Maggio 8, 2021

Serie Laurin & Klement S: il primo modello ad alto volume di Mladá Boleslav ha fatto il suo debutto 110 anni fa

›Laurin & Klement presentò il suo modello più venduto, la serie S, il 16 aprile 1911
› Nel 1924 erano state costruite più di 2000 unità in numerose versioni, tra cui la Lady coupé e la “doppia berlina” Kavalier
›Anche i veicoli Laurin & Klement ha attirato clienti internazionali, trovando acquirenti lontani come l’impero britannico e russo
›La serie S si è comportata bene nelle gare e nelle competizioni più impegnative, arrivando 6 ° assoluto alla Targa Florio del 1914, ad esempio

Mladá Boleslav – I modelli ad alto volume con un interessante rapporto qualità-prezzo sono parte integrante dell’identità del marchio ŠKODA AUTO. 110 anni fa, Laurin & Klement presentarono la serie S, che divenne rapidamente il bestseller della neonata azienda di Mladá Boleslav. Nel 1924, più di 2.000 clienti dall’Europa e dall’estero avevano scelto il veicolo dei loro sogni dalla vasta gamma di varianti di carrozzeria aperta e chiusa. C’erano diverse versioni del robusto telaio e i motori a benzina a quattro cilindri con una cilindrata fino a 2.413 cm3 generavano 30 CV (22,1 kW) in questa fase di sviluppo.

La casa automobilistica Laurin & Klement ottenne un successo economico e sportivo con le biciclette subito dopo la sua fondazione nel 1895. Dal 1899 in poi, la gamma di prodotti fu ampliata per includere le motociclette prima che l’azienda presentasse la sua prima automobile nell’autunno del 1905: la Laurin & Klement Voiturette A. Oltre al suo alto valore di utilità, il veicolo aveva anche un rapporto prezzo-prestazioni particolarmente interessante e un basso consumo di carburante. Nel 1908, il 90% di tutte le automobili del segmento voiturette prodotte durante la doppia monarchia austro-ungarica erano prodotte da Laurin & Klement.

La gamma è cresciuta rapidamente con l’aggiunta di modelli in classi di veicoli superiori e il numero di unità prodotte nelle singole serie di modelli ha raggiunto ben presto le decine o addirittura le centinaia.

Con la prima guerra mondiale, la società Laurin & Klement era diventata la più grande casa automobilistica nell’impero austro-ungarico, dove all’epoca vivevano più di 50 milioni di persone. Una parte significativa dei veicoli prodotti a Mladá Boleslav è andata a clienti stranieri in tutti i continenti.

I cancelli del polo fieristico nel quartiere praghese di Holešovice sono stati aperti 110 anni fa domenica 16 aprile 1911. Il popolare salone automobilistico era dominato dallo stand di Laurin & Klement. Oltre ai veicoli commerciali con un carico utile fino a 10 tonnellate e agli autobus da 26 passeggeri, i visitatori erano particolarmente interessati ai nuovi modelli di autovetture. Anche la serie S, il nuovo modello base del produttore, ha fatto il suo debutto qui.

La designazione aggiuntiva 12/14 HP derivava da 12 “potenza fiscale”, un valore calcolato a fini fiscali secondo una formula ufficialmente definita, nonché dalla potenza effettiva di 14 CV (10,3 kW). Questo è stato prodotto da un motore a benzina a quattro cilindri raffreddato ad acqua con una cilindrata di 1.771 cm 3 e valvole laterali. Il motore, con un volano posizionato anteriormente, a ridosso del radiatore, formava un unico blocco con la frizione e il cambio a tre marce. Ciò significava che era necessario controllare e modificare un solo livello dell’olio. Inoltre, la casa automobilistica ha installato uno speciale lubrificatore realizzato da Friedmann, che fungeva da pompa dell’olio e serbatoio dell’olio. Garantisce la fornitura di olio, aumentando così la vita utile dei gruppi meccanici. Per l’accensione è stato utilizzato il sistema magnetoelettrico Eisenmann.

Un robusto telaio a scala realizzato con profili in acciaio a forma di U rivettati insieme costituiva la base della L&K S. Gli assi rigidi nella parte anteriore e posteriore erano sospesi ciascuno con due molle a balestra montate longitudinalmente. Il freno di servizio principale a pedale agiva sull’albero cardanico dietro il cambio, mentre i freni a tamburo delle ruote posteriori erano collegati alla leva del freno a mano. La dotazione standard comprendeva speciali ruote a raggi, il cui cerchio in acciaio era saldamente avvitato a un coprimozzo in legno. Ciò ha reso più facile riparare i pneumatici da 710 x 90 mm quando erano danneggiati, cosa comune all’epoca. Per un costo aggiuntivo, il produttore offriva anche ruote a raggi, seguite da cerchi interamente in acciaio Michelin dopo la prima guerra mondiale. Il telaio stradale completo della Model S con un passo di 2.688 mm pesava da 650 a 700 kg.

Ampia gamma di varianti per soddisfare tutte le esigenze
La Laurin & Klement S ha raggiunto una velocità massima da 50 a 60 km / h, a seconda che sia stata completata con una carrozzeria di veicolo commerciale leggero o una carrozzeria di autovetture. Le versioni base possono essere adattate alle esigenze specifiche di ogni cliente. All’inizio, i modelli open-top a due o quattro posti erano i più richiesti, ma in seguito la gamma è stata ampliata per includere altre versioni, come la landaulet ‘Vienna’, la berlina ‘Karlovy Vary’, la berlina doppia ‘Kavalier’ e le coupé “Lady” o “Doctor”, ciascuna con interni specifici per donna o uomo. I derivati ​​dei veicoli commerciali leggeri includevano il camion con piattaforma “Fortschritt” e il portapacchi “Express”.

La domanda dei clienti ha continuato a crescere, non da ultimo a causa della regolare modernizzazione dei veicoli Laurin & Klement S. Ogni fase dello sviluppo è stata indicata da una designazione del tipo con una successiva lettera da Sa a So. Le designazioni si completavano a vicenda e c’erano sovrapposizioni nei periodi di produzione. Nel tempo, il passo è cresciuto in numerosi passaggi dagli originali 2.688 millimetri a 3.220 millimetri. La configurazione di base dei motori a quattro cilindri in linea è stata mantenuta; tuttavia, lo spostamento è aumentato da 1.771 cm 3 a 2.413 cm 3in più fasi. A sua volta, la potenza è aumentata da 14 CV (10,3 kW) a 30 CV (22,1 kW). Inoltre, il cambio a tre velocità è stato sostituito da un cambio a quattro velocità per migliorare le caratteristiche dinamiche dei veicoli della serie S. Un moderno avviamento elettrico divenne disponibile a partire dal 1918 – inizialmente solo su richiesta del cliente – sebbene fosse ancora possibile avviare il motore come prima. Tuttavia, a causa della cilindrata maggiore e del rapporto di compressione più elevato, l’avviamento è stato molto faticoso. Le luci originali ad acetilene con generatori di gas a carburo furono sostituite all’inizio degli anni ’20 da lampadine elettriche, che erano molto più facili da usare.

Durante i 14 anni in cui sono stati costruiti i modelli Laurin & Klement S, la casa automobilistica ha ottenuto numerosi successi nelle corse automobilistiche con la serie. Tra le più degne di nota le vittorie nelle gare Trieste – Opicina e Troppau – Moravia Ostrava (1911) e la Gran Medaglia d’Oro alla gara di Parma, Italia (1913), 6 ° posto in classifica generale all’impegnativa siciliana la Targa Florio (1914) e il premio speciale assegnato dal presidente dell’Automobile Club cecoslovacco Prof. Otakar Kukula per il modello “L&K Se” nella gara di affidabilità di 2.000 chilometri del 1921. Nella stessa competizione, la più grande ‘L&K Cosi ‘il modello ha ricevuto la targa d’argento. Inoltre, le vetture hanno portato alla vittoria nelle salite Zbraslav – Jíloviště ed Ecce Homo, nonché nella gara di Schöber (1922).

Tradizione dei modelli di volume di Mladá Boleslav
Dopo la produzione di oltre 2.000 veicoli della serie S, il modello Laurin & Klement / ŠKODA 110 è diventato il modello più venduto del produttore di Mladá Boleslav; furono prodotte in totale 2.985 unità tra il 1925 e il 1929. Queste furono le ultime vetture sviluppate nell’era Laurin & Klement, sebbene recassero già il logo ŠKODA.

La tradizione dei modelli di volume a prezzi accessibili, iniziata 110 anni fa con la serie Laurin & Klement S, è continuata dopo che ŠKODA è entrata come forte partner strategico. Lo ŠKODA 422 è stato il primo veicolo del marchio ad essere prodotto su una linea di assemblaggio utilizzando metodi di produzione efficienti ed era disponibile dalla primavera del 1930 a un prezzo di partenza di 33.000 corone. Lo stipendio medio annuo di un dipendente pubblico a quel tempo era di 18.000 corone. Tra il 1930 e il 1932, 3.466 clienti hanno optato per la Š 422. Nel marzo 1934, la società Baťa ha ricevuto da Mladá Boleslav il primo modello di una generazione completamente nuova di automobili: la ŠKODA POPULAR. Il modello era la risposta alla crisi economica dell’epoca. Le innovazioni tecniche del POPULAR includevano il telaio tubolare centrale e le sospensioni indipendenti. Il prezzo del veicolo, che era anche molto richiesto all’estero, iniziato a sole 17.800 corone. Questo è stato uno dei motivi per cui l’auto ha conquistato più di 22.500 clienti tra il 1934 e il 1947. Altre pietre miliari nella storia della casa automobilistica ceca includono l’introduzione di veicoli con motore posteriore (1964: ŠKODA 1000 MB) e motore anteriore e trasmissione trasversali montati ( 1987: ŠKODA FAVORIT). Nel 2020, ŠKODA ha presentato ENYAQ iV, il primo modello di serie basato sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen per veicoli elettrici a batteria.

Il volume di produzione annuale dello stabilimento automobilistico di Mladá Boleslav 110 anni fa era di 336 veicoli e – al culmine della serie Laurin & Klement S nel 1914 – 453 veicoli. Nel 1938 furono prodotte 7.677 unità della POPULAR. Il modello ŠKODA 1000 MB prodotto in serie superò la soglia dei 100.000 veicoli nel 1968.