Giugno 15, 2021

N. 1 nella posizione n. 1: Nick Yelloly conquista la pole position sotto la pioggia con la BMW M6 GT3 della ROWE Racing.

Nürburgring – I vincitori dello scorso anno, la ROWE Racing, sono stati all’altezza del numero 1 sulla BMW M6 GT3 nelle migliori qualifiche. In condizioni difficili su un circuito bagnato, Nick Yelloly (GBR) ha conquistato la pole position per la 24 Ore del Nürburgring con un tempo sul giro di 10:01,619 minuti. La gara prenderà il via sabato alle 15:30. Jesse Krohn (FIN) è arrivato quarto con la BMW M6 GT3 #20 di Schubert Motorsport, mentre Max Hesse (GER) è arrivato decimo con la BMW M6 GT3 #77 del BMW Junior Team. Poco prima dell’inizio delle Top Qualifying, il giro d’onore per la BMW M3 ‘Eifelblitz’ in memoria di Sabine Schmitz ha assicurato un’atmosfera sensazionale.

Mentre la pista era ancora asciutta, Augusto Farfus (BRA) aveva messo il BMW Junior Team nelle condizioni di lottare per la top ten registrando il terzo tempo nella prima parte delle Top Qualifying, qualificandosi così per la top 20 shootout. Hesse ha poi tenuto i nervi saldi mentre il maltempo ha portato a condizioni della pista estremamente difficili.

La sessione è andata ancora meglio per Yelloly, che ha affrontato al meglio le condizioni per girare più di due secondi più veloce della seconda vettura. Una buona prestazione nella cronometro individuale ha portato Krohn al terzo posto per qualche tempo, ma era comunque contento di finire quarto e assicurarsi un posto nella seconda fila della griglia.

Anche l’auto Walkenhorst Motorsport #100 in gara nella classe Pro-Am era entrata nelle Top Qualifying 2, ma ha scelto di non apparire per motivi di sicurezza ed è stata classificata in 20a posizione. La Walkenhorst Motorsport #101 BMW M6 GT3, la #98 BMW M6 GT3 di ROWE Racing e la Walkenhorst Motorsport #102 BMW M6 GT3 partiranno dalla 24esima, 25esima e 30esima posizione.

L’apparizione di ‘Eifelblitz’ in memoria di Sabine Schmitz evoca vere emozioni.
I 30 minuti che hanno preceduto la prima delle due sessioni di qualificazione sono stati dominati dai ricordi della leggenda del Nürburgring recentemente scomparsa Sabine Schmitz. Johannes Scheid, che ha vinto la 24 Ore insieme a Schmitz nel 1996 e 1997 al volante della BMW M3 ‘Eifelblitz’, ha compiuto un giro d’onore intorno al Nordschleife in una replica dell’auto vincitrice del 1996. È iniziato nel pit lane, accompagnata dagli applausi degli altri team e piloti, che sono usciti dalle aree box per formare una guardia d’onore per l’Eifelblitz. “È stato molto emozionante vedere prima tutti nella corsia dei box e poi i commissari di pista lungo il circuito, che avevano persino creato i propri striscioni”, ha detto Scheid dopo il suo giro. “Ho detto a Sabine: ‘Sono tutti lì per te’. È stato molto commovente. Mi fa ancora venire i brividi solo a pensarci.

Reazioni alle qualifiche migliori:

Mike Krack (responsabile della BMW M Motorsport): “Le condizioni per le qualifiche di oggi erano estremamente difficili e siamo molto soddisfatti delle prestazioni della BMW. I vincitori dello scorso anno ROWE Racing e Nick Yelloly in pole position dopo un’eccezionale dimostrazione di guida, Jesse Krohn al quarto posto nella BMW M6 GT3 di Schubert Motorsport e Max Hesse nella vettura del BMW Junior Team, che Augusto Farfus è uscito dalla Q1 ed è entrato Q2, in decima posizione, è stata una prestazione superba. Ma questo è solo l’inizio. Abbiamo una gara molto lunga davanti a noi e si tratterà di commettere il minor numero di errori possibile. Oggi, il Nordschleife ha già dimostrato che puoi sempre aspettarti condizioni meteorologiche imprevedibili e domani non sarà diverso. E devi considerare la forza della concorrenza. Abbiamo un’auto matura e affidabile sotto forma di BMW M6 GT3, abbiamo ottime squadre e ottimi piloti. Insieme, cercheremo di ottenere il meglio da questo. Non vediamo l’ora che arrivi questa gara.“

Nick Yelloly (#1 BMW M6 GT3, ROWE Racing, 1° posto): “Sono molto, molto felice di portare a casa quella pole per BMW. Ovviamente dopo l’evento dell’anno scorso, quando siamo riusciti a vincere, iniziare così è semplicemente fantastico. Non potevo immaginare un inizio migliore del weekend. Era piuttosto difficile e scivoloso là fuori, ma ha funzionato. Ora si tratta di concentrarsi per la gara. Sappiamo che saranno condizioni miste, quindi dobbiamo essere molto bravi e al top del nostro gioco in termini di scelta della giusta strategia ai box e scelta delle gomme. Ma il team è stato fantastico, così come la BMW, lo scorso anno, nel farlo, quindi non c’è motivo per cui non possiamo farlo di nuovo”

Jesse Krohn (#20 BMW M6 GT3, Schubert Motorsport, 4° posto): “Sono molto felice. Ovviamente partire tra i primi dieci è molto importante in questa gara e siamo riusciti a qualificarci tra i primi cinque, quindi posso essere felice soprattutto perché non riesco nemmeno a ricordare l’ultima volta che ho guidato qui sul bagnato e molti altri ragazzi hanno guidato molto qui l’anno scorso, quindi in questo senso avevano un po’ di vantaggio. Ma sono andato al livello di rischio con cui mi sentivo a mio agio, che sapevo di poter fare un buon lavoro senza rischiare la macchina. Perché domani è il grande giorno, oggi era solo un passo verso l’obiettivo”.

Max Hesse (n. 77 BMW M6 GT3, BMW Junior Team, 10° posto): “Mega! Quella è stata la prima volta che ho guidato un giro con la vettura GT3 sotto la pioggia. Fin dall’inizio, ho capito che non sarebbe stato un compito facile. Ma nel complesso, siamo ovviamente molto contenti del decimo posto. È il nostro primo risultato nella top ten alla nostra prima gara di 24 ore nella GT3. Un grande grazie anche ad Augusto; il suo giro in Q1 è stato davvero fantastico. I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro e la macchina è andata perfettamente. Tutti e quattro ci sentiamo davvero bene in macchina e ora si tratta solo di concentrarsi sulla gara, abbiamo ancora 24 ore di guida davanti a noi”.

Augusto Farfus (n. 77 BMW M6 GT3, BMW Junior Team, 10° posto): “È fantastico! Considerando che Max non ha mai provato una GT3 sul bagnato, ha fatto un ottimo lavoro. Sono molto orgoglioso di ciò che abbiamo fatto. La prima qualifica non è stata facile perché non c’era spazio per gli errori, quindi abbiamo fatto un buon lavoro e siamo passati alla Q2. Poi Max ha fatto un ottimo lavoro. Abbiamo tre BMW nella top ten, non potrebbe andare meglio”.