esempio i fari. Sulla 240Z originale (S30), quando i fari si illuminano attraverso la lente esterna, hanno creato un riflesso esterno unico. Abbiamo impiegato questa forma e l’abbiamo infusa con la tecnologia moderna per creare la firma del nuovo faro Z che è allo stesso tempo moderna e familiare.https://media.flixel.com/cinemagraph/2zewte6y7i2opiuu5lsx?hd=false

Lo stile dei gruppi ottici posteriori è un altro esempio. Sebbene molti lo abbiano paragonato agli Z32, in effetti l’originale Fairlady Z e gli altri Z del passato avevano un design simile. Come i fari, abbiamo progettato le luci posteriori tenendo a mente la nostra eredità, ma abbiamo utilizzato un nuovo approccio che ha portato a questo potente motivo iconico.https://media.flixel.com/cinemagraph/bw1gcr1yhbppdkl6kffq?hd=false

Un altro elemento unico è l’accento argentato che esalta la linea del tetto dell’auto. In studio, ci riferiamo a questo come la katana, poiché condivide una forma simile alla tradizionale spada giapponese. La Z Proto presenta uno schema di verniciatura bicolore con un tetto nero e l’accento attira l’attenzione, creando una silhouette molto “Z-esque” che scende dalla parte anteriore a quella posteriore. L’accento inoltre non perderà il suo effetto negli schemi di pittura monotona o più chiari.

D: Qual è il ruolo della Z nella gamma Nissan?

Irie: Certo, la Z è un’icona per gli appassionati di auto di tutto il mondo, ma penso che uno dei suoi ruoli principali sia stato quello di risvegliare la passione in tutti noi di Nissan. La passione interiore rende la Z un’entità unica in Nissan, fonte di ispirazione per tutti noi.

Inoltre, in quest’era in cui stiamo creando veicoli per l’era dell’elettrificazione, in particolare il nostro EV all’avanguardia, l’Ariya, sento che è importante che i veicoli siano posizionati in tutta la nostra gamma. Ecco perché penso che sia essenziale che la Z abbia le sue specifiche uniche e apprezzate, inclusa una trasmissione manuale, qualcosa che i nostri clienti si aspettano e apprezzano. Pertanto, nel nostro piano di trasformazione Nissan NEXT, la “A” simboleggia l’Ariya e la Z rappresenta appropriatamente la “Z”.

D: La linea del carattere della Z sembra giocare un ruolo importante nello stile dell’auto. Che cosa fa?

Irie: Posizionare questa linea di caratteri è stato davvero come infilare un ago. Stiamo parlando di individuarlo nello spazio di meno di 1 mm. Poiché la nuova Z ha un layout FR (motore anteriore / trazione posteriore), la linea del carattere trasmette il trasferimento di potenza dal motore alla strada, spostando l’energia del design dalla parte anteriore del corpo ai parafanghi posteriori, alle ruote e ai pneumatici. Se guardi da vicino, la linea svanisce attorno alla maniglia della porta. La ragione di ciò è che, come un arco teso, la linea si ferma per raccogliere la sua potenza prima di disperderla sul retro dell’auto. Per me, questa singola linea di caratteri esprime l’anima di Z.

D: Perché pensi che la Z abbia avuto una base di fan così forte, andando forte per più di 50 anni?

Irie: Penso che sia perché la Z, che alcuni in Nissan paragonano a una partner di ballo, è sempre stata un’auto sportiva che eccita i sensi pur essendo familiare e alla portata di molte persone. Ciò ha permesso alla Z, indipendentemente dal modello o dalla generazione, di essere costantemente amata. L’altro giorno ho ricevuto un messaggio sul mio account Instagram da un padre e un figlio che possiedono due diverse generazioni di Z. Quando hanno detto che non vedevano l’ora che arrivasse la prossima Z, ho pensato: “Stiamo creando un’auto che inizierà un altro capitolo nella famiglia Z, sia per le generazioni di veicoli che per gli appassionati di Z”.

D: Qual è la tua storia con la Z? Quali sono stati i tuoi ricordi ed esperienze straordinari?

Irie: Ad essere onesti, crescendo nell’era delle supercar, non avevo molto interesse per le auto giapponesi. Ma il motivo per cui ho deciso di unirmi a Nissan come designer è stato in gran parte dovuto alla Z32 (300ZX). Mentre ero ancora uno studente, ne ho visto uno in giro per la città. Ricordo ancora l’assoluto stupore che ho provato quando ho posato gli occhi su di esso per la prima volta. Questo era qualcosa che non avevo sperimentato da quando ho visto per la prima volta una supercar. E quando ho scoperto che l’auto era stata prodotta da un’azienda domestica, sono rimasta di nuovo sbalordita! La Z32 presentava una carrozzeria bassa, più bassa di quelle di altre auto sportive dei suoi tempi, e non avrei mai immaginato che un’azienda giapponese potesse creare qualcosa con uno stile così iconico. In realtà, disegnavo auto sportive per divertimento sin da quando ero bambino. Anche prima di posare gli occhi sulla Z32, ho disegnato auto che assomigliavano all’originale Fairlady Z (240Z). Mi piaceva disegnare macchine con aspetti davvero unici come la Z. A scuola, il mio insegnante mi ha spesso rimproverato in classe. Immagino si possa dire che mi stavo solo preparando per il mio futuro!

D: Cosa aspetti di più dal prossimo Z?

Irie: Non vedo l’ora di vederlo mescolato nel mondo con altre auto meravigliosamente progettate. Ad esempio, alla Pebble Beach Automotive Week ci sono molte auto degne di nota in mostra, ma le auto guidate in città dai partecipanti sono piuttosto impressionanti. Passare l’intera giornata a passeggiare per i parcheggi è per me divertente quanto l’evento stesso. Ma, guardando questi veicoli, ho sentito che non avevo ancora creato un’auto che sarebbe sembrata a casa accanto a loro. Bene, con la nuova Z, sento di averlo finalmente fatto.

D: Come vorresti che alla fine venisse ricevuta la Z?

Irie: Il tema del design della nuova Z è la fusione di tecnologie tradizionali e moderne. Il mio desiderio è che la Z soddisfi tutti gli appassionati e loro continueranno ad amare la Z. Inoltre, ereditando lo spirito delle auto sportive Nissan, spero che la nuova Z sarà nutrita da tutti negli anni a venire.