26 Settembre 2021

Il potere del tocco

Come Nissan ha ridefinito la nostra interazione con le auto

Stai andando a casa di un amico. È una giornata calda e soleggiata e hai bisogno di rinfrescare l’abitacolo della tua auto. Per farlo normalmente è necessaria solo la memoria muscolare per raggiungere il cruscotto e girare una manopola o toccare un pulsante. Ma per gli ingegneri questa semplice azione richiede un’estrema attenzione ai dettagli e la ridefinizione dei modi per mantenere il sudore lontano dalla tua fronte.

Durante lo sviluppo del nuovissimo crossover elettrico Nissan Ariya , i suoi progettisti e ingegneri non hanno considerato solo l’ergonomia coinvolta nel raggiungere il cruscotto. Erano determinati a creare un nuovo look and feel per i controlli che i conducenti generalmente danno per scontati. Ciò ha richiesto un ripensamento dello spazio della cabina, del tocco e del posizionamento.

L’interno dell’Ariya è stato realizzato per essere una cabina aperta e spaziosa che offre un senso di calma e serenità. Parte di quel design è un cruscotto privo di pulsanti tradizionali. L’elegante rivestimento in legno che divide in due il cruscotto prende vita all’avvio di Ariya, illuminando una serie di controlli ambientali che risiedono appena sotto la superficie del cruscotto. Utilizzando una nuova generazione di controlli di feedback tattile, questi pulsanti sottilmente integrati aprono un mondo di possibilità nella relazione tra funzione e design.

Allo stesso modo in cui interagiamo con il display di uno smartphone per navigare e interagire con le app, i pulsanti di feedback tattile nell’Ariya reagiscono al tocco, comunicando attraverso le vibrazioni della punta delle dita. Quando si regolano i controlli del clima e le modalità di guida di Ariya, i conducenti interagiranno con un set familiare di icone. Tuttavia, poiché i punti di interazione si sentono e si sentono, possono rimanere concentrati sulla strada. La decisione del team di progettazione di integrare il feedback tattile nell’Ariya riflette il concetto di design alla base del veicolo, il Futurismo giapponese senza tempo , che adotta un approccio giapponese distintivo al design, trasmettendo un’impressione semplice ma potentemente moderna.

Il Senior Designer Hideki Tago spiega: “Abbiamo creato uno spazio pulito fondendo i controlli tattili con le venature della finitura a venature del legno degli interni. Lo abbiamo fatto in un modo che non ha influito sulle prestazioni dei controlli, permettendoci di ottenere sia funzionalità che un aspetto attraente”.

“Applicando una venatura del legno ai pannelli di plastica con un processo di idrostampa, abbiamo dato loro una sensazione simile al legno molto realistica. Allo stesso tempo, questo ha permesso alle icone trasparenti di prendere vita quando illuminate”.

Con l’obiettivo finale del team di progettazione di Ariya, era responsabilità del team di ingegneri realizzare questo concetto di fantascienza. Il processo è iniziato con un’analisi esauriente della tecnologia stessa.

I pulsanti di feedback tattile sono raggruppati in due aree specifiche nell’Ariya: sul cruscotto principale e sul bracciolo centrale regolabile. L’obiettivo era non solo integrare la tecnologia nel design della cabina come mezzo per stupire i passeggeri, ma anche per dare alla tecnologia una sensazione naturale e reattiva per un’ampia varietà di conducenti.

Dopo numerosi test, il team ha optato per pulsanti elettrostatici che non solo sono più grandi dei tradizionali controlli tattili, ma sono anche più distanziati. Ciò consente una sensazione realistica e intuitiva per gli utenti e genera anche una sorta di “calcio” della pressione dell’aria. Ciò amplifica il feedback tattile con la sensazione di clic di un pulsante meccanico tradizionale, nonostante non sia coinvolto alcun pulsante fisico tradizionale.

Poi è arrivata la messa a punto delle vibrazioni e dei suoni. Esatto: suoni. “Vibrazione e suono sono inseparabili”, spiega Tomotaka Igarashi, l’ingegnere responsabile dello sviluppo dell’interfaccia HMI interna dell’Ariya. “Può sembrare ovvio, ma questo ha sfidato il nostro team a sviluppare un suono unico che corrispondesse alle aspettative del pilota, progettandolo allo stesso tempo per essere il più piacevole possibile”

Tale attenzione ai dettagli in un crossover completamente elettrico è, ovviamente, una necessità, poiché il suono minimo emesso dal propulsore elettrico significa che i suoni sviluppati dal team saranno chiaramente udibili durante la guida. Lo sviluppo dei controlli tattili ha richiesto che ogni possibile scenario fosse testato ripetutamente per garantire un facile utilizzo per un’ampia gamma di conducenti. Ciò significava test approfonditi da parte di persone con dita di dimensioni diverse e lunghezze delle unghie e con diversi punti di forza della pressione dei pulsanti e angoli di impegno. Anche le mani guantate sono state testate per garantire l’attivazione dei pulsanti.

Questo è solo un esempio di come il design e la funzione sono stati intrecciati nello sviluppo di Ariya fin dall’inizio per offrire un’esperienza di guida e un livello di interazione assolutamente unici.