Agosto 5, 2021

ŠKODA Sport (1949): il fondista dall’altra parte della cortina di ferro

  • La ŠKODA Sport ha preso parte alla 24 Ore di Le Mans nel 1950 ed è l’ultima vettura ceca a gareggiare lì
  • Il veicolo ha tenuto testa alla concorrenza prima di ritirarsi dopo 13 ore a causa di un piccolo difetto tecnico
  • La KODA 1101 ‘Tudor’ presentato nel 1946 è stato utilizzato come base tecnica

Mladá Boleslav – Tra tutti i modelli sportivi e i veicoli speciali nella storia di ŠKODA, la ŠKODA Sport gode di una posizione unica – fino ad oggi, è l’ultima vettura ceca ad aver preso parte con un equipaggio ceco alla famosa 24 Ore di Le Mans.

Per celebrare il 120 ° anniversario del suo impegno nel motorsport, ŠKODA presenta quest’anno diciotto veicoli da corsa speciali con i quali la casa automobilistica ha celebrato grandi successi sui circuiti nazionali e internazionali.

Negli anni ’50, il motorsport non sembrava avere molto futuro in Cecoslovacchia, le moto erano il mezzo di trasporto più popolare. Tuttavia, le prime gare internazionali si stavano svolgendo in questo momento. Nel 1949, ad esempio, la famosa 24 Ore di Le Mans fu riproposta per la prima volta dopo la seconda guerra mondiale e un anno dopo fu lanciata la nuova serie di Formula 1.

ŠKODA Sport basato sulla ŠKODA 1101 ‘Tudor’
La Cecoslovacchia voleva anche affrontare la concorrenza internazionale con un veicolo costruito localmente in modo da poter testare la durata dei componenti prodotti in serie e promuovere i veicoli ŠKODA all’estero. Fu quindi presa la decisione di costruire la ŠKODA Sport, un derivato sportivo basato sulla ŠKODA 1101 “Tudor” presentata nel 1946. L’auto da corsa aveva un telaio ottimizzato in termini di peso della ŠKODA 1101. A causa dell’altezza ridotta del veicolo, il gruppo propulsore era riposizionato, e il tubo centrale è stato accorciato di 400 mm, mentre la forcella del telaio scheletrato è stata allungata nella parte anteriore. I progettisti hanno anche adattato il posizionamento dello sterzo e dei pedali. L’auto è stata dotata di una carrozzeria bassa e aperta, realizzata a mano in lamiera di alluminio. Il serbatoio del carburante era posizionato dietro i due sedili e il carburante veniva fornito da una pompa elettrica. La griglia del radiatore aveva cinque nervature e i fari anteriori erano incastonati nella sezione anteriore. Per la costruzione della ŠKODA Sport sono stati utilizzati principalmente componenti standard della “Tudor”, compreso l’impianto elettrico di bordo a 12 volt dell’azienda PAL e pneumatici Barum. Furono costruite due auto verniciate di blu con motori da 1,1 litri. Una di queste auto da corsa doveva competere nella classe fino a 1500 cm³ ed erogava 56 CV con un compressore Roots aggiuntivo, mentre l’auto destinata alla classe fino a 1100 cm³ aveva 42 CV senza compressore.

Da Brno a Le Mans
Entrambe le vetture parteciparono per la prima volta il 25 settembre 1949 al Brno City Prize, l’ultimo Gran Premio della Cecoslovacchia per monoposto. Jaroslav Netušil ha guidato alla vittoria nella classe fino a 1100 cm³ con l’auto senza compressore, mentre Václav Bobek ha conquistato il secondo posto nella classe fino a 1500 cm³ con la ŠKODA Sport con compressore.

Per la gara di Le Mans si è deciso di utilizzare il veicolo senza compressore e di ottimizzare ulteriormente la ŠKODA Sport. In linea con le normative francesi e l’esperienza maturata fino ad ora, il passo è stato allungato di 180 mm e sono stati montati due fari supplementari ai lati della griglia del radiatore. L’auto, ora verniciata con i colori nazionali, era dotata anche di un parabrezza davanti al sedile del passeggero e viaggiava con pneumatici Michelin per la sua gara alla Sarthe. Con il pieno di carburante e attrezzi e pezzi di ricambio, gli unici consentiti per le riparazioni essenziali durante la gara, l’auto pesava appena 700 chilogrammi. Sotto il cofano c’era il collaudato motore a quattro cilindri raffreddato ad acqua con una cilindrata di 1089 cm 3che erogava 50 CV (37 kW) a 5200 giri/min grazie a un rapporto di compressione di 8,6:1, un carburatore Solex 40 UAIP e altre modifiche tecniche. Con il carburante da corsa comune all’epoca, una miscela di benzina, etanolo e acetone, la ŠKODA Sport raggiungeva una velocità massima di 140 km/h con un consumo di soli 12 litri per 100 km. È stato possibile guidare per quattro ore di fila con il serbatoio pieno: un chiaro vantaggio per Václav Bobek e Jaroslav Netušil, che sono stati in grado di coprire distanze più lunghe senza fermarsi per il carburante rispetto ai loro rivali.

ŠKODA Sport alla 24 Ore di Le Mans 1950
La gara iniziò il 24 giugno 1950 alle 16:00 con la classica partenza di Le Mans: le vetture erano allineate su un lato della pista, i piloti sull’altro. Con la pistola di partenza, sono corsi alle loro auto da corsa e sono saltati al volante. Gli organizzatori hanno consentito 60 partecipanti su 112 interessati. Václav Bobek e Jaroslav Netušil hanno resistito a lungo con successo contro la concorrenza e presto hanno ricoperto una posizione promettente. Tredici ore in gara, però, l’automobile ha perso il potere sulla 121 ° giro costringendo la squadra di andare in pensione. La causa era un fusibile dello spinotto rotto, un piccolo difetto tecnico. Tuttavia, solo le parti trasportate nell’auto potevano essere utilizzate per la riparazione e un fusibile sostitutivo non era a bordo.

Fino al ritiro, Václav Bobek e Jaroslav Netušil si erano fatti strada fino al secondo posto nella classe fino a 1100 cm 3 a una velocità media di 126 km/h. Anche il loro quinto posto nella classifica speciale del coefficiente di potenza, che era comune all’epoca, era impressionante. Con queste prestazioni eccezionali, non è stata una grande consolazione nemmeno il fatto che nessuno dei loro rivali nella classe fino a 1100 cm³ abbia finito.

Per motivi politici, ŠKODA non ha iscritto alcun veicolo nella corsa successiva della gara di Le Mans. Sebbene la ŠKODA Sport non sia tornata alla Sarthe, ha partecipato con successo ad altre 80 gare nell’Europa centrale e orientale nei successivi dodici anni, con squadre di altri paesi del blocco orientale.

Nel tempo, la ŠKODA Sport è stata dotata di motori sempre più potenti, da ultimo nella versione a carburatore da 120 CV e un motore con due compressori da 190 CV. Dopo alcune modifiche aerodinamiche, la vettura di Le Mans stabilì il record di velocità cecoslovacco nella classe fino a 1100 cm 3 nel 1953 a 160,1 km/h. Dopo essere state ritirate dalla scuderia ŠKODA, le vetture speciali sono andate a piloti privati ​​che hanno corso con loro fino al 1963.

Nel 2020, la ŠKODA Sport completamente restaurata avrebbe dovuto prendere parte alla gara commemorativa di Le Mans Classic per celebrare il 70 ° anniversario della sua apparizione alla Sarthe, ma gli organizzatori sono stati costretti ad annullare l’evento a causa della pandemia di COVID-19.