Agosto 5, 2021

120 anni di ŠKODA Motorsport: segnale di partenza per la tratta Parigi-Berlino con le moto di Laurin & Klement

  • Prima gara internazionale con veicoli da Mladá Boleslav: il 27 giugno 1901, due moto da Laurin & Klement partì sulla rotta da Parigi a Berlino
  • The L & K Tipo B ‘motorizzati a due ruote’ sono stati alimentati da un raffreddato ad aria 240cm3 singolo -motore a quattro tempi cilindrico; la versione standard erogava 1,75 CV (1,3 kW) e raggiungeva una velocità di 40 km/h
  • Subito dopo il debutto nel motorsport del costruttore ceco, seguì una serie impressionante di vittorie per le moto e le auto di Laurin & Klement e ŠKODA

Mladá Boleslav, 28 giugno 2021 – La storia di ŠKODA Motorsport inizia giovedì 27 giugno 1901, alle 6:58 del mattino. Alla cosiddetta Maratona Parigi-Berlino, la corsa su strada più impegnativa del suo tempo, i due corridori Topf e Podsedníček sono partiti ciascuno su un monocilindrico Laurin & Klement Tipo B. Laurin & Klement hanno sfruttato l’esperienza acquisita nelle corse internazionali per collezionare in breve tempo numerose vittorie, tra cui il titolo mondiale nel 1905.

La prima pietra dell’azienda con sede a Mladá Boleslav fu posata alla fine del 1895 dal tecnico Václav Laurin e dal visionario Václav Klement. Oltre all’amicizia e al legame di una vita con la regione, erano uniti anche dalla passione per il ciclismo. In una modesta officina, hanno iniziato riparando biciclette, ampliando presto la loro offerta per includere biciclette di proprietà, che commercializzavano con il marchio SLAVIA. Questi sono stati realizzati con materiali di alta qualità e sono stati caratterizzati da un interessante rapporto qualità-prezzo e da idee tecniche innovative.

Già nella primavera del 1899, l’azienda aveva aggiunto un motore ausiliario a benzina di propria progettazione alla vasta gamma di biciclette e tricicli e infine presentò a Praga il 18 novembre 1899 due modelli di motociclette L&K tecnologicamente avanzati. Avevano un motore a quattro tempi motore cilindrico montato nella parte inferiore del telaio, dove era meglio protetto dai danni. Lo spostamento deliberato del baricentro ha migliorato la maneggevolezza della moto. A quel tempo non c’era né frizione né cambio; il motore era collegato alla ruota motrice posteriore da una lunga cinghia di cuoio. Per avviare il motore, la macchina doveva essere spinta. Quindi, il cavaliere è saltato in sella e ha messo i piedi sui pedali. Per affrontare salite ripide, potevano assistere il motore pedalando.

Le moderne macchine di Mladá Boleslav divennero rapidamente un successo. Alla fine del 1899, Václav Klement tornò da un viaggio di lavoro in Germania con ordini per 35 di queste moto. Inoltre, nella primavera del 1900, riuscì a organizzare la consegna di 150 motociclette in Gran Bretagna. La qualità superiore dei modelli di Mladá Boleslav rispetto ai forti concorrenti internazionali è documentata anche in numerosi premi, come i primi premi nelle rispettive categorie alle fiere di Francoforte sul Meno (1900) e Vienna e Amburgo (1901).

Anche l’impegno di successo del produttore nel motorsport è iniziato 120 anni fa. Il marchio di Mladá Boleslav ha fatto il suo debutto agonistico internazionale sui 1.196 chilometri del percorso Parigi – Aquisgrana, Aquisgrana – Hannover, Hannover – Berlino che si è concluso in tre tappe. Oltre a 110 vetture, che hanno gareggiato in tre diverse categorie a seconda del loro peso (fino a 400 kg, da 400 a 650 kg, oltre 650 kg), in una categoria combinata hanno gareggiato anche dieci moto e tre ruote. Lunedì 27 giugno 1901 le vetture della categoria principale partivano a intervalli di due minuti dalle tre e mezza del mattino. Le moto di Laurin & Klement, offerte anche su alcuni mercati con il nome di “Repubblica”, erano rappresentato a Parigi con due macchine di tipo B: alle 6:58 partì il corridore numero 168, seguito due minuti dopo da Narcis Podsedníček.

Podsedníček, nato nel 1866 a Mysločovice, Moravia, è entrato a far parte dell’azienda come uno dei primi rappresentanti di vendita di biciclette SLAVIA a Holešov già nel 1897. All’età di 33 anni, “Podseda”, come era conosciuto da amici e conoscenti , ha iniziato a lavorare per Laurin & Klement il 3 febbraio 1900. Grazie alla sua dedizione e lungimiranza, è rapidamente salito alla posizione di caposquadra senior per la produzione di biciclette e motociclette. La sua esperienza come tecnico e pilota lo ha reso la scelta ideale per la competizione Parigi-Berlino.

La corsa più impegnativa del suo tempo ha messo a dura prova sia la tecnologia che le capacità dei corridori, in primo luogo per la sua lunghezza e poi per il fondo stradale, poiché il percorso prevedeva strade sterrate e acciottolati. I corridori, abbandonati a se stessi, hanno dovuto fare i conti con forature causate da innumerevoli chiodi, schegge di metallo e vetro e ghiaia abrasiva lungo il percorso. Narcis Podsedníček ha vinto la sfida ed è stato uno dei pochi corridori a raggiungere il traguardo a Berlino il 29 giugno 1901. Tuttavia, quando è arrivato nella capitale tedesca di notte e il suo tempo di arrivo non è stato documentato correttamente, quattro tricicli francesi di De Dion – Alla fine Bouton è stato nominato vincitore nella categoria moto e triciclo.